#UKRAINERUSSIAWAR. Carico di petrolio russo verso gli Emirati Arabi Uniti

181

Il più grande commerciante di petrolio indipendente del mondo, Vitol, ha caricato un carico di greggio russo Espo (Eastern Siberia Pacific Ocean) Blend per gli Emirati Arabi Uniti questa settimana, il primo viaggio di questo tipo per il grado.

Secondo Reuters, la petroliera Suezmax Kriti Breeze, noleggiata per 2,3 milioni di dollari, ha caricato l’equivalente di ben 740.000 barili dal porto dell’Estremo Oriente di Kozmino il 3 maggio, e si starebbe dirigendo verso il porto di Fujairah. Kozmino è  un porto petrolifero a 85 chilometri a sud-est di Vladivostok nella baia di Nakhodka vicino a Nakhodka, nel Primorsky Krai, in Russia e vicino ai confini della Russia con la Cina e la Corea del Nord, sulla costa del Mar del Giappone.

Secondo i dati di Refinitiv, Kpler e Vortexa, Vitol potrebbe portare il carico alla propria raffineria di Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti. Il porto di Fujairah è un “porto profondo” situato a Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti. È il più grande porto sulla costa orientale degli Emirati Arabi Uniti e il secondo hub di bunkeraggio più grande del mondo. Un porto in acque profonde è una struttura artificiale fissa o galleggiante, o un gruppo di strutture, utilizzate come porto o terminale per il trasporto, lo stoccaggio e l’ulteriore manipolazione di petrolio o gas naturale per il trasporto verso o da qualsiasi Stato.

Vitol, tramite la società controllata Vtti, che possiede insieme a Ifm e Adnoc, controlla un complesso di raffineria nell’Emirato con una capacità di circa 100.000 barili al giorno e uno stoccaggio per circa 2 milioni di tonnellate di petrolio. La petroliera dovrebbe scaricare il carico a Fujairah alla fine di maggio o all’inizio di giugno, secondo i dati.

Il greggio Espo è tipicamente venduto all’Asia del Nord. Questa spedizione è «molto creativa e gli sconti Fob (free-on-board) devono essere enormi per funzionare», riporta Reuters, riferendosi allo sconto spot del greggio alle quotazioni di Dubai, esclusi i costi di trasporto.

L’Unione europea sta dibattendo come delineare le sanzioni petrolifere contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina. Mosca chiama le sue azioni nel teatro ucraino una “operazione militare speciale” e ancora non ha dichiarato guerra a Kiev.

Vitol ha precedentemente detto che i volumi scambiati di petrolio russo «diminuiranno significativamente nel secondo trimestre via via che gli obblighi contrattuali a termine corrente diminuiranno, e cesserà il commercio di petrolio russo entro la fine del 2022».

Antonio Albanese