#UKRAINERUSSIAWAR. Il ritorno dell’Arte della Guerra

133

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia sta costringendo i governi occidentali a rivalutare i loro investimenti in settori come la robotica e l’intelligenza artificiale, creando una rinascita della spesa per i corazzati e l’artiglieria.

Lo ha detto nei giorni scorsi, un gruppo di leader militari durante la manifestazione Eurosatory. Il vice Capo di Stato Maggiore per le operazioni presso il quartier generale della Nato a Bruxelles, maggiore dell’Esercito Usa Matthew Van Wagenen, ha detto che i bombardamenti e la forza della Russia in Ucraina potrebbero portare a una maggiore attenzione per il vecchio mondo di fare la guerra: «Molti si sono addormentati credendo che il tipo di guerra che stiamo vedendo in Ucraina in questo momento non sarebbe mai più accaduto in Europa (…) Ed eccoci qui, nel 2022, e la guerra di logoramento è di nuovo in corso in Europa occidentale. È significativamente una cosa diversa. E penso che costringerà molti governi a tornare indietro e a pensare: Quali sono gli investimenti nella difesa che sono stati fatti o che devono essere fatti?».

Van Wagenen ha detto che alcuni governi hanno creduto di poter «sostituire la potenza bellica convenzionale» con investimenti in operazioni informatiche, guerra elettronica e robot. Di conseguenza, hanno creduto di poter spendere meno per elementi come l’artiglieria pesante, i blindati e la fanteria, ha poi chiarito.

Sebbene le operazioni informatiche, ad esempio, abbiano svolto un ruolo significativo in una serie di conflitti nell’ultimo decennio, non sembrano essere in prima linea nella strategia della Russia in Ucraina: «La minaccia della guerra elettronica, del cyber… non ha sostituito la raccolta di truppe e attrezzature russe in Ucraina (…) Questo è vitale per le operazioni offensive e difensive. Quindi è un imperativo diretto. Il numero di soldati che si possono mettere su un campo di battaglia fa la differenza (…) Il logoramento è vecchio come la guerra. È qui per restare, probabilmente per i prossimi 50-100 anni, per quanto noi vogliamo augurarci che sparisca», ha poi aggiunto, riporta Defense News.

I suoi commenti sono stati ripresi dal generale Pierre-Joseph Givre, direttore del comando di dottrina dell’esercito francese: «Ciò che è decisivo è quando si prende l’iniziativa sul campo (…) Non si tratta di tecnologia, ma in parte di tecnologia. In particolare, è una combinazione, è l’arte della guerra».

Givre ha detto che mentre la tecnologia può compensare le debolezze, come una forza sotto organico, come è stato il caso all’inizio del conflitto in Ucraina sulle prime linee della regione di Donbas, una massiccia potenza di fuoco può in ultima analisi fare la differenza.

Tommaso Dal Passo