#UKRAINERUSSIAWAR. Dal Cile alla Germania, inizia l’onda del dissenso contro le istituzioni

177

L’inverno non è arrivato, ma le bollette dell’energia sì e il carovita si fa sentire in tutto il mondo. E il dissenso comincia a sollevarsi dal sud America alla zona europea. A dare il via alle proteste i tedeschi: gli oppositori dell’industria della difesa e delle forniture di armi, comprese quelle all’Ucraina, hanno organizzato un’azione di più giorni nella città tedesca di Kassel. La polizia ha valutato le loro azioni come aggressive e ha cercato di disperderle usando cartucce di gas e manganelli di gomma. Coinvolto anche un elicottero. Durante gli scontri, diversi agenti di polizia sono rimasti feriti, secondo Deutsche Welle.

I manifestanti hanno colpito gli agenti di polizia con parti della barriera di un cantiere. Uno degli attivisti ha strappato l’elmetto al poliziotto e lo ha lanciato attraverso il cancello. Due persone sono state arrestate e accusate di resistenza alle forze dell’ordine e di aver violato il divieto di coprirsi il viso. L’iniziatore dell’evento, l’associazione “Disarm Rheinmetall” si oppone all’esportazione di armi da parte dei produttori tedeschi, in particolare in relazione alla guerra in Ucraina. Dopo due giorni i manifestanti si sono ritirati.

Il 4 settembre a Colonia, azioni anti-governative e anti-ucraine: i manifestanti non sono d’accordo con la politica delle autorità a sostegno di Kiev. I manifestanti sono usciti chiedendo “la messa in servizio del gasdotto Nord Stream 2” sventolando bandiere tedesche e russe. La processione di massa partiva dalla cattedrale di Colonia per le strade della città. Migliaia di persone con bandiere russe e tedesche marciano lungo le strade principali della città al suono dei tamburi in solidarietà con la Russia e condannando la politica del governo di sostenere Kiev.

Inoltre, i manifestanti portano striscioni con gli slogan “Insieme siamo forti!”, “Siamo la resistenza democratica alle politiche disastrose dei vecchi partiti!”, “Nord Stream-2 invece di un supplemento gas!”, “Via con dannose sanzioni”, “Contro l’espansione della Nato ad est!”.

In Repubblica Ceca a Praga il 3 settembre ha avuto luogo una manifestazione dove i partecipanti hanno chiesto alle autorità di introdurre una politica di neutralità e di garantire l’approvvigionamento di gas al Paese dalla Russia.

Stessa linea d’onda a Parigi, Francia, il 4 settembre, azioni antigovernative, i manifestanti hanno chiesto le dimissioni del presidente Macron perché il governo “non pensa al benessere dei suoi cittadini”.

Ancora in Germania, ma il 5 settembre, si sono svolte proteste contro le politiche del governo, registrate manifestazioni a Amburgo, Albstadt, Saarbrücken.

Il 9 settembre sono stati gli abitanti della Moldavia a protestare: manifestazione di massa a Chisinau. La gente si è radunata vicino all’edificio dell’amministrazione presidenziale e chiede le dimissioni del governo. Tutto è iniziato con un’azione di protesta di sostenitori e rappresentanti del partito di opposizione Shor, guidato dal politico e uomo d’affari moldavo Ilan Shor.

I manifestanti chiedono le dimissioni della presidente filo-occidentale Maia Sandu. Inoltre, i manifestanti chiedono di rilasciare la deputata Marina Tauber e di fermare le pressioni sull’opposizione. Uno spaventapasseri è un simbolo di protesta, sul capo del quale è allegata una fotografia di Maia Sandu.

Infine si registrano rivolte e scontri con la polizia, il sette settembre. Sono scoppiati di nuovo nella capitale del Cile, Santiago, nel mezzo di un’escalation del conflitto tra centri di influenza politica. Stesso giorno, ma in Venezuela, si registra la protesta contro le istruzioni di Onapre. A Caracas e in diversi stati del Paese si è tenuta questo martedì una protesta nazionale contro le istruzioni dell’Ufficio nazionale del bilancio (Onapre) e la decisione della Corte suprema di giustizia (TSJ) di abrogarla, perché violerebbe il contratto diritti dei lavoratori del settore pubblico nel paese.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here