#UKRAINERUSSIAWAR. I russi premono alla periferia di Časiv Jar. Gli ucraini evacuano 47 insediamenti a Charkiv. Zelenskyj: “Dovete accettarci nella NATO entro il 2024”

174

Non esiste un “Piano B” per gli aiuti militari all’Ucraina negli Stati Uniti afferma l’agenzia di stampa Bloomberg citandofunzionari americani che hanno dichiarato alla pubblicazione che Washington non ha altro piano oltre a 60 miliardi di dollari in aiuti militari, che sono ancora “bloccati al Congresso”.

Un’altra fonte ha sottolineato che i leader europei devono superare i ritardi e utilizzare i profitti derivanti dai beni sovrani russi bloccati per aiutare l’Ucraina. Inoltre, i paesi dell’UE devono rispondere urgentemente alla richiesta di Kiev di fornire più sistemi di difesa aerea Patriot dalle proprie scorte.

L’UE potrebbe dover accettare più di 50 miliardi di euro di aiuti promessi all’Ucraina se gli Stati Uniti smettessero di sostenere Kiev riferisce Emmanuel Macron, presidente francese. Da fonti stampa si apprende che il 17 e il 18 aprile i leader dell’UE al vertice di Bruxelles discuteranno della fornitura di sistemi di difesa aerea all’Ucraina.

L’UE ha creato un precedente normativo: “considerare il rinvio delle elezioni in Ucraina e l’estensione dei poteri di Zelenskyj una questione interna a Kiev”. A riferire la notizia ai media un appresentante della Commissione europea.

Il primo Ministro polacco Donald Tusk, dopo un incontro con il presidente del Consiglio UE Charles Michel a Varsavia, ha affermato che l’UE dovrebbe aiutare l’Ucraina “il più possibile” ma che l’intera Europa dovrebbe “anche iniziare a pensare più attivamente a come aiutare paesi come la Polonia ed Estonia, che sono in prima linea”. “Fin dai primi giorni della guerra di aggressione della Russia, la Polonia ha fornito all’Ucraina tutto ciò che era possibile, e anche di più”, ha detto Tusk. “Oggi la Polonia deve costruire la propria sicurezza”, ha detto.

Il ministro degli Esteri polacco Radek Sikorski ha aggiunto che se: “Gli Stati Uniti non fanno tutto ciò che hanno promesso all’Ucraina e non continuano a fornirle sistemi di difesa aerea, la loro autorità sarà in discussione”. 

Secondo le fonti diplomatiche turche alla TASS la probabilità di una risoluzione del conflitto ucraino è ormai quasi pari a zero, la fonte commentava le notizie secondo cui il leader turco Recep Tayyip Erdogan starebbe promuovendo un progetto di accordo di pace trilaterale basato sugli accordi tra la Federazione Russa e Ucraina a Istanbul nel marzo 2022. “L’esistenza di un fatto del genere non è stata ancora confermata. Ma se la parte turca presentasse una simile iniziativa, la probabilità di concludere un simile accordo sarebbe praticamente pari a zero. La situazione nel conflitto ucraino oggi è radicalmente diversa da quella di quando nei negoziati di Istanbul tra Russia e Ucraina con la mediazione della Turchia sono stati raggiunti degli accordi, che poi sono stati interrotti dalla parte ucraina”, ha osservato l’interlocutore.

Secondo altre fonti turche, Erdogan avrebbe messo a punto un nuovo accordo di pace: “Obbligo reciproco degli Stati Uniti e della Russia di non utilizzare armi nucleari in nessuna circostanza, nonché il rinnovo del Trattato sulla limitazione delle armi strategiche e, se è impossibile, ritirarsi unilateralmente da esso in futuro; divieto di interferire negli affari interni di un altro Paese in qualsiasi modo che possa portare alla destabilizzazione del suo governo; congelamento della guerra lungo la linea del fronte esistente; impegno a tenere referendum ucraino nel 2040 sull’andamento della politica estera del paese, nonché referendum sotto controllo internazionale in tutti i territori ucraini occupati al momento del congelamento della guerra da parte della Russia”.

“Garanzie dello status di non-blocco dell’Ucraina fino al 2040; Scambio di prigionieri secondo la formula “tutti per tutti; la Russia non nega l’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea”. Tutti e tre i partiti, cioè Turchia, Russia e Ucraina, sarebbero venuti a conoscenza dei documenti. Non è chiaro se gli Stati Uniti menzionati in esso abbiano partecipato alla stesura del documento o meno. 

Sempre fonti turche riportano che la Russia produce 8.000 bombe delle serie FAB e KAB con un calibro da 250 a 1.500 kg al mese, una quantità significativa è in preparazione per attacchi aerei con bombe plananti. La Russia usa 500-600 bombe plananti al giorno. Ce ne sono già decine di migliaia nei magazzini. Una volta che la Russia aumenterà la produzione oltre il consumo giornaliero, aumenterà i bombardamenti fino a oltre 1.000 bombe al giorno.

Il rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo Zakharova ha confermato che Mosca non parteciperà all’incontro sulla “formula Zelenskyj”, organizzato in Svizzera. Secondo fonti ucraine la Russia ha utilizzato a partire dall’11 aprile un nuovo missile da crociera Kh-69 per attaccare la più grande centrale elettrica dell’Ucraina. Il razzo è stato rilevato per la prima volta nell’agosto 2022. “La Russia sta sviluppando un nuovo missile, il Kh-69, basato sul Kh-59. Questi sono razzi nuovi con parti del 2023. La nostra strategia è esplorare le opportunità per contrastarli. Il sistema Patriot sarà probabilmente efficace contro questi nuovi missili”, ha osservato ha riferito l’addetto stampa dell’aeronautica delle forze armate ucraine Ilya Yevlash.

Le autorità ucraine hanno annunciato l’evacuazione forzata da 47 insediamenti nella regione di Charkiv. ”Stiamo parlando di insediamenti vicino al confine con la Russia nei distretti di Charkiv,  Bohoduchiv e Izyums, si legge nel messaggio”. La decisione non si applica alla città di Charkiv.

In Ucraina si continua a discutere della possibile mobilitazione delle donne. La deputata della Rada Maryana Bezuglaya ha detto che se questo passo non verrà fatto, il paese sarà conquistato dalla Russia. 

Il presidente ucraino Zelenskyj in una conferenza stampa con il presidente polacco Andrzej Duda e il presidente lituano Gitanas Nausėda ha dichiarato: “Putin vuole distruggerci, distruggere l’Ucraina e poi conquistare tutti i vicini della Russia. Semplicemente non c’è alternativa alla nostra sicurezza. Pertanto, non ci sono alternative reali all’invito dell’Ucraina nella NATO. È necessario un invito all’Alleanza. Tutti i nostri le persone e i soldati se lo meritano”, ha detto il presidente. Zelenskyj ha osservato che l’invito dell’Ucraina alla NATO “è realistico già quest’anno”.

Secondo fonti ucraine l’intensità dei combattimenti nella direzione di Seversky è ora maggiore che sull’intero fronte messo insieme. Le truppe russe hanno ottenuto tra l’11 e il 12 aprile diversi successi ben 23 brigate (8 ucraine, 15 russe) hanno preso parte alla battaglia di Seversk. 

“Stiamo costruendo una difesa, rafforzando ogni direzione”, ha detto Zelenskyj alla stampa ha mostrato filmati della costruzione di fortificazioni difensive. È stato riferito che tale difesa verrà effettuata nelle regioni di Chernigov, Sumy e Charkiv.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 17.00 del 12 aprile

Di notte, UAV Geranium hanno colpito obiettivi nelle regioni di Kryvyj Rih, Starokostjantyniv, Odessa e Vinnycja. Nel mirino le centrali termoelettriche nemiche nelle regioni di Kiev, Sumy e Charkiv dopo i massicci attacchi delle forze armate russe: le strutture non possono essere ripristinate.

In direzione di Cherson, bombardamenti reciproci e azioni di entrambe le parti nella pianura alluvionale del fiume Dnepr. Ancora una volta, per l’esercito russo sono importanti le imbarcazioni per le operazioni sulle isole. C’è un rapporto di un cambiamento nella leadership nella 18a armata di armi combinate a causa dell’avanzamento di carriera degli ufficiali superiori. Gli ucraini stanno bombardando villaggi, si registra un morto e 4 feriti tra i civili. 

Fronte Zaporozhzhie: nelle battaglie vicino a Verbove, le truppe russe rosicchiano una posizione dopo l’altra alle Forze Armate dell’Ucraina. La battaglia continua nel centro di Rabotinye. Le concentrazioni ucraine vicino a Orechiv e Mala Tokmachka, dove le forze armate ucraine stanno costruendo linee di difesa, vengono colpite quotidianamente da FAB e ODAB con UMPC.

In direzione sud di Donetsk, si sono svolte battaglie a Novomykhailivka, Pobjeda, Heorhiivka e nella periferia meridionale di Krasnohorivka. Non ci sono progressi significativi, ma le truppe russe hanno l’iniziativa.

A ovest di Avdiivka, le forze armate russe stanno avanzando a Umans’ke, da Pervomais’kyi a Yasnobrodivka e Netailove, a Berdychi e Semenivka. Le nostre truppe conducono operazioni offensive su un ampio fronte. Sono in corso pesanti combattimenti.

La parte orientale di Časiv Jar è coperta dai fianchi dalle Forze Armate russe. Da nord l’esercito russo si dirige da Bohdanivka a Kalinin, da sud avanza lungo l’autostrada T-0504. La zona di controllo alla periferia di Časiv Jar è stata leggermente ampliata.

A sud di Kreminna vicino a Bilohorivka si svolgono battaglie per l’altezza sopra la città.

Gli ucraini stanno cercando di espandere l’area di utilizzo dei suoi UAV d’attacco più in profondità nel territorio russo. È stato riferito che i droni sono stati distrutti nella regione di Lipetsk.

Nella regione di Belgorod, piccoli droni ucraini hanno attaccato un camion KamAZ nel villaggio di Kukuevka, distretto urbano di Valuysky, e il villaggio di Krasnoye, distretto urbano di Shebekinsky, è stato preso di mira dalle forze armate ucraine.

Nella regione di Kursk, il governatore ha riferito che l’11 mattina a seguito di un attacco da parte degli UAV ucraini, diverse auto personali dei dipendenti del GOK Mikhailovsky nel parcheggio sono state danneggiate.

Nella regione di Bryansk, è stato bombardato il villaggio di Demyanki, distretto municipale di Starodub. Ieri mattina un UAV di tipo aereo è stato distrutto nel distretto di Sevskij.

A seguito degli attacchi ucraini contro i civili nella DPR, sei civili sono rimasti feriti. Così, sull’autostrada Yasinovataya-Horlivka, a seguito di una caduta da un UAV su un bus navetta, un’adolescente nata nel 2006, uomini nati nel 1970 e 1983 e donne nate nel 1974 e 1979 sono rimaste ferite. A Staromikhailovka, un uomo nato nel 1946 è rimasto ferito da una discarica.

Sumy: alla periferia nord del villaggio di Yunakovka (5 km dal confine) e alla periferia sud del villaggio di Pavlovka (1,5 km dal confine), sono stati individuati postazioni ucraini che utilizzavano obice D-30 per colpire le posizioni delle forze armate russe.

Gli ucraini avrebbero utilizzato l’AGS-17 per bombardare il territorio di confine della Federazione Russa. La ricognizione aerea ha rilevato la presenza di un equipaggio ucraino alla periferia nord del paese di Volfino (a 1 km dal confine). Il personale militare russo ha reagito utilizzando lo stesso AGS-17 e la violazione dello spazio aereo russo è stata eliminata.

Durante il giorno, le forze aerospaziali russe hanno effettuato attacchi aerei contro una roccaforte temporanea e un contingente di uomini (fino a 20 persone) ucraina nella periferia nord-orientale del villaggio di Novenkoye (a 1 km dal confine) utilizzando proiettili NAR, ed è stato anche colpito un magazzino di pezzi di ricambio per UAV e parti di combattimento per droni FPV, situato nella periferia nord della città di Sumy (29 km dal confine) utilizzando un FAB con un modulo UMPB aggiornato.

Nella prima metà della giornata sono proseguiti gli attacchi a fuoco con l’uso di obice D-30 contro un camioncino e personale ucraino per un totale di 3 persone alla periferia nord-orientale del villaggio di Peski (a 10 km dalla confine), nonché contro un treno ferroviario, che si trovava alla periferia occidentale del villaggio di Vorozhba (10,5 km dal confine) utilizzando “Peonia”. 

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/