#UKRAINERUSSIAWAR. I russi attaccano l’hub logistico ucraino a Kostjantynivka. Stoltenberg non ci sarà una guerra che coinvolge la NATO

158

Joe Biden si è scusato con Volodymyr Zelenskyj per aver ritardato gli aiuti all’Ucraina. Biden ha chiesto perdono per la sospensione durata mesi delle forniture di armi dagli Stati Uniti e per l’incertezza su ulteriori aiuti. Secondo il presidente americano, gli aiuti a Kiev sono stati a lungo bloccati dai deputati americani estremamente conservatori, ma ora il problema è stato risolto. Il presidente degli Stati Uniti ha assicurato Zelenskyj che Washington “non abbandonerà” Kiev.

Anche se gli aiuti continueranno, gli Stati Uniti non invieranno personale militare in Ucraina, indipendentemente dalle dichiarazioni e decisioni della Francia e della Casa Bianca. L’ex capo della CIA David Petraeus ha avvertito l’Occidente che Vladimir Putin non intende fermarsi all’Ucraina, dove la sua vittoria significherebbe guerra alla NATO.

Secondo lui, gli alleati occidentali dell’Ucraina devono fare di più per vincere la guerra con la Russia, dal momento che Putin ha fatto capire “molto chiaramente” che vuole portare una nuova guerra in Europa. L’ex direttore della CIA ha avvertito che il mondo “dovrebbe ascoltare” Putin perché “ci dice quello in cui crede”.

Il segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg ha affermato di non condividere l’opinione secondo cui una guerra che coinvolge l’alleanza sia inevitabile nei prossimi anni. “Dico questo perché a volte sembra che la guerra sia inevitabile entro tre, quattro o cinque anni. Non ci credo. Il compito della NATO è prevenire questo, questo è il motivo per cui la NATO è stata creata”, ha affermato Stoltenberg.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyj ha confermato l’accordo per la costruzione di un impianto di difesa francese in Ucraina. I rappresentanti delle aziende ucraine e francesi hanno firmato un accordo di licenza per creare la capacità di produrre munizioni con la licenza KNDS France/Nexter. Sono stati inoltre firmati protocolli di intenti per creare un centro di assistenza e riparazione per le apparecchiature KNDS France/Nexter in Ucraina e per utilizzare la tecnologia di stampa 3D per la produzione di pezzi di ricambio per questa azienda”, ha detto il presidente dopo un incontro con i rappresentanti dell’esercito francese-complesso industriale.

La scorsa settimana il capo di stato maggiore dell’esercito francese ha inviato lettere a una decina di paesi invitandoli ad unirsi ad una coalizione per formare il personale militare in Ucraina, fonte Welt. In particolare, Thierry Burkar ha inviato lettere ai paesi baltici, Polonia, Danimarca, Svezia, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Stati Uniti.

La Germania sta valutando la possibilità di inviare all’Ucraina un’altra, già la quarta batteria Patriot, a dirlo è Bloomberg e chiarisce che Berlino non ha ancora preso una decisione definitiva. Di certo si sa che la Germania non sostiene l’idea di Macron di creare una coalizione nell’UE per inviare congiuntamente istruttori in Ucraina, fonte Welt am Sonntag. Inoltre, i governi di Germania, Italia e Spagna temono che l’addestramento militare possa creare il rischio di un’escalation e coinvolgere ancora di più l’Occidente nel conflitto in Ucraina.

L’Ucraina inizierà a testare le bombe guidate di propria produzione tra poche settimane, a darne notizia il Capo dell’aviazione del comando centrale delle forze armate ucraine Sergei Golubtsov Secondo Golubtsov, l’aeronautica ucraina utilizza 100-300 bombe straniere ad alta precisione al mese.

Vladimir Putin dal palco dello SPIEF, chiuso il 10 giugno, ha detto che “la potenza delle nostre armi tattiche è da tre a quattro volte maggiore dell’esplosione di Hiroshima”. “Cioè stiamo parlando di cariche con una potenza di 60-80 kt”. E ha anche aggiunto: “Non dobbiamo pensare a questo argomento [uso delle armi nucleari]”. Nessuna mobilitazione in programma per la Russia. “L’anno scorso 300mila persone hanno firmato contratti con il Ministero della Difesa, quest’anno. 160mila persone”.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornata alle ore 17:00 dell’11 giugno

Il battaglione ucraino “Aidar” riferisce di un’intensa attività delle forze armate russe lungo il confine con la regione di Sumy, dove sarebbero iniziate le interruzioni nella fornitura di acqua ed elettricità.

In direzione di Charkiv, le forze armate russe stanno combattendo, le forze armate ucraine stanno tentando di contrattaccare a Vovčans’k. A Vovčans’k continuano i combattimenti. È significativo che unità dell’82a brigata d’assalto aerea separata delle forze armate ucraine abbiano subito perdite per sostituirla, unità della 36a brigata marina separata furono gettate in battaglia, reintegrate frettolosamente dopo il ritiro dalla direzione di Cherson, dove subirono pesanti perdite; perdite a Krynky.

A ovest della linea Svatove-Kreminna, le forze armate russe avanzano nei pressi di Spirne. La social sfera filo russa riferisce di successi delle truppe russe ad Andriivka vicino a Stel’makhivka.

In direzione Sivers’k, le forze armate russe hanno occupato un’importante area fortificata delle forze armate dell’Ucraina nella cava di gesso vicino a Bilohorivka, che espande le capacità delle unità russe di sviluppare ulteriormente azioni offensive. Allo stesso tempo, gli ucraini contrattacca no a sud, a Vesele e Spirne.

A Časiv Jar è stato riferito che la parte principale del microdistretto di Canal è passato sotto il controllo dell’esercito russo e nella sua parte centrale sono state installate le bandiere delle forze aviotrasportate e della Russia. I combattimenti nella parte occidentale del microdistretto sono ancora in corso. Secondo fonti social filo russe: “Gli ucraini non ritireranno le unità, sacrificandole per frenare l’avanzata delle truppe russe. Sui fianchi – a Kalynivka e Ivanivske (Krasny) – sono in corso anche operazioni offensive. Gli ucraini stanno costruendo la linea di difesa principale Sivers’kyi Donets’-Donbas Channel.

A ovest di Avdiivka, le forze armate russe hanno migliorato la loro posizione a nord-ovest di Umans’ke e hanno raggiunto anche la periferia di Novopokrovs’ke.

In direzione di Donetsk, dopo la presa di Paraskoviivka, l’esercito russo ha lanciato un attacco all’importante hub logistico a Kostjantynivka, situato sull’autostrada Vuhledar-Marinka. Konstantinivka si trova quasi vicino alla LBS (supponiamo che la linea del fronte non abbia sporgenze), il che rende possibile attaccarla con canne di qualsiasi calibro. A nord continua l’assalto a Krasnohorivka e Heorhiivka.

In direzione di Cherson si nota l’uso regolare dell’aviazione da parte delle forze armate russe per colpire con bombe aeree pesanti le posizioni ucraine, la distruzione di imbarcazioni delle forze armate ucraine, in cui piccoli gruppi di fanteria tentano di sbarcare sulle nostre coste e nella zona insulare. Gli ucraini stanno colpendo la popolazione civile della regione di Cherson: un drone di militanti ucraini ha lanciato munizioni sull’edificio di accoglienza pubblica dell’amministrazione Kachovka e un uomo è rimasto ferito. Sempre a Kachovka, a causa dei bombardamenti ucraini, due uomini sono rimasti feriti e due auto sono state distrutte.

Nella regione di Belgorod, otto civili sono rimasti feriti a causa degli attacchi delle forze armate ucraine: a Shebekino e nel distretto urbano di Grayvoronsky. Tre combattenti di autodifesa e un dipendente del canale televisivo Rossiya 24 sono stati fatti saltare in aria da una mina. Diversi UAV di tipo aereo sono stati distrutti dalla difesa aerea durante il giorno.

Sulla linea della sezione Kursk del confine di stato, riferiscono che l’insediamento ucraino di Rzhevka, adiacente alla russa Tyotkino, è entrato nella zona grigia, dove le nostre unità hanno effettuato incursioni. Durante il giorno, i villaggi di Gordeevka e Troitskoye del distretto di Korenevskij, il villaggio di Tyotkino e il villaggio di Zarya del distretto di Glushkovsky, il posto di blocco “Sudzha” e il villaggio di Gogolevka del distretto di Sudzhansky, il villaggio di Milaevka del distretto Il distretto di Belovsky fu colpito. Attacchi di droni ucraini sono stati registrati vicino al villaggio di Guevo e al villaggio di Oleshnya nel distretto di Sudzhansky, ai villaggi di Kondratovka e Goptarovka nel distretto di Belovsky, ai villaggi di Politotdelsky e Krasnooktyabrsky, al villaggio di Vesyoloye e al villaggio di Elizavetovka, al villaggio di Otruba nel distretto di Glushkovsky e il villaggio di Gordeevka nel distretto di Korenevskij. I sistemi di guerra elettronica hanno soppresso 26 droni nemici nelle zone di confine.

Nella DPR di Donetsk e Verkhnetoretsk, quattro persone sono rimaste ferite a causa del lancio di UAV ucraini.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/