#UKRAINERUSSIAWAR. Dmitry Bulgakov si occuperà dei mobilitati. Non avanzano le truppe ucraine

0

Anche a San Pietroburgo sono terminate le misure per la mobilitazione parziale. A dare notizia l’Ufficio stampa dell’Amministrazione del Governatore. E con San Pietroburgo si chiude il cerchio. Il ministro della Difesa Sergej Shoigu ha riferito a Vladimir Putin che la mobilitazione parziale è stata completata.

Come si è detto all’inizio, sono state arruolate 300.000 persone, 218mila delle quali sono attualmente in fase di addestramento in vari campi in Russia. 82.000 uomini sono già stati dispiegati per l’Operazione militare speciale in Ucraina.

Nel frattempo dal fronte hanno fatto pervenire una lettera al ministro per la Difesa Sergej Shoigu in chi si chiede di non mandare al fronte personale non preparato. Lettera accompagnata con i nominativi di 89 persone arrivate al fronte senza una adeguata preparazione militare.

Secondo la stampa russa l’ex viceministro della Difesa si è dimesso: hanno in programma di nominare Dmitry Bulgakov alla carica di capo della DOSAAF (Società volontaria per l’assistenza all’esercito, all’aviazione e alla marina russa). Secondo Readovka, Dmitry Bulgakov, destituito dalla carica di viceministro della Difesa della Federazione Russa, può essere nominato capo della DOSAAF, che è anche coinvolta nella formazione ed educazione dei mobilitati.

Il ministero della Difesa della Federazione Russa ha osservato che la sua rimozione a settembre era dovuta al “passaggio a un’altra posizione”. All’inizio, Bulgakov era responsabile della logistica delle truppe – in altre parole, guidava il rifornimento delle retrovie con tutto il necessario.

Ed ora veniamo alla situazione sulla linea del fronte in direzione di Starobil’s’k alle ore 16.00 del 28 ottobre 2022.

Le Forze Armate ucraine non stano compiendo azioni offensive attive nel settore di Kupyans’k. Ci sono scontri di artiglieria lungo la linea di contatto.

Nel settore di Svatove, le unità ucraine hanno perso parte dei territori vicino a Kuzemivka e si sono ritirate a Berestove. Un battaglione delle Forze Armate ucraine ha fatto un altro tentativo di attaccare Kuzemivka dalla zona di Berestovoye. Dopo aver perso più di 10 veicoli blindati, le Forze armate ucraine si sono ritirate sulle loro posizioni originarie.

Sul tratto di Liman, si registrano gli attacchi giornalieri ucraini in direzione di Krasnorichens’ke da parte di 2 gruppi battaglione-tattici rinforzati con veicoli corazzati.

In un altro tentativo di assalto, le forze armate ucraine sono state colpite dall’artiglieria russa e dall’aviazione dell’esercito prima di ritirarsi in una testa di ponte vicino al fiume Zherebets.

Le Forze armate ucraine hanno ancora a disposizione una riserva di almeno sei gruppi tattici di battaglioni. Questo permette ancora ai comandanti ucraini di ruotare e cercare di logorare la difesa delle Forze Armate russe senza considerare le proprie perdite.

Non ci sono cambiamenti significativi nelle linee del fronte nel settore di Lysychansk. Le forze armate russe bombardano continuamente le posizioni ucraine nei pressi di Belogorove e Hryhorivka (Grigorovka).

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here