#UKRAINERUSSIAWAR. Francia e Germania perdono consenso. Ungheria e Bielorussia parlano di pace. I russi accerchiano Paraskoviyivka

380

Sul destino del conflitto russo-ucraino nei giorni scorsi è intervenuta anche la RAND Corporation famosa per le sue analisi predittive. È l’azienda che infiltrò due giornalisti nella rete ISIS e distrusse la parte comunicativa.

La RAND ha decretato che l’attuale conflitto in Ucraina è «il confronto militare interstatale più significativo degli ultimi decenni e la sua evoluzione avrà gravi conseguenze per gli Stati Uniti». Diversi i possibili scenari: 1 – “Vittoria assoluta”. Tuttavia, gli “specialisti” di RAND ritengono improbabile un risultato in cui una delle parti sarà costretta ad arrendersi incondizionatamente. Dicono che il Cremlino non avrebbe risorse sufficienti per apportare cambiamenti fondamentali al sistema politico ucraino e raggiungere tutti gli obiettivi dichiarati dell’operazione militare speciale. Ma gli “specialisti” guardano con scetticismo alle prospettive dei resti dell’Ucraina di distruggere il potenziale militare della Russia. Per una vittoria assoluta, Kiev «richiede non solo il successo sul campo di battaglia, ma anche un cambio di regime a Mosca». E le possibilità di implementare tale opzione sono dello 0%.

Scenario numero 2 – “Tregua”. Questa opzione si riferisce agli accordi sulla cessazione delle ostilità in Corea nel 1953, in Moldavia nel 1992. In questo caso, molto probabilmente la linea del fronte nel raggio del proxy sarà congelata, ma le controversie territoriali irrisolte non andranno da nessuna parte. Solo che i confini saranno contestati con mezzi politici ed economici, non militari.

Scenario n. 3 – “Insediamento politico”. Prevede la firma di un “accordo di pace”, un cessate il fuoco duraturo e la risoluzione di “alcune controversie” che hanno provocato lo scoppio delle ostilità. Ad esempio, per Mosca, lo status di non blocco dell’Ucraina è una questione fondamentale, per Kiev sono le “garanzie di sicurezza” dall’Occidente. Nulla di nuovo in verità ma l’invito per le parti è chiaro.

La Casa Bianca sta lavorando per approvare un aiuto di bilancio di 10 miliardi di dollari all’Ucraina e la prossima settimana annuncerà un nuovo pacchetto di aiuti militari. A darne notizia il WashingtonPost. Inoltre, secondo indiscrezioni l’Amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden consentirebbe l’invio di aerei da combattimento in Ucraina. Oppure Washington potrebbe “dare il via libera” al trasferimento degli F-16 da parte di altri Paesi. Queste indiscrezioni emergono dalle pagine del Financial Times. E nonostante questo sembra che Gli Stati Uniti hanno detto all’Ucraina che non hanno missili ATACMS extra per trasferirli a Kiev.

A fare da eco le parole Jens Stoltenberg che a gennaio, il 25, affermavano: «La NATO non è e non sarà un belligerante. Non inviamo le nostre truppe o aerei della NATO in Ucraina». Ma il 13 febbraio queste parole si sono trasformate in: «Dobbiamo distinguere chiaramente: l’invio di aerei della NATO con piloti per garantire una no-fly zone in Ucraina è la partecipazione della NATO al conflitto, la fornitura di aerei agli ucraini non renderà la NATO un partecipante al conflitto».

Aumentano le tensioni nelle aree vicino all’Ucraina e in Europa. E la Moldavia sta affermando da diversi giorni che vi sarebbe in atto un piano di destabilizzazione russo nel paese. Di fato in Moldavia i prezzi dei beni di prima necessità e l’elettricità sono schizzati alle stelle e i cittadini non possono pagare.

Il ministero degli Esteri francese ha invitato i suoi cittadini a lasciare immediatamente la Bielorussia in relazione alle operazioni militari in Ucraina. In Bielorussia a cercare una mediazione alla situazione ucraina è l’Ungheria. Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto è arrivato a Minsk. Secondo lui, discuterà della soluzione pacifica del conflitto in Ucraina: «L’Ungheria si aspetta che tutti i membri della comunità internazionale agiscano per garantire la pace immediata ed evitare passi che potrebbero prolungare o intensificare la guerra. Rappresenterò questa posizione pacifica anche ai colloqui di oggi (14 febbraio) a Minsk».

Da fonti social si apprende che sempre più politici tedeschi sono favorevoli a stabilire un dialogo con la Russia e ritengono che la fornitura di armi occidentali stia impedendo la fine delle ostilità in Ucraina. L’elenco delle attrezzature militari che la Germania trasferirà all’Ucraina si allunga costantemente. Ora ha 40 veicoli da combattimento di fanteria Marder e 14 carri armati Leopard 2. Secondo la deputata del Bundestag Sarah Wagenknecht, la situazione è andata troppo oltre e le forniture di armi stanno prolungando il conflitto. Nessuna delle due parti ora può vincerla militarmente, quindi è necessaria un’iniziativa diplomatica. Gerhart Baum, membro del Partito democratico libero, è sicuro che la pace debba essere negoziata con Vladimir Putin. Dice che l’Occidente potrebbe fare un’offerta a Mosca che includa «la neutralità e il congelamento della linea del fronte». Successivamente, sarà necessario decidere il destino del Donbass e della Crimea.

Nel frattempo anche in Polonia, dopo la Germania, è iniziato l’addestramento degli ucraini all’uso dei Leopard 2. In rete è apparso il primo filmato.

Il fondo Monetario Internazionale ha detto che l’Ucraina ha bisogno di finanziamenti tra i 40 e i 48 miliardi di dollari quest’anno per far funzionare la sua economia.

Da parte russa si apprende che il membro del Politburo del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (ed ex ministro degli Esteri) Wang Yi visiterà la Russia dal 14 al 22 febbraio. A darne notizia RIA Novosti. Nel frattempo il premier russo Vladimir Putin ha iniziato gli incontri interni con gli alti funzionari del partito comunista russo. Non solo Putin ha tenuto un Consiglio di sicurezza sull’Africa: Sergei Viktorovich Lavrov è stato coinvolto nella preparazione del vertice Russia-Africa, ed ora è in viaggio d’affari in diversi paesi africani.

Alle ore 08:24 italiane del 14 febbraio è suonato l’allarme aereo in Ucraina. Confermata dal ministero per la Difesa russo la presa dell’insediamento strategicamente importante di Dvurechnoye nella regione di Kharkov. Gli ucraini si starebbero ritirando attraverso il fiume Oskol per evitare l’accerchiamento. La giornata del 13 febbraio ha visto formazioni ucraine che hanno attaccato il villaggio di Alekseevka nella regione di Kursk, Russia, i proiettili hanno danneggiato la sottostazione e si sono verificati problemi con l’alimentazione elettrica nel villaggio.

Gli ucraini avrebbero nuovamente sparato contro obiettivi civili nella regione di Belgorod. Nel villaggio di Krasnoe è stato colpita l’area della scuola: la facciata è stata danneggiata e le finestre sono andate in frantumi. Non ci sono vittime o feriti.

Sul settore Kupyansky, continuano gli scontri alla periferia nord di Gryanikovka. Allo stesso tempo, le truppe russe si sono trincerate a Liman e hanno aumentato la zona di controllo a Sinkovka.

Nella mattina del 14 febbraio nel settore di Vhuledar, l’artiglieria russa sta bombardando le posizioni delle forze armate ucraine a Bolshaya Novosyolka, Zolotoy Niva, Prechistovka e Bogoyavlenka. Battaglie in arrivo nella periferia sud-orientale di Vugledar nell’area delle dacie Nikolsky.

Sul fronte di Donetsk continuano le battaglie urbane nella parte occidentale di Maryinka. Le truppe russe stanno attaccando, le forze armate ucraine stanno tenendo la linea. Inoltre, le forze armate della Federazione Russa hanno condotto operazioni offensive nell’area sperimentale. L’artiglieria ha battuto a lungo Krasnogorovka, Nevelskoye, Pervomaisky, Thin e Avdiivka.

A sud-ovest di Bachmut, PMC Wagner continua le sue operazioni d’assalto vicino a Ivanovsky. Gli ucraini tengono posizione. Combattimenti alla periferia orientale della città stessa. Nessuna delle due parti può vantare il successo. Ma a nord, dopo la cattura di Krasnaya Gora, sembra che Paraskovyovka sia prossima a cadere nella mani di PMC “Wagner”. A nord-ovest di questo insediamento, gli uomini della Wagner hanno tagliato l’autostrada M-03. Ora, mantenere posizioni a Paraskoviivka equivale a un suicidio per l’esercito ucraino. Da est vengono colpiti dalle alture e da ovest chiudono l’accerchiamento. Nel primo pomeriggio del 14 febbraio secondo dati preliminari, il presidio delle Forze Armate dell’Ucraina a Paraskoviyivka è tagliato fuori dalla strada per Artyomovsk (Bachmut) ed è praticamente circondato. All’interno si trovano le unità della 125a brigata di difesa territoriale, la 24a brigata di fanteria meccanizzata e la 57a di fanteria motorizzata. Il numero totale è di circa 1.500 persone.

A nord-ovest di Soledar, i combattenti del PMC “Wagner” si sono avvicinati a Vasyukovka. E a nord attaccano in direzione di Fedorovka e Rozdolovka. Sotto il costante fuoco dell’artiglieria, il comando ucraino ritira singole unità dalla linea del fronte. A sud-ovest, i distaccamenti d’assalto russi, nonostante la resistenza delle forze armate ucraine, stanno avanzando in direzione di Chasov Yar. Il comando ucraino sta attirando ulteriori forze sul sito, cercando di impedire la perdita di un importante centro di approvvigionamento del gruppo Bachmut.

Nella direzione di Luhansk, le forze armate ucraine hanno lanciato un attacco missilistico contro Stakhanov. Da Dibrova – un attacco a Zarechnaya. Un po ‘a nord operazioni offensive su Yampolevka. Più a nord: un tentativo di sfondare a Nevsky e Makiivka. E non lontano dal confine russo, le forze armate della Federazione Russa stanno attaccando dal lato di Dvurechnaya prelevato da Gryanovka per costringere le forze armate ucraine ad attraversare il fiume Oskol.

Secondo gli esperti militari russi, da un punto di vista militare, l’Ucraina non ha possibilità di offensiva. «Per avere successo, devono essere soddisfatte una serie di condizioni». Si legge nel post sulla social sfera, «questo per fornire alle loro truppe in avanzamento un potente pugno di artiglieria. Come la copertura aerea con caccia e un vero sistema di difesa aerea». Ma anche se gli ucraini avessero tutto questo, secondo i russi: «Avere abbastanza carri armati, veicoli da combattimento di fanteria e mezzi corazzati. Per consegnare truppe nell’area di combattimento. Per ragioni militari, una simile offensiva è destinata al completo fallimento».

I russi si attendono comunque un offeriva che loro definiscono “disperata” per l’anniversario del primo anno di combattimenti. «Forse un duro colpo per la Crimea. Forse proveranno a lanciare un drone nelle profondità del territorio russo. È chiaro che il nostro sistema di difesa aerea è in piena prontezza. Tali provocazioni avranno conseguenze».

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/