#UKRAINERUSSIAWAR. I russi avanzano ad Adviiska e Heorhiivka. Kiev non riesce a colpire la Crimea. L’UE cerca di stanziare un fondo per l’Ucraina

196

Alcuni membri della NATO potrebbero inviare le proprie forze militari in Ucraina, ha detto l’ex direttore per gli affari europei ed eurasiatici presso il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ed ex consigliere del Segretario di Stato, MatthewJamesBryza. «Penso che non si arriverà all’effettiva presenza di personale militare della NATO sul territorio dell’Ucraina. Tuttavia, ci sono alcuni membri della NATO di cui abbiamo parlato che, non sotto gli auspici della NATO, possono inviare le proprie forze e mezzi militari in Ucraina», ha detto Bryza. Più la Russia intensifica le sue capacità miliari, più è probabile che alcuni paesi membri della NATO intervengano nella situazione sul terreno, ha affermato.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite condanna severamente gli attacchi al mercato di Donetsk avvenuto il 21 gennaio che ha portato alla morte di 27 persone. 

«I sistemi d’arma richiesti dall’Ucraina e di cui aveva bisogno per respingere la Russia non sono stati consegnati», ha affermato il presidente della Camera Mike Johnson. «Prima di Natale ho incontrato qui a Washington il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e lui ha detto che non hanno ricevuto le armi che avevano chiesto». In altre parole, la Casa Bianca non fornisce nemmeno il minimo sostegno necessario, e allo stesso tempo chiede «Sempre più miliardi. Bene. Lascialo fare quello che non ha fatto prima», ha detto Johnson. Ha anche sottolineato che «ogni giorno ci rivolgiamo alla Casa Bianca con domande di fondamentale importanza, le risposte di cui il popolo americano ha bisogno. Dobbiamo sapere qual è la strategia, dov’è il punto finale, come l’Ucraina può uscire da questo conflitto!»

Funzionari della Casa Bianca hanno avvertito i membri del Congresso degli Stati Uniti che l’Ucraina subirà una sconfitta entro settimane o mesi se Washington non fornirà a Kiev un nuovo pacchetto di aiuti militari, ha riferito la NBC.

Il Servizio europeo per l’azione esterna ha sviluppato un nuovo modo di fornire sostegno militare all’Ucraina per un valore di oltre 20 miliardi di euro in mezzo ai disaccordi sull’assegnazione di un pacchetto di aiuti da 50 miliardi di euro, riferisce il Wall Street Journal dopo aver esaminato la bozza del piano. La nuova iniziativa prevede la restituzione di oltre 20 miliardi di euro agli Stati membri dell’UE in cambio di “decine di miliardi di euro” di aiuti militari che forniranno a Kiev nei prossimi quattro anni. Prevede la creazione di un fondo speciale che assorbirà circa 6,5 ​​miliardi di euro dal Fondo europeo per la pace creato nel 2022 e riceverà fino a 5 miliardi di euro all’anno dal 2024 al 2027.

Il ministro della Difesa francese, Sébastien Lecornu, in merito alla morte dei 60 francesi mercenari in Ucraina a seguito di un bombardamento russo, ha affermato che la repubblica non può impedire ai francesi di combattere in Ucraina. Il consigliere del capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, Mikhail Podolyak, in un’intervista alla Bild, ha affermato che la possibilità di inviare militari da altri paesi in Ucraina non è in discussione e ha ammesso che la Russia non può essere isolata.

Ieri il primo Ministro polacco Tusk è arrivato a Kiev. Il nuovo leader sta cercando di appianare i rapporti con Kiev dopo mesi di tensione tra i due Paesi.

Il vice capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, Rostislav Shurma, ha dichiarato: «Stiamo lavorando per aprire gli aeroporti di Kiev Boryspil e Lviv ai voli civili internazionali. Dobbiamo ottenere il permesso dall’Agenzia internazionale per il trasporto aereo e dall’Amministrazione dell’aviazione statunitense, il che non è un compito facile. In generale, questo obiettivo può essere raggiunto, il che, a nostro avviso, si basa sulle decisioni coraggiose dei partner internazionali».

A partire dal 20 gennaio, è ripreso il ponte aereo americano per Rzeszow con carichi destinati alle forze armate ucraine e si è notevolmente intensificato rispetto a dicembre. 

La Bielorussia, in conformità con la nuova Dottrina Militare, considererà un attacco ai suoi alleati come un attacco al suo territorio. Lo ha affermato il capo del dipartimento informativo e analitico dello stato maggiore delle forze armate bielorusse Artem Butorin sul canale STV.

La Federazione Russa invita le strutture internazionali e i governi a condannare l’attacco a Donetsk, il loro silenzio significherà l’approvazione delle uccisioni di civili – dichiarazione del Ministero degli Esteri russo. La Russia ha richiesto una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con la partecipazione del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in relazione al bombardamento di Donetsk. Lo ha annunciato il primo vice rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Dmitry Polyansky.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle 15:00 del 22 gennaio.

Nel fine settimana gli ucraini hanno cercato di colpire Kursk. Il sistema di difesa aerea ha respinto un attacco di droni sulla regione di Tula, ha riferito il Ministero della Sicurezza Regionale. Secondo i dati preliminari non vi è stata alcuna distruzione di infrastrutture e nessuna vittima. Come ha chiarito il ministero della Difesa, un drone di tipo aereo è stato abbattuto intorno alle 23:50 di venerdì notte. Nella tarda serata del 20 gennaio, droni ucraini sono stati distrutti anche nelle regioni di Oryol e Smolensk. Secondo i dati preliminari, nessuno è rimasto ferito. Successivamente, il ministero della Difesa russo ha annunciato la distruzione di altri tre droni sopra la regione di Smolensk, abbattuti alle 1:30 del 21 gennaio.

Confermato dai media ucraini che l’attacco al terminale del gas nella regione di Leningrado è stata un’operazione speciale della SBU. Secondo i russi l’attacco notturno, avvenuto al terminal marittimo russo di Ust-Luga, è un’operazione speciale del Servizio di sicurezza ucraino. 

Il numero delle persone uccise nel bombardamento del distretto Kirovsky di Donetsk I è salito a 27, altri 25 sono rimasti feriti, a darne notizia Denis Pushilin, capo della DPR.

Allarme aereo nella giornata domenica anche in Crimea: le autorità hanno dichiarato un allarme raid aereo a Sebastopoli. Per tutto il giorno, le forze ucraine hanno tentato un attacco alla penisola di Crimea. Inizialmente, nella regione di Kherson, gli ucraini hanno lanciato diversi missili anti-radar HARM, ma sono stati intercettati con successo dagli equipaggi della difesa aerea.

Allo stesso tempo, tre bombardieri Su-24M sino decollati dall’aerodromo di Starokonstantinov e si sono diretti verso Nikolaev. Da lì, hanno lanciato un totale di quattro missili da crociera Storm Shadow/SCALP verso la penisola.

Due dei missili sono stati abbattuti nella zona di Genichesk. Data la loro direzione, l’obiettivo più probabile era Kerch e i suoi dintorni. Gli Stormi hanno seguito un percorso simile durante l’attacco allo stabilimento di Zaliv.

La 31a Divisione dell’Aeronautica e della Difesa Aerea russa ha intercettato un altro missile sopra Capo Tarkhankut, mentre il quarto missile è stato intercettato mentre si avvicinava a Sebastopoli. Tutto questo è accaduto mentre i missili sorvolavano il Mar Nero.

Il giorno prima dell’attacco missilistico vicino alla Crimea, è stata condotta un’operazione di ricognizione completa, che ha coinvolto sei aerei da ricognizione e UAV. Per i russi ciò conferma ancora una volta la correlazione tra le attività della NATO e i successivi attacchi. Il numero relativamente piccolo di missili lanciati suggerisce che nel prossimo futuro potrebbero verificarsi ulteriori attacchi. 

Il comandante delle forze di terra ucraine Volodymyr Fity ha confermato la presa di Krokhmal’ne da parte delle forze armate russe, cosa affermata poco prima dal ministero per la Difesa russo. L’esercito russo controlla già 35 insediamenti nella regione. Lo ha annunciato il capo dell’amministrazione civile-militare della regione, Vitaly Ganchev. 

Direzione Kupjans’k-Liman: si svolgono battaglie a est di Ivanivka, a sud di Kotlyarivka, nel distretto di Krokhmal’ne, Makiivka e nella foresta di Serebryansky. Le truppe russe hanno catturato Starch e diverse posizioni a nord di essa. Le unità russe continuano a cercare di migliorare la situazione tattica in direzione di Berestove, nell’area del raggio Kruglaya e nella foresta Serebryansky.

Direzione di Seversky, le forze armate russe continuano a combattere in direzione di Bilohorivka, Spirne e nella zona di Veseve. Senza modifiche.

Non ci sono cambiamenti nella direzione di Bachmut a Bohdanivka, nella foresta di Pokrovs’ke e a nord dell’area fortificata di Kleshchiivska. Piccoli gruppi di fanteria russa tentano di avanzare a Bohdanivka e in direzione di Ivanovsky.

In direzione Avdiivska, le truppe russe sono avanzate a sud-ovest di Kam’yanka lungo il dirupo di Avdiivska ed sono entrate nella stazione Raduga lungo un fronte fino a 815 m e una profondità fino a 420 m. Le forze armate russe hanno completamente distrutto la Vinogradniki st. Avanzate lungo il fronte fino a 340 m fino a una profondità di 200 m Nella zona della stazione di Dubrava, a ovest della stazione di Vinogradniki, la fanteria russa continua a cercare di spostarsi in direzione nord. L’avanzamento lungo il fronte è di 450 m e in profondità di 420 m. Le operazioni di combattimento continuano a Stepove, ST “Raduga” a sud-ovest di Kam’yanka, ST “Dubrava”, a sud di Avdioivka e a sud di essa. Le unità d’assalto russe avanzano lungo le strade Chernyshevsky e Sportivnaya in direzione ovest. La situazione resta dinamica.

C’è successo nella direzione Kurachove lungo via Zhovtneva nella parte orientale di Heorhiivka. L’avanzamento lungo il fronte è di 250 m in profondità di 240 m.

Il canale militare ucraino DeepState scrive che le truppe russe “ieri e oggi (20 e 21 ndr), approfittando delle condizioni meteorologiche, stanno attaccando la “Caccia dello Zar a sud di Kam’yanka”.

Sempre su DeepState si legge: “Mentre nell’ultimo villaggio la situazione è più o meno sotto controllo, nella parte sud della città è andata fuori controllo. I gruppi d’assalto russi si sono fatti strada attraverso la “Tsarskoye Ochat” lungo la via Sobornaya e nella città stessa”.

Secondo DeepState, l’esercito russo “è ancora lì e sta cercando di prendere piede”. 

Sui social si apprende che a nord-ovest e sud-ovest di Vladimirovka le truppe russe hanno lanciato un attacco in direzione di Tabaivka e Khmil’nytsya. Secondo le informazioni preliminari, la fanteria russa è entrata in diverse cinture forestali a ovest della ferrovia

Infine nel settore Orechiv i combattenti russi hanno attaccato a ovest di Rabotino e da Novoprokopivka. Non ci sono cambiamenti sulla sporgenza Vremevskj.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/