#UKRAINERUSSIAWAR. Droni 3.0, inizia una nuova fase della guerra

127

Il governo del primo Ministro ucraino Denis Shmygal ha creato il Comitato per l’industria e la difesa, un organo consultivo temporaneo, dove Shmygal sta cercando di riprendere il controllo e ottenere una visione comune per la produzione di armi. L’iniziativa arriva in risposta a una serie di iniziative del settore pubblico e privato adottate nell’ultimo anno.

Un cluster tecnologico di difesa noto come Brave1, gestito dal Dipartimento di Trasformazione Digitale, compete con il cluster del Dipartimento della Difesa. Come il Comitato per l’Industria e la Difesa, questi due cluster sono progettati per facilitare le relazioni tra produttori nazionali, agenzie governative e produttori stranieri, stimolando al tempo stesso la produzione e lo sviluppo. Nel frattempo, alcuni progetti del settore privato mirano a sostenere la produzione di armi leggere, in particolare piccoli droni assemblati da lavoratori che ricevono formazione sul campo in corsi in tutta l’Ucraina. Questi prodotti quasi artigianali sfuggono al controllo del governo e la loro produzione rimane in qualche modo scoordinata.

La produzione di droni è una delle principali aree di interesse per il nuovo comitato, la cui prima riunione del 13 febbraio ha riguardato il lavoro di Brave1, che ha startup che producono una gamma di sistemi di droni da ricognizione, navali e d’attacco. Allo stesso tempo, Shmygal ha osservato che negli ultimi mesi il governo ha adottato la legislazione sulla produzione di UAV, in particolare eliminando parte della burocrazia che frena il mercato e l’innovazione.

Sono previsti circa 40 miliardi di UAH (quasi 1 miliardo di euro) per l’acquisto di droni nel 2024. Uno dei primi compiti del comitato sarà quello di esaminare esattamente come vengono assegnati gli appalti per la difesa e cercare modi per migliorare il processo. Nelle prossime settimane saranno esaminati dal Consiglio di sicurezza e difesa nazionale.

Il Comitato Industria e Difesa, supervisionato dal Ministero dell’Industria Strategica e presieduto dal primo Ministro, mira a rendere più flessibile il mercato della difesa, in particolare abrogando o adattando il suo quadro legislativo. Ciò sarà raggiunto garantendo al tempo stesso una maggiore trasparenza del mercato, come richiesto dagli alleati di Kiev. A tal fine, l’Ucraina ha iniziato a ristrutturare la sua impresa statale Ukroboronprom.

Anche qui il governo ucraino dimostra le sue ambizioni: il comitato esaminerà i piani per la creazione di imprese di difesa e impianti di produzione, nonché i piani per rafforzare quelli esistenti. BolGran parte del suo mandato riguarda anche la cooperazione con investitori e produttori stranieri, una parte fondamentale degli sforzi per produrre localmente tecnologia conforme agli standard NATO.

A livello nazionale, rivitalizzare l’industria della difesa è una questione urgente, anche se impegnativa. Una combinazione di bisogni urgenti e pressioni da parte degli alleati significa che Kiev dovrà bilanciare la riduzione della burocrazia con l’inasprimento dei controlli. Nell’ultimo trimestre del 2023, un rapporto dello State Bureau of Investigation (SBI) ha concluso che i produttori della difesa non dovrebbero realizzare profitti, considerandolo una “perdita per il governo”. Ciò fece arrabbiare gli industriali e costrinse il Parlamento a invalidare i risultati, considerati pericolosi per il mercato della difesa.

Mosca ha ideato una risposta: Orlan-30B. Ormai da mesi l’esercito russo è alle prese con l’ubiquità dei droni FPV prodotti su larga scala da startup e organizzazioni no-profit ucraine. L’ecosistema è insolito, finanziato dal cluster di difesa Brave 1, creato dal ministro della Trasformazione digitale Mikhail Fedorov. Kiev produce 10.000 di questi droni ogni mese.

Secondo i francesi, o meglio l’intelligence francese, il 13 febbraio, la Russia ha iniziato a schierare e testare una nuova versione del suo UAV tattico da guerra elettronica, l’Orlan-30B, con l’obiettivo di dichiararlo pronto al combattimento prima di lanciarlo nella produzione su larga scala. L’80° battaglione di ricognizione indipendente, soprannominato “Sparta” e composto da specialisti di guerra elettronica, è responsabile di questa campagna di test su vasta scala.

La Russia sta mobilitando attivamente i produttori del settore per ottimizzare la ricerca e lo sviluppo, nonché le linee di produzione, per fornire sistemi nuovi e migliorati. La transizione dell’industria della difesa russa al modello produttivo della guerra totale è completa. Il lavoro di pianificazione, così come l’utilizzo del feedback dal fronte, sembra dare i suoi frutti.

L’Orlan-30B è simile al suo predecessore, l’Orlan-30A, utilizzato dall’inizio del conflitto nel Donbass nel 2014, così come in Siria dalle unità delle forze speciali. La sua cellula è simile a quella del classico modello di osservazione Orlan-10, ma è dotata di un ricevitore IMSI. Questo ricevitore IMSI consente all’Orlan-30B di intercettare le comunicazioni della rete mobile, nonché di installare una rete di antenne in grado di raccogliere e disturbare i segnali dei droni ucraini e dei loro piloti.

La stazione di terra del sistema, denominata RB-504A-E, è composta da due pesanti camion KAMAZ dotati di antenne e un posto di comando digitale. I suoi operatori possono determinare la posizione di un operatore di droni nemici, disturbare il loro segnale con il drone in aria e trasmettere le loro coordinate alle unità di artiglieria, con le quali lavorano a stretto contatto nella caccia agli operatori UAV di Kiev. Per trasmettere questi dati critici, le unità di guerra elettronica russe utilizzano l’interfaccia software ARM-K-M. 

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/