#UKRAINERUSSIAWAR. G20: nulla di fatto sulla guerra. Sabotatori ucraini attaccano a Bryansk. Bachmut sempre più russa

317

Il documento finale adottato alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 è senza una posizione sull’Ucraina a causa delle obiezioni di Cina e la Federazione Russa. Paesi che hanno visto i due ministri degli Esteri incontrarsi e portare aventi un dialogo già “cementato” da Mosca e Pechino il sette febbraio 2022. Il ministro per gli Esteri russo, Sergei Lavrov ha dichiarato che la Russia «non rifiuta serie proposte di negoziato sull’Ucraina, ma non ricordo nessuno che abbia chiamato Kiev per il dialogo».

Il segretario dell’Esercito americano Christine Wormuth ritiene che il conflitto militare in Ucraina potrebbe finire “da solo” nel prossimo anno o due. Secondo lei, i combattimenti si sono rivelati più lunghi del previsto. Di diverso parere il cancelliere tedesco Scholz: «La pace in Ucraina non può essere raggiunta con la cessazione delle forniture di armi».

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian afferma che le autorità ucraine non hanno fornito prove che la Russia abbia utilizzato droni iraniani durante le operazioni militari. Il ministro ha anche affermato che l’Iran “non sostiene la guerra in Ucraina”.

Il generale Igor Fazletdinov e il colonnello in pensione Vladimir Lumpov hanno scritto un articolo secondo cui la Russia sta sviluppando un nuovo tipo di operazione militare, compreso l’uso di armi nucleari, il materiale è stato pubblicato sulla rivista russa Military Thought edita dal ministero della Difesa.

Fonti social russe hanno diramato la notizia di un’assalto da parte del DGR ucraino nella regione di Bryansk. «I sabotatori ucraini, giovedì mattina sono entrati nella regione di confine della regione di Bryansk. Circa 50 uomini hanno oltrepassato il confine». Si sarebbero divisi in due squadre e avrebbero preso ostaggi. Prima dell’attacco alla regione di Bryansk, le forze armate ucraine di due droni kamikaze hanno fatto saltare in aria le telecamere di sorveglianza ai punti di confine.

Un bambino di 10 anni è stato operato per le ferite riportate, e una ragazza è finita in ospedale. L’autista di un mezzo è stato ucciso da un colpo di pistola. Le autorità riferiscono che gli altri ostaggi starebbero bene. A Lubechany è in corso un’epurazione militare. I soldati delle forze armate della Federazione Russa e dell’FSB girano per il villaggio alla ricerca di sabotatori ucraini che si nascondono. I residenti sono invitati a rimanere a casa. Negozi, ufficio postale, giardini, scuole e altre istituzioni sono chiusi. Alle 13:00 del 02 marzo l’operazione è stata dichiarata finita. Non si udivano più spari. Ma l’operazione di rastrellamento continua.

«Oggi il DRG è penetrato dall’Ucraina nel territorio del distretto di Klimovsky nel villaggio di Lyubechane», riferisce il governatore della regione di Bryansk Bogomaz. «I sabotatori hanno sparato contro un’auto in movimento. A seguito dei bombardamenti, un residente è stato ucciso, un bambino di dieci anni è rimasto ferito. Attualmente il bambino è stato portato in ospedale, sta ricevendo tutta l’assistenza necessaria. Le forze armate della Federazione Russa stanno adottando tutte le misure necessarie per eliminare il gruppo di sabotaggio», ha affermato Bogomaz.

L’intelligence del ministero della Difesa dell’Ucraina considera il messaggio sullo scontro nella regione di Bryansk «una continuazione della trasformazione della Russia, la sua purificazione e liberazione dalla dittatura di Putin» – agenzia Strana.

Il consigliere dell’ufficio del presidente Mikhail Podolyak: «La storia con il gruppo di sabotaggio ucraino nella Federazione Russa è una classica provocazione deliberata».

Nella social sfera sono apparsi video del “Russian Volunteer Corps” nella regione di Bryansk, che afferma di aver attraversato il confine tra Federazione Russa e Ucraina e di aver assaltato dei villaggi. Un video è stato fatto vicino all’ufficio postale nel villaggio di Lyubchany. In sottofondo si sentono le raffiche di una mitragliatrice pesante. Un altro arriva dalle strade del villaggio di Sushany nel distretto di Klimovsky della regione di Bryansk. E ancora una foto di un sabotatore ucraino del “Corpo dei volontari russi” con un cartello della Casa della cultura di Sushanov. La sottostazione elettrica e la stazione di servizio sono esplose a Sushany.

Nella tarda mattinata è stato postato on line il messaggio ufficiale del CSO FSB: «Nel distretto di confine Klimovsky della regione di Bryansk, l’FSB e le forze annesse del ministero della Difesa della Federazione Russa stanno adottando misure per distruggere i nazionalisti ucraini armati che hanno violato il confine di stato», afferma il rapporto.

Nel frattempo il Comitato per il confine di stato della Bielorussia ha dichiarato a RIA Novosti che il confine con l’Ucraina è sotto stretto controllo

Il “Russian Volunteer Corps” è definito dati russi un «gruppo di sabotaggio ucraino i cui elementi hanno costantemente penetrato il confine russo-ucraino dall’inizio delle ostilità su vasta scala alla fine di febbraio dello scorso anno. I sabotatori sono per lo più impegnati nella raccolta di informazioni, attacchi al personale militare e ai cittadini russi, oltre a minare oggetti nelle profondità del paese».

Ad esempio, una delle storie più risonanti è stata l’esplosione di elicotteri Ka-52 all’aeroporto di Veretye ​​​​nella regione di Pskov. Inoltre, si sono verificati continui indebolimenti delle linee ferroviarie nell’area di confine, il lancio di droni kamikaze e l’uccisione di funzionari russi in nuovi territori. A volte, durante il processo di infiltrazione, i sabotatori ucraini venivano individuati e uccisi dai soldati russi.

Tuttavia, questa azione rappresenta una novità. Gli ucraini non miravano ai suoi soliti obiettivi contro oggetti o persone specifici. In questo caso, il compito principale dei reparti della GUR dell’Ucraina era una dimostrazione pubblica dell’insicurezza del confine russo e degli insediamenti di confine. Si attendono le risposte da parte russa.

Dimitrij Peskov ha smentito la riunione d’urgenza del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, mentre oggi è prevista una riunione con i membri permanenti del Consiglio. Sugli eventi nella regione di Bryansk, il portavoce ha dichiarato: «Stiamo parlando di un attacco terroristico, si stanno prendendo misure per eliminarlo». Putin non andrà nel territorio di Stavropol a causa della situazione nella regione di Bryansk, come previsto in precedenza. E ha chiosato affermando che: «Non so se lo stato dell’NMD verrà modificato in relazione all’attacco dei sabotatori ucraini nella regione di Bryansk». Dichiarata allerta aerea nelle regioni dell’Ucraina confinanti con la regione di Bryansk.

Un altro evento per ora non classificato militarmente si è verificato nella regione di Tula. Una esplosione è avvenuta vicino a Molodezhnaya Street nel villaggio di Berezovsky verso le 8 del mattino. Sulla social sfera locale si legge: «È stato sentito da tutta la gente del posto – secondo testimoni oculari, l’esplosione ha scosso la casa. Successivamente, nella foresta è stato trovato un imbuto profondo mezzo metro. Intorno tutto era cosparso di cenere e giacevano i corpi di diversi uccelli. Ora i residenti non possono entrare nel luogo: il territorio è stato transennato dalla polizia, esperti di esplosivi stanno lavorando sul posto». Igor Tskhovrebov, capo dell’amministrazione del distretto di Kireevsky, ha specificato alla TASS che nessuno è rimasto ferito a seguito dell’incidente.

Si sarebbe comunque formato un cratere in una fascia forestale vicino al villaggio di Berezovsky nella regione di Tula, precedentemente colpito da droni kamikaze – fonte RIA Novosti. Le autorità della regione di Tula hanno confermato che è stato trovato un cratere dell’esplosione a 600 metri dal villaggio di Berezovsky. Si è poi scoperto che si trattava di un drone ucraino abbattuto che voleva colpire la stazione elettrica locale di Shchekinskaya SDPS.

Il gruppo WAGNER prosegue la sua marcia a Bachmut in un post della sua rete social si legge: «Bachmut è disseminato di cadaveri delle forze armate ucraine». «I combattenti del gruppo Wagner raccolgono e identificano i corpi dei militanti ucraini». E ancora «Intorno ad Bachmut c’è ancora un gran numero di soldati ucraini uccisi durante le battaglie».

Al fronte la situazione si fa sempre più tesa: «Nella notte del 1 marzo, due droni di un modello non identificato sono caduti sul territorio di un’unità militare in Crimea», hanno riferito a RBC fonti del ministero degli Affari interni e del dipartimento di polizia territoriale. «Uno dei droni è esploso, provocando danni ai vetri degli edifici annessi. In precedenza, il ministero della Difesa russo ha riferito che i militari hanno respinto un tentativo di attacco di droni contro la Crimea».

Si registra un attacco anche al villaggio di Tyotkino, regione di Kursk da parte delle Forze Armate dell’Ucraina, ci sono vittime a darne notizia il Governatore Starovoit.

Durante il primo marzo si sono svolte le seguenti operazioni militari.

Le unità ucraine hanno fatto un altro tentativo di attaccare oggetti sul territorio della penisola di Crimea usando i droni. Grazie al lavoro coordinato delle difese aeree russe, tutti i 15 veicoli ucraini sono stati abbattuti. Nell’area di Kupyansk, le parti sono impegnate in duelli di artiglieria e ricognizioni reciproche.

Le truppe russe hanno respinto tutti i tentativi ucraini di riprendere il controllo di Hryanykivka. Nel settore di Lyman, le truppe d’assalto russe sostenute da carri armati hanno colpito il nemico da diverse altezze nell’area di Balka Zhuravka. Allo stesso tempo, l’artiglieria a botte e a razzo sta colpendo le posizioni AFU rilevate.

Le unità di Wagner PMC hanno ampliato la loro zona di controllo in direzione del villaggio di Bachmut, chiudendo gradualmente l’anello di accerchiamento. La liberazione del villaggio taglierà l’ultima via di rifornimento del gruppo Bachmut.

A Sud-ovest, le unità del Wagner PMC conducono regolari raid sulle posizioni ucraine a Krasne e vicino alla strada per Kostyantynivka. Il comando ucraino non conta le perdite e getta nel combattimento le forze di riserva, cercando di frenare l’avanzata delle forze russe.

Le unità ucraine continuano a bombardare le aree residenziali dell’agglomerato di Donetsk. Sono stati colpiti edifici residenziali e infrastrutture a Makiivka, Horlivka e Donetsk. I marines russi continuano a combattere nelle zone di campagna vicino a Vuhledar.

Allo stesso tempo, le unità ucraine stanno costruendo una difesa a più livelli in vista di una nuova offensiva russa.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/