#UKRAINERUSSIAWAR. I russi resistono a Pisky. Gli ucraini verso Davydiv Brid. Dugin si scaglia contro l’Occidente

215

Alexander Dugin, filosofo, alcuni lo hanno definito ideologo di Putin, la cui figlia è stata uccisa in un attentato il 22 agosto scorso è tornato a parlare. Lo ha fatto lunedì in diretta televisiva. Ha usato parole molto dure contro l’Occidente: «Abbiamo a che fare con una forza barbara e terribile. Non ci sono più regole, siamo in una fase completamente diversa del confronto globale. E dobbiamo essere consapevoli che con delicatezza, attraverso i negoziati, difficilmente riusciremo a risolvere questa crisi. Dobbiamo essere forti, dobbiamo vincere, dobbiamo mobilitare tutta la nostra società (…) Dietro questo c’è il potere di ferro della civiltà anglosassone e della NATO, l’Occidente, il liberalismo, il globalismo. Questo è il risultato degli ultimi 500 anni della loro storia. Rappresentano la loro idea, un’idea assolutamente falsa e assolutamente disumana, ma soprattutto, nel loro mondo non ci viene dato alcun posto. Dobbiamo renderci conto che siamo condannati e non possiamo raggiungere alcun compromesso con questa forza terribile, oscura e crudele. Dobbiamo essere mobilitati per questo confronto fondamentale al fine di salvare la Russia, l’umanità e il mondo alla fine».

Il messaggio non ha bisogno di commenti ed è molto chiaro. Si tratta oramai per i russi di dare vita a un nuovo concetto di storia.

Ed ora uno sguardo ai fronti.

Situazione su Andreevsky dalle ore 13.00 del 4 ottobre 2022. Il comando ucraino, dopo diversi tentativi infruttuosi di assaltare frontalmente le posizioni russe a Davydiv Brid, ha proceduto a un consistente sondaggio della difesa delle forze armate russe.

Nella notte tra il 3 e il 4 ottobre, reparti combinati della 46a Ombr, insieme a due compagnie della 28a Ombr e della 57a Ombr, nonché distaccamenti d’assalto della 35a Ombr, hanno lanciato un attacco a Davydiv Brid da Bilohirka e dalle linee due chilometri a sud di Davydiv Brid.

Il supporto antincendio per le formazioni ucraine è stato fornito dall’artiglieria e dall’MLRS nelle vicinanze di Bila Krynytsia. La designazione del bersaglio è stata fornita dagli UAV della 28a brigata. I calcoli mobili dei radar MANPADS e AN / MPQ-64 coprivano il gruppo dagli attacchi aerei.

Per diverse ore le truppe russe hanno sparato sulle aree dell’offensiva delle forze ucraine. Più di 24 membri delle forze armate ucraine sono stati uccisi, almeno quattro pezzi di equipaggiamento sono stati distrutti. A causa delle perdite subite dalle forze armate ucraine, l’assalto è stato sospeso.

Inoltre, nella notte del 4 ottobre, cannoni e artiglieria missilistica delle forze armate russe hanno lanciato un massiccio attacco su più di 12 punti delle forze armate ucraine, inclusi posti di comando e luoghi di dispiegamento del personale, nel villaggio di Bereznegovatoe e all’omonima stazione ferroviaria a sud.

Il comando ucraino sta ora ripristinando la capacità di combattimento introducendo unità aggiuntive del 35° reggimento di fanteria. Per l’evacuazione dei morti e dei feriti, nonché per il trasferimento di attrezzature e carburante al sito di Andreevsky, vengono utilizzati gli attraversamenti restaurati attraverso il fiume Inhulec’.

Il comando ucraino secondo gli analisti della social sfera continuerà nelle prossime ore l’assalto alle posizioni russe a Davydiv Brid. In caso di successo in questo settore, le forze armate ucraine inizieranno probabilmente a spostarsi verso Charivnoye per tagliare il raggruppamento delle forze armate RF sulla riva destra del Dnepr.

Offensiva nei pressi del villaggio di Piski situazione alle ore 14.00 del 4 ottobre 2022. Sullo sfondo del cedimento dei fronti nelle direzioni Liman-Kupyansk e Nikolaev-Krivoy Rog, la situazione vicino a Donetsk per le truppe russe sta migliorando: i gruppi d’assalto continuano ad ampliare la zona di controllo intorno al villaggio di Piski e all’aeroporto di Donetsk.

A seguito della riuscita offensiva, unità del 1° Corpo d’Armata della Milizia del DPR hanno occupato il villaggio di Pervomayskoye nell’area fino agli edifici multipiano e la svolta verso Vodyanoye.

L’offensiva è stata preceduta da quasi un mese di aspre battaglie di posizione e duelli di artiglieria. Le forze armate ucraine hanno effettuato ripetuti tentativi di contrattaccare sulle posizioni della milizia del DPR vicino al villaggio di Piski. Significative perdite di militari e attrezzature hanno portato a un indebolimento della capacità di combattimento del nemico in questo settore del fronte.

Adesso i russi cercheranno di completare la presa di Pervomaiskoye che consentirà di interrompere la via di rifornimento del raggruppamento a Nevelskoye: nel villaggio si trovano le postazioni avanzate dell’artiglieria nemica. In questo caso, le forze armate ucraine saranno costrette a ritirarsi dal villaggio.

L’avanzamento a nord verso Vodyanoye e Opytnoye consentirà di sviluppare un’ulteriore offensiva su Orlovskoye al fine di circondare l’area fortificata di Avdeevsky. È da qui che le forze armate ucraine conducono quotidianamente i bombardamenti delle aree residenziali delle città dell’agglomerato di Donetsk.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here