#UKRAINERUSSIAWAR. Danni alla centrale di Zaporizhzhia. I russi bombardano la diga Pechenizes’ke

116

Pushilin, il capo della DPR, dopo aver ascoltato il discorso di Vladimir Putin in diretta Tv ha commentato: «Per più di 3000 giorni abbiamo lottato per il diritto di far parte della Russia», il capo della DPR ha ringraziato Putin per aver sostenuto il referendum nella repubblica.

La società Rostec ha affermato che la produzione di prodotti militari sarà aumentata nell’ambito del decreto sulla mobilitazione parziale. La legge è quella approvata il 21 settembre che modifica il Codice penale russo, paese che da oggi si trova, in economia di guerra

A proposito, della questione dello status dell’”Operazione speciale” e della sua trasformazione in guerra, Peskov ha affermato che non è stata ancora presa alcuna decisione per rivedere lo stato dell’operazione. «Quindi, da un punto di vista legale, continuiamo, anche se il contenuto della campagna militare in Ucraina sta ovviamente cambiando poiché gli Stati Uniti e la NATO sono coinvolti sempre più attivamente in essa, così come misure di mobilitazione limitate in Russia».

Ed ora veniamo alla situazione al fronte al 21 settembre alle 15.00.

I soldati della PMC “Wagner” si sono scontrati con mercenari ucraini vicino a Bachnut nella DPR. Secondo quanto riportato dalle fonti social media, gli uomini della Wagner hanno trovato documenti dell’esercito israeliano e armi straniere, che le forze armate ucraine hanno abbandonato durante la ritirata.

Ieri sono continuati gli attacchi alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. I russi hanno incolpato gli ucraini e viceversa. Danni rilevanti alla struttura.

Oggi l’esercito russo ha lanciato una serie di attacchi missilistici sulla diga del bacino di Pechenizes’ke nella regione di Kharkiv. «Nell’insediamento di Pechenizes’ke, le forze armate russe hanno cercato di distruggere la diga del bacino idrico di Pechenizes’ke», aveva affermato in precedenza lo Stato maggiore delle forze armate ucraine. «Ieri e oggi i russi hanno lanciato missili contro la diga di Pechenizes’ke, c’è una minaccia di danni alla diga», ha affermato il consigliere al capo del Consiglio regionale di Kharkiv Natalya Popova.

Secondo la social sfera russa: per il secondo giorno consecutivo, i canali ucraini hanno riferito degli attacchi delle forze armate russe alla diga del bacino idrico di Pechenizes’ke. Nonostante l’assenza di fotografie di controllo oggettivo, che indichino i fatti degli attacchi alla diga, da un punto di vista militare il ritiro della diga sui Seversky Donet non è privo di significato. Ma solo a breve termine. Dato il ritiro delle unità delle forze armate russe dalla regione di Kharkiv e i tentativi delle forze armate ucraine di stabilire valichi e prendere Krasny Liman, nonché di sviluppare un’offensiva contro Kremennaya e Lisichansk, l’innalzamento dell’acqua nel fiume potrebbe essere una soluzione temporanea per un parziale “congelamento” della prima linea.

Questo consentirebbe di spazzare via i valichi stabiliti, parzialmente allagati insediamenti sulla costa e, possibilmente, costringere le unità ucraine a trasferirsi lungo le rive del Seversky Donets.

In futuro, le traversate, soprattutto dopo le piogge autunnali, i lavori di ingegneria per le forze armate ucraine diventeranno molto più difficili. Dopo il calo del livello dell’acqua, il problema del fondale e della pianura alluvionale allagati rimane. Problema che comunque dovrà essere affrontato. In definitiva, le formazioni ucraine dovranno realizzare attraversamenti senza ghiaia e non lungo un alveo asciutto. Allo stesso tempo, il livello del fiume scenderà a monte: nell’area di Khotomli, Stary Saltov, Rubizhnoye, Volchansk e il confine russo-ucraino, diventerà più facile da attraversare in quest’area.

Pertanto, se le forze armate della Federazione Russa completano davvero ciò che hanno iniziato e distruggono la diga del bacino idrico di Pechenegsky, questa dovrà essere utilizzata il più rapidamente possibile, ad esempio per tagliare e sconfiggere il raggruppamento delle forze armate dell’Ucraina tra i Seversky Donet e Oskol.

Durante il briefing consueto, il ministero russo della Difesa ha dichiarato: «Tutti i tentativi di far avanzare le forze armate ucraine nella direzione Nikolaev-Kryvyi Rih sono stati vanificati. Il raggruppamento Izyum-Balakleyskaya è stato trasferito nel Donbass per rafforzare le capacità di attacco delle truppe russe. Nelle ultime 3 settimane, oltre 7.000 militanti ucraini sono stati uccisi, 970 pezzi di equipaggiamento, inclusi 208 carri armati, sono stati distrutti durante l’operazione speciale».

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here