#UKRAINERUSSIAWAR. Gli ucraini provano a sfondare il fronte a Kharkiv

364

L’esercito russo cambierà presto la tattica di condurre un’operazione speciale in Ucraina e passerà a una controffensiva, afferma il colonnello Gennady Alekhin il 5 settembre sulla social sfera vicino ai russi. Ciò è diventato particolarmente vero dopo che l’esercito ucraino, dice sempre lui, ha fatto una serie di tentativi infruttuosi di attaccare vicino a Kherson. Secondo lui, le forze armate russe passeranno da “tattiche di sbarramento e presa di posizione” a “tattiche di circonferenza e scoperte”. Ma i russi aspetteranno ancora un po’.

Le forze ucraine, infatti, nella giornata del 6 settembre hanno portato l’equipaggiamento in direzione di Kharkiv. Sembra infatti che l’attacco nella regione di Kherson sia stato una tattica diversiva e che l’attacco principale potrebbe essere sul fronte di Kharkiv. Il 6 settembre gli ucraini hanno lanciato un’offensiva nei pressi di Balakleya. I ponti che conducono alla città sono minati. Gli ucraini stanno bombardando la città con artiglieria di grosso calibro e MLRS. I civili sono seduti negli scantinati dal mattino. Gli ucraini si sono trincerati alla periferia della città. È in corso un combattimento di controbatteria, l’aviazione russa sta operando contro l’avanzata delle Forze Armate Ucraine, attese sul fronte da circa tre settimane. Anche la situazione in direzione di Izyum si è aggravata. Si stanno svolgendo combattimenti. Gli ucraini sono attivi su tutto il fronte di Kharkiv.

Alle 13.00 circa la notizia di un attacco ucraino è confermato dalla social sfera russa che parla di: gravi battaglie e bombardamenti vicino a Balakleya, nella regione di Kharkiv, controllata dalle forze armate russe. Ci sono informazioni su un’offensiva delle forze armate ucraine nel villaggio di Verbovka vicino alla città e sulle battaglie alla periferia di Balakleya. I russi affermano che non c’è panico, per ora: a Balakleya c’erano soprattutto persone mobilitate. Le riserve stanno arrivando a Balakleya. L’artiglieria ha già iniziato a sparare. L’aviazione sta lavorando attivamente. Non si parla di una svolta profonda. La situazione più o meno è come per la controffensiva ucraina in direzione di Kherson. Anche se suggeriscono gli analisti russi, questa controffensiva non va sottovalutata. Al momento (ore 17.20 del 6 settembre) si combatte e gli ucraini non sono riusciti a tagliare la strada a Balakleya.

Dal 5 settembre alle ore 18:00 l’Ucraina ha perso il controllo del livello di radiazioni nella centrale nucleare di Zaporozhzhia. Secondo Energoatom, il 5 mattina il Center for Predicting the Consequences of Radiation Accidents in Ucraina ha smesso di ricevere dati dai sensori in background presso la centrale nucleare occupata dalla Russia. Gli specialisti Energoatom segnalano guasti alle apparecchiature per ragioni sconosciute. In tarda serata verso le 22.30 le forze armate ucraine hanno bombardato Energodar. Si segnalano esplosioni anche nel centro di Donetsk. Alle 12.00 del 6 settembre dopo un altro bombardamento delle Forze Armate ucraine Energodar, in città si è spenta la luce. Linea elettrica danneggiata vicino alla centrale nucleare di Zaporozhye. A causa di un proiettile ucraino che ha colpito la centrale termoelettrica di Enerhodar, l’olio combustibile è entrato nel canale dell’acqua, da cui l’acqua viene fornita alla centrale nucleare di Zaporozhye, riferisce il capo della CAA. Nel frattempo il parlamento ucraino, Verkhovna Rada ha varato un disegno di legge in cui si ordina il licenziamento dei dipendenti di imprese strategicamente importanti ucraine (come, ad esempio, la centrale nucleare di Zaporizhzhia), che hanno accettato di collaborare con la Russia. Il testo della bozza dice: «… incompatibile con la continuazione di questo lavoro, associato al suo sostegno allo Stato aggressore».

L’AIEA il sei settembre ha pubblicato un rapporto sui risultati della missione presso la centrale nucleare di Zaporozhye. Il rapporto afferma che sono urgenti misure provvisorie per prevenire un incidente nucleare causato da danni fisici causati da mezzi militari. L’AIEA nel suo rapporto chiede la fine del bombardamento della centrale nucleare di Zaporozhia per mantenerne l’integrità fisica.

I russi nella notte tra il 5 e il se settembre hanno attaccato, come confermato dal ministero della Difesa della Federazione Russa e hanno ucciso oltre 210 militari e distrutto 12 carri armati in direzione Nikolaev-Kryvyi Rih. I missili Kalibre nella regione di Dnipropetrovsk hanno distrutto un grande impianto di stoccaggio di carburante per il gruppo ucraino nella direzione Nikolaev-Krivoy Rog. Chiosa il Ministero.

A Berdyansk è stata fatta saltare in aria la UAZ del comandante, chiamato “Felix”, cittadino della Federazione Russa. Gravemente ferito, è senza arti, portato in ospedale, ha detto una fonte via social media. Dopo l’esplosione dell’auto del comandante di Berdyansk, si è verificata anche una sparatoria. E ancora dopo che l’auto del comandante di Berdyansk Artyom “Felix” Bardin è esplosa c’è stata un’altra esplosione nel distretto di Slobodka, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, hanno detto le autorità della regione di Zaporozhye

Battaglia per Kherson: ore 22.00 ora di Mosca del 05.09.2022. Nessun cambiamento significativo nell’area di Aleksandrovka. Sono in corso battaglie posizionali di media intensità. Nessun progresso significativo da parte delle parti.

Gli ucraini hanno tentato di riprendere gli attacchi verso Kherson nell’area di Posad-Pokrovsky, ma non è riuscito a ottenere risultati significativi, subendo perdite tangibili.

Nella zona di Snigirevka, la linea del fronte è invariata, così come nella zona di Blagodatnoye. Dato che le riserve ucraine sono state convogliate in altre zone, il nemico non riesce a riprendere un’offensiva vera e propria.

Sulla testa di ponte di Andriivsky, il nemico continua a cercare di trincerarsi e di accumulare forze per tentare di superare le difese delle Forze Armate Russe in una delle aree – almeno 1 o 2 passaggi sull’Ingulets sono stati ripristinati. Gli ucraini ha subito perdite sostanziali nell’area di Kostromka. Tuttavia, nei prossimi giorni non mancheranno tentativi di nuovi attacchi.

Nella zona di Vysokopolya il nemico continua ad avanzare. Ci sono scontri di strada ad Arkhangelskoye. I combattimenti si svolgono alla periferia meridionale di Olginka e vicino alla periferia meridionale di Vysokopolye, con informazioni contrastanti sul controllo dell’insediamento stesso. Il nemico è avanzato nei pressi di Novoskresenskoye (a est di Vysokopolye). Entrambe le parti hanno subito perdite consistenti negli ultimi giorni.

Gli ucraini continuano a bombardare la zona del ponte Antonov, i sobborghi di Kherson e la zona di Novaya Kakhovka. Le Forze Armate russe hanno lavorato a Nikolayev, Krivoy Rog e nelle aree a sud di Nikopol. Nel complesso, gli ucraini, nonostante le perdite, continuano a tentare di ottenere successi nelle aree della testa di ponte Vysokopolye e Andriivsky.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here