#UKRAINERUSSIAWAR. Il fronte di Kherson frena. 9000 Ucraini su Kharkiv. Bombe alla centrale nucleare

537

Nella giornata dei commenti sul rapporto AIEA che parla dei danneggiamenti alla centrale da bombardamenti non ben specificati, secondo i russi gli ucraini hanno continuato a bombardare il sito nucleare.

La centrale è sotto i bombardamenti dalle 18.00 del 6 settembre, quando si sono sentite diverse esplosioni. A causa dei bombardamenti il sette settembre Energodar era di nuovo senza elettricità. «A causa dei danni alla sottostazione di Luch, 1-2 microdistretti della città sono privi di energia», ha affermato il sindaco Dmitry Orlov.

Secondo il ministero della Difesa della Federazione Russa: durante la giornata ci sono stati 3 bombardamenti di Energodar, 16 proiettili sono stati sparati da Ilyinka e Marganets. Altre fonti dicono che a seguito dei bombardamenti, la capacità della ZNPP è nuovamente diminuita.

Direzione Kherson
La battaglia per Kherson secondo la social sfera sia ucraina che russa è al momento ferma. Il ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che gli ucraini avrebbero interrotto le operazioni offensive su larga scala nella direzione di Kherson a causa delle perdite subite. Alle ore 18:00 italiane la situazione al fronte si presentava, secondo la social sfera ucraina e russa così:

Il settore Andreevsky del fronte in direzione Nikolaev-Kryvyi Rih rimane una zona di combattimento attivo. Durante la notte e la mattina presto (6 settembre), le Forze armate ucraine hanno trasferito rinforzi sulla costa meridionale, cercando di espandere la testa di ponte. E se le forze armate ucraine non sono riuscite ad avanzare oltre il quartier generale di Sukhoi, il sei settembre gli sforzi si sono concentrati sulla direzione di Belogorka.

Nella prima metà della giornata (6 settembre), le forze aerospaziali russe hanno messo fuori combattimento tutti e tre i valichi in funzione. Il fuoco dell’artiglieria ha impedito al parco del ponte di barche delle forze armate ucraine di costruire un nuovo passaggio.

A sud-est di Bereznegovatoy, in una piantagione forestale dello Smerch MLRS, sono state distrutte le riserve delle forze armate ucraine, che avrebbero dovuto essere trasferite a sud. Nel villaggio di Krasnopolye, due cannoni semoventi ucraini sono stati messi fuori combattimento. Entro la sera del 6 settembre, le forze armate ucraine hanno trasferito due cannoni Giacint-B da 152 mm a Bereznegovatoe.

La fanteria delle Forze armate ucraine, dopo aver attraversato Ingulets di notte, si è dispersa lungo il tratto Plotnitsky e ha iniziato ad avanzare verso Belogorka da nord-ovest. Intorno alle 13,00 ora di Mosca, l’offensiva fu sventata: i bombardieri russi distrussero il raggruppamento nemico alla periferia nord-occidentale del villaggio.

Nell’area di Sukhoi Stavka e Andriivka, le Forze armate RF continuano a distruggere gruppi ucraini sparsi con colpi di artiglieria e bombardamenti delle Forze aerospaziali russe.

Sulla sponda settentrionale dell’Ingulets sono ancora presenti riserve di manodopera e attrezzature. Non ci sono più nuovi carri armati: in pratica stanno lanciando BMP-1 e veicoli leggermente corazzati di produzione occidentale.

Direzione Kharkiv
La situazione è in continua evoluzione, le ultime informazioni arrivate dalla social sfera delle ore 12:00 affermavano che i combattimenti sono in corso alla periferia di Balakleya (la stessa Balakleya è sotto il controllo delle forze armate russe), a Verbovka, nell’area di Volokhov Yar (gli ucraini sono sulla strada Volokhov Yar – Izyum), così come nell’area di Semenovka in direzione di Shevchenkovo ​​​​(sull’autostrada Chuguev-Kupyansk). Sin dalla mattina, le forze aerospaziali russe e l’artiglieria hanno martellato, ci sono notizie secondo cui le riserve trasferite dalle forze armate russe sono già state messe in uso. Gli ucraini stanno anche usando fattivamente con l’artiglieria e l’MLRS e sta mettendo in azione le sue riserve precedentemente concentrate nell’area di Chuguev. In generale, si parla di una grave crisi operativa crescente.

La notte del 6 settembre, le forze armate ucraine hanno lanciato un attacco missilistico contro le strutture sociali a Kupyansk, nella parte liberata della regione di Kharkiv, compreso il posto di blocco per i rifugiati di Balakleya, riferiscono le autorità locali. Ritorna ad essere al centrale il fronte di Izyum.

L’offensiva su Balakleya e iniziata dal villaggio di Verbovka a nord-ovest di Balakleya. I combattimenti hanno assunto nella sera del 6 settembre un carattere posizionale, almeno 2 ponti sono stati fatti saltare in aria in città. Le forze armate ucraine continuano le operazioni offensive nelle vicinanze di Balakleya. Nella serata e nella notte di ieri, le unità ucraine sono avanzate dalle loro posizioni a Ivanovka e si sono avvicinate all’insediamento di Volkhov Yar.

I dati sul controllo di Volkhov Yar non sono chiari: c’è un video con soldati ucraini a un bivio all’interno del centro del villaggio, ma altre fonti affermano che le forze armate ucraine non si sono consolidate e si sono spostate più a nord lungo l’autostrada per Kupyansk. Tuttavia, in ogni caso, l’insediamento non è sotto il controllo delle Forze Armate russe.

Le Forze armate ucraine non sono ancora entrate nella stessa Balakleya: in rete è apparsa una foto con una stele all’ingresso, ma è stata scattata nella periferia più occidentale davanti al quartiere di Camp e al villaggio di Verbovka.

Le forze russe stanno effettuando attacchi di artiglieria contro l’avanzata delle forze e riserve ucraine, e anche gli aerei delle forze aerospaziali russe stanno lavorando su obiettivi. Le forze armate ucraine sono riuscite a mettere fuori combattimento un aereo d’attacco russo Su-25, il pilota è stato espulso ed è stato evacuato nella parte posteriore. Al momento Balakleya continua a trovarsi nell’accerchiamento operativo e nella zona dei danni da fuoco dell’artiglieria ucraina, le strade di accesso sono in una certa misura colpite dagli ucraini.

Avdiivka. Le truppe russe hanno iniziato a combattere alla periferia di Pervomaisk e hanno anche liberato la stazione di semina vicino a Sands, allontanando gli ucraini da due ponti sulla circonvallazione. Nella stessa area di Avdiivka non ci sono cambiamenti significativi, così come a Marinka con Ugledar.

La situazione in direzione Soledar
Bachmut. PMC “Wagner” ha preso Kodema. I contrattacchi nemici con l’uso di veicoli blindati sono stati respinti. Le battaglie erano in corso da metà estate. La liberazione di Kodema consentirà ai russi di svilupparsi in direzione di Zaitsevo da sud per raggiungere gli approcci meridionali a Bachmut, che in futuro consentiranno di prendere d’assalto la città da più direzioni contemporaneamente. La linea del fronte a Soledar non è cambiata significativamente: continuano gli scontri alla periferia sud della città e nell’adiacente villaggio di Bakhmutskoye. I russi continuano a effettuare attacchi di artiglieria sulle posizioni delle Forze armate ucraine negli insediamenti lungo la linea di contatto, nonché sui luoghi di concentrazione della manodopera e delle attrezzature nemiche.

Secondo il ministero della Difesa della Federazione Russa nelle direzioni Kharkov e Izyum la situazione è la seguente: un’arma di alta precisione a terra ha inflitto una sconfitta sul punto di dispiegamento temporaneo dell’unità della formazione nazionalista “Kraken” nella regione di Kharkov. Distrutto fino a 30 miliziani ucraini e 10 veicoli. Colpi di fuoco concentrati sulle posizioni di combattimento della 113a Brigata di difesa territoriale nell’area degli insediamenti di Prishib, Yavorskoe e Andriivka della regione di Kharkov hanno distrutto fino a 40 miliziani e militari ucraini e ferito più di 80 militari delle forze armate ucraine. L’aviazione operativa-tattica e dell’esercito, le forze missilistiche e l’artiglieria continuano a colpire strutture militari sul territorio dell’Ucraina.

Durante la giornata, sei posti di comando delle Forze armate ucraine sono stati colpiti nelle aree degli insediamenti di Chuguev, Dergachi, Prishib della regione di Kharkiv, Bachmut, Soledar, Kurakhovo della Repubblica popolare di Donetsk, nonché 47 unità di artiglieria, manodopera e equipaggiamento militare delle forze armate ucraine in 143 distretti

Secondo alcuni account della social sfera, le forze armate ucraine hanno coinvolto fino a 9mila persone nell’attacco a Balakleya. Al momento, Balakleya continua a tenersi in contatto con la “terraferma” attraverso la strada che viene attraversata, ma la cresta sta cercando di tagliarla, avanzando su Savintsy. Anche oggi Kupyansk è stata pesantemente bombardata. Gli ucraini alle 14.00 continuavano l’offensiva in direzione della strada settentrionale per Kupyansk. Soprattutto, gli ucraini probabilmente non hanno ancora pienamente attivato il piano offensivo (e il compito, a quanto pare, è il più ambizioso) e molto probabilmente inizieranno a fare pressione dal sud del Fronte di Izyum, affidandosi a Slavyansk e Barvenkovo. Secondo un analista militare gli ucraini continuano a cercare di stabilire uno stretto controllo sulla rete stradale a nord di Balakleya per trasformare i propri successi tattici in successi operativi. Avendo ottenuto il successo iniziale con gli attacchi a Verbovka e Volokhov Yar, si adopererà in modo del tutto naturale per consolidare i risultati della copertura di Balakleya da nord e garantire il respingimento dei contrattacchi da parte delle forze armate RF per continuare a coprire Balakleya in futuro. Pertanto, già il 2 ° giorno dell’operazione, le riserve della direzione Chuguev vengono messe in atto.

Ma già alle 15:00 ore italiane dalla social sfera si apprende che: l’attacco ucraino a Shevchenkove si è impantanato: al momento, la situazione sull’arco Shevchenkovo-Volkhov Yar si è stabilizzata. Il nemico ha cercato di trovare il modo di avvicinarsi a Shevchenkovo, ma è stato distrutto o respinto. I gruppi militari ucraini non sono entrati nel villaggio.

L’ultimo aggiornamento delle 15:30 asseriva che i combattimenti nell’area di Verbovka, Volokhov Yar, Semenovka continuavano. Balakleya si trova in un ambiente operativo: le strade principali che portano alla città sono attaccate dagli ucraini. Entrambe le parti sono nella fase di mettere in azione le proprie riserve. Secondo una serie di rapporti, gli attacchi nemici a Shevchenkove non hanno avuto successo. Per quanto riguarda il tentativo di avanzare da Volokhov Yar a Izyum, non ci sono ancora informazioni affidabili.

Si apprende inoltre che il comandante di Berdyansk, Artem Bardin è morto a seguito delle ferite riportate dall’esplosione della sua auto per una bomba posta nel veicolo.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here