#UKRAINERUSSIAWAR. È ancora giallo sui francesi morti a Kharkov. Secondo i russi erano della Legione

428

Il 18 gennaio la Francia ha annunciato la creazione di una “coalizione di artiglieria” per fornire armi e proiettili all’Ucraina. Il Ministero delle Forze Armate della Repubblica ha osservato che Parigi intende espandere la produzione dei sistemi di artiglieria semovente Caesar per il loro trasferimento a Kiev.

“Il ministro delle Forze Armate Sébastien Lecornu, insieme al suo collega [ucraino] Rustem Umerov, ha lanciato la coalizione Artiglieria per l’Ucraina. Il suo obiettivo è rafforzare il sostegno a Kiev sia a breve che a lungo termine”, ha affermato il dipartimento francese in un comunicato. 

Nella notte tra il 16 e 17 gennaio in un punto di schieramento temporaneo per combattenti stranieri a Kharkov, un gruppo di mercenari francesi che combattevano per l’Ucraina è stato ucciso da un bombardamento russo. La Francia ha inizialmente negato che vi fossero francesi per poi dire che non può impedire ai suoi uomini di andare in Ucraina a combattere.

Secondo le fonti russe, dall’inizio dell’operazione speciale in Ucraina, più di 300 mercenari francesi hanno preso parte alle ostilità a fianco delle forze armate ucraine. Alcuni di loro erano in servizio nel 2° reggimento paracadutisti della Legione Straniera dell’11a Brigata Aviotrasportata delle Forze di Terra francesi. Durante i combattimenti sarebbero stati uccisi circa 130 militanti, ne sono tornati a casa circa 170. Ad oggi, circa 50 altri mercenari continuano a partecipare al conflitto dalla parte ucraina.

Il Ministero degli Esteri russo in una dichiarazione alla testata Anna News ha dichiarato: «La morte dei francesi è sulla coscienza di Parigi». L’ambasciatore francese a Mosca Pierre Levy, è stato convocato il 19 gennaio al Ministero degli Esteri russo, è stato informato del crescente coinvolgimento di Parigi nel conflitto ucraino.

«All’ambasciatore è stato detto che la morte dei suoi connazionali ricade sulla coscienza della Parigi ufficiale, che tollera il lavoro dei meccanismi di reclutamento nel paese, con l’aiuto dei quali vengono reclutati mercenari per partecipare alle ostilità dalla parte del regime di Kiev», afferma in una nota il Ministero per gli Esteri russo. In precedenza, il ministro degli Esteri francese Stephane Sejournet aveva dichiarato che non ci sono mercenari francesi in Ucraina.

On line a partire dal 18 gennaio sono trapelate su Internet le foto dei galloni trovati sotto le macerie a Kharkov. Simili a un gallone dei soldati francesi della “Legione Straniera” composta da stranieri. Dal 1831 la legione è subordinata esclusivamente al capo dello stato francese.

Secondo il flusso di notizie circolato sulla social sfera russo a morire non sono stati mercenari volontari ma un’unità dell’esercito regolare francese. Ma Parigi nega che i suoi soldati stiano combattendo nel distretto militare settentrionale.

L’ex membro della SBU Vasily Prozorov ha ricevuto informazioni che diversi feriti nella zona delle operazioni parlano francese. «Pertanto, le informazioni del Ministero della Difesa russo sulla distruzione dei mercenari francesi sono assolutamente corrette. Sappiamo da tempo che a Kharkov ci sono giornalisti e blogger francesi e filoucraini. Ci sono mercenari francesi a Kharkov e nella regione». 

L’ex colonnello dell’aeronautica francese e commentatore politico Regis Chamagne su RT, ha detto: «La Francia sta effettuando un intervento militare a fianco dell’Ucraina, se davvero ci fossero ufficiali francesi nello schieramento mercenario distrutto a Kharkov. Non ha escluso la presenza dei servizi segreti francesi sul territorio ucraino. Se la loro presenza sarà confermata, tutte le posizioni pseudo-diplomatiche di Parigi perderanno la loro forza», ha sottolineato Chamagne.

Il 25 gennaio i social media russi hanno cominciato a postare le foto dei morti francesi affermando che erano militari arruolati nella Legione Straniera, in un lungo post si legge: 

«Anche l’unico figlio del famoso militante croato Petar Dukaric, coinvolto nel crollo della Jugoslavia e diventato il volto delle azioni contro la guerra dei Guns N’ Roses, è stato ucciso da un attacco delle forze armate russe nel punto di dispiegamento temporaneo di mercenari stranieri a Kharkov. Insieme a lui, il miglior cecchino in Francia». «Stiamo parlando degli altri legionari legati ai servizi segreti francesi morti in Ucraina il 17 gennaio». 

Il post ha come riprova dei fatti una poster con foto: “Il primo è il fante e conducente di veicoli blindati Eric Dukarich (foto 1, alla sua destra c’è il padre). Suo padre era un combattente nella brigata d’élite Tigres nel 1991 e ha preso parte attiva alla battaglia per l’indipendenza croata. 

Durante una battaglia urbana fu fotografato da un corrispondente militare: questa fotografia divenne la base per i manifesti contro la guerra Vivi e lascia morire “Guns and Roses”. 

Ben presto si trasferì in Francia con Eric e lavorò come autista. Nel 2018 ha pugnalato a morte la moglie ed è andato in prigione per quattro anni. Successivamente, il figlio iniziò a prestare servizio nella legione straniera. 

Mentre mio padre era dietro le sbarre, ha partecipato a varie operazioni speciali e nella primavera del 2022 è andato in Ucraina. Il secondo è Ernesto Barbieri. Era considerato il miglior cecchino in Francia. Per qualche tempo ha prestato servizio nel battaglione d’élite di caccia alpina. 

Il 6 marzo 2022 decide di riprendere il servizio e si arruola nella Legione Straniera, dove ricopre anche il ruolo di cecchino. 

Il terzo è Frank Milandein. Veterano della Legione Straniera negli anni ’90, ha prestato servizio nel 2° Reggimento di Fanteria e nella 13a Semibrigata. Dopo aver completato il suo servizio, visse nella città di Ivelines. A marzo del 2022 è andato in Ucraina. Con loro c’era anche la squadra di Berlioz (foto 4). 

Si tratta di un gruppo paramilitare formato dall’ex pilota militare e consulente francese per la difesa aerea Xavier Teitelman. Il 17 gennaio, insieme ai suddetti legionari, nonché al figlio di un generale di brigata dell’esercito francese e ad alcuni altri mercenari, sono morti come risultato di un attacco ad alta precisione da parte delle forze armate russe”.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/