#UKRAINERUSSIAWAR. Cresce la linea del fronte. Kiev mira alla Crimea e colpisce a Belgorod. Mosca chiude sul Donbass

309

In Russia «I cittadini convocati in primavera serviranno per un anno e mezzo, e quelli convocati nell’autunno del 2023 serviranno già per due anni.» A darne notizia il commissario militare per Dmitrov, Taldom e Dubna, il tenente colonnello Mikhail Fotin, secondo cui la leadership aveva portato informazioni agli uffici di registrazione e arruolamento militare che i coscritti avrebbero prestato servizio per un anno e mezzo già dalla prossima primavera. «A causa del fatto che i nostri vicini settentrionali stanno aderendo alla NATO e sarà necessario formare nuove formazioni e completarle, compresi i coscritti», ha detto Fotin secondo il quale la mobilitazione parziale non è stata completata, ma sospesa.

Il commissario militare della regione di Mosca, colonnello Alexei Astakhov, sull’aumento della durata del servizio militare ha detto: «La regolamentazione legale nel campo del servizio militare e del servizio militare è attuata dalla legge federale del 28 marzo 1998 n. 53-FZ “Sul servizio militare e servizio militare”. L’articolo 38 della legge federale stabilisce che il periodo di servizio militare per il personale militare di leva è di 12 mesi. Al momento, il ministero della Difesa della Russia non propone modifiche alla legislazione della Federazione Russa in termini di modifica dei termini del servizio militare in caso di coscrizione».

La questione di quanto durerà il servizio di leva in Russia non è secondaria: il suo allungamento dimostra che a Mosca si aspettano che il conflitto durerà a lungo e inoltre si aspettano una espansione che coinvolga altre nazioni e quindi si preparano.

Per avere contezza di quanto sta accadendo al fronte il ministro per la Difesa Sergei Shoigu, il 18 dicembre, ha ispezionato il gruppo di truppe russe nella zona delle operazioni speciali nel distretto militare meridionale.

Il Ministro ha sorvolato le aree in cui sono schierate le truppe e ha controllato le posizioni avanzate delle unità russe nella zona NVO. Quindi il generale ha parlato con i militari russi e ha ringraziato il personale per l’esecuzione esemplare delle missioni di combattimento. Ha anche ascoltato i rapporti dei comandanti sulla situazione attuale e sulle azioni delle truppe russe nelle aree operative. Questo a testimonianza, inoltre che Vladimir Putin intende mantenere la promessa che non ci sarà nessuna tregua per il Natale al fronte.

Il 18 dicembre per la prima volta in maniera continuativa gli ucraini hanno sparato in territorio russo, 12 esplosioni sono risuonate nel cielo sopra Belgorod.

Tutti i missili lanciati dalle Forze armate ucraine sono stati intercettati dai sistemi di difesa aerea, ma i detriti che sono caduti sulla città hanno danneggiato automobili, esplosioni hanno danneggiato condomini, nonché case di privati.

Alla fine della giornata il Governatore della regione di Belgorod Gladkov ha confermato che i missili hanno provocato un morto e 12 feriti. «Circa 60 appartamenti, e due case private e 32 auto sono state danneggiate a Belgorod a causa dei bombardamenti», ha detto il sindaco ad interim della città Valentin Demidov. Nella giornata del 19 dicembre a seguito del bombardamento delle forze armate ucraine a Shebekino, nella regione di Belgorod, l’alimentazione elettrica è stata interrotta.

I residenti locali riferiscono di almeno 6 esplosioni in città. Attualmente circa 14.000 residenti sono senza elettricità. Le squadre di emergenza stanno iniziando a riconnettersi alle fonti di alimentazione di backup.

Non solo, gli Stati Unitili Stati Uniti riconoscono il diritto dell’Ucraina a pianificare e condurre operazioni militari in Crimea; a dirlo il coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby. Il presiedente ucraino, Volodymyr Oleksandrovyč Zelens’kyj, il 18 dicembre in un’intervista al canale televisivo francese TF1 info ha dichiarato: «Amo la Crimea. E così sarò felice di venire nella nostra Crimea ucraina in mare. Sarebbe bello venire lì nell’estate del 2023», ha detto il presidente dell’Ucraina.

Se così fosse, visto che la Crimea ospita le basi e cantieri navali oltre che i sommergibili nucleari russi la risposta di Mosca sarebbe molto dura.

Sulla linea del fronte la guerra continua.

L’esercito russo ha preso il controllo del villaggio di Yakovlevka nella Repubblica popolare di Donetsk (DPR) ed è in corso il rastrellamento casa per casa alla ricerca dei militari ucraini. Fonte ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Il 18 dicembre le forze armate ucraine hanno condotto un massiccio bombardamento di Donetsk. L’ospedale è stato gravemente danneggiato. Kalinin. Gli incendi sono scoppiati negli edifici 2 e 6, i pazienti sono stati evacuati evacuati. Vi sarebbero 11 morti e 17 e ferite dopo il bombardamento di Lantratovka nella LPR. Fonte ufficio di rappresentanza della repubblica nel JCCC.

In direzione Starobil’s’k: Non ci sono cambiamenti significativi nella situazione nel settore Kupyansky: continuano le battaglie posizionali sulla linea Liman 1st-Olshana. Sul settore Limansky sono in corso scontri nella zona di Makiivka. Le parti sono impegnate in scontri di artiglieria lungo la linea di contatto: le Forze Armate russe colpiscono le concentrazioni delle Forze Armate ucraine a Vyšneve , Kupyansk, Tabaivka e Kotlyarova.

Direzione Soledar: il comando ucraino ha trasferito a Soledar unità di mercenari stranieri per contenere l’offensiva delle truppe russe. Sul settore Bachumut (Artyomovsky), i distaccamenti d’assalto del Wagner PMC stanno combattendo a Bachmut, Opytne e alla periferia di Kleshchiivka.

Unità del 3 ° battaglione della 28a brigata e della 46a brigata delle Forze Armate ucraine hanno tentato senza successo di attaccare le posizioni delle truppe russe a Ozerianivka.

Sul settore Тorec’k  (Dzerzhinsky), le Forze Armate ucraine stanno formando gruppi d’assalto nelle vicinanze di Neu York (Novgorodsky).

Nella Repubblica popolare di Lugansk: Le forze armate ucraine hanno lanciato razzi dall’HIMARS MLRS contro strutture civili ad Alchevsk e Shchastya: tre civili sono stati uccisi, cinque feriti.

Direzione Donetsk: Le unità di fucilieri motorizzati delle Forze Armate russe continuano ad avanzare nel centro di Maryinka, sfondando le difese nemiche su Druzhby Avenue. A sud, i distaccamenti d’assalto delle forze armate ucraine hanno cacciato le truppe russe dalle posizioni nei campi a sud-est di Pobeda. Formazioni ucraine hanno bombardato gli insediamenti dell’agglomerato di Donetsk: sono stati attaccati anche edifici residenziali e un ospedale nel centro di Donetsk. Una persona è morta, quattro sono rimaste ferite.

Direzione  Zaporizhzhia. Il 17 dicembre, unità della 65a brigata delle Forze Armate ucraine hanno attaccato le posizioni delle Forze armate russe vicino a Nesterianka nel settore Orekhovsky. Le truppe russe hanno respinto l’attacco, costringendolo gli ucraini a ritirarsi nelle loro posizioni originali sotto il fuoco dei mortai.

Nella sezione Polonsky del gruppo di ricognizione del 79° battaglione del 102° arrondissement del TRO delle Forze Armate dell’Ucraina, con l’aiuto degli UAV, monitorano il movimento delle truppe russe nell’area del insediamenti di Shirokoye, Marfopol e Stepanovka.

Fronte meridionale: direzione Kherson: I droni ucraini stanno cercando le posizioni delle forze armate russe e le strutture di rifornimento di retroguardia lungo la costa del Dnepr da Nizhny Rogachik a Nova Kakhovka. Le truppe russe hanno bombardato nei luoghi di concentrazione delle Forze Armate ucraine a Stepanovka, Kazatsky, Tyaginka e nelle vicinanze di Kherson.

A loro volta, le formazioni ucraine hanno attaccato obiettivi civili a Nova Kakhovka, parte degli insediamenti del distretto urbano di Nova Kakhovka sono rimasti senza alimentazione.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/