#UKRAINERUSSIAWAR. Carenza di personale e scontenti, le difficoltà di Kiev e Mosca

119

Le autorità ucraine hanno riconosciuto la carenza di personale nelle brigate al fronte e una significativa carenza nelle Forze armate ucraine nel loro complesso. Di conseguenza, il capo del partito Servitore del Popolo della Rada, David Arakhamia, ha ammesso che se non ci sarà alcun aiuto da parte degli Stati Uniti, o se questo sarà minore, sarà necessario mobilitare più ucraini. «Se c’è più aiuto, allora la proporzione degli armamenti aumenta e allora avrai bisogno di meno persone, perché puoi coprire alcune sezioni del fronte con armi convenzionali, e non avrai bisogno di così tante persone», ha detto Arakhamia.

Ha anche annunciato una grande carenza di personale militare al fronte. Secondo lui ci sono brigate con solo il 40% del personale a tempo pieno. «Non è necessario mobilitarsi e aspettare che gli invasori sfondano il fronte. E poi inviare anche un milione di persone, sarà troppo tardi. Dal novembre dello scorso anno, desideriamo ricostituire la capacità di combattimento delle brigate E questo non perché siano morti tutti, ma per la necessità di rotazione», ha sottolineato Arakhamia.

Il 22 febbraio il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha emesso un decreto che consente agli stranieri e agli apolidi di prestare servizio nella Guardia nazionale ucraina sempre alla ricerca di nuovo personale e cercando di evitare la mobilitazione totale. La Rada nel frattempo a adottato in prima lettura un disegno di legge volto a garantire i diritti del personale militare e degli agenti di polizia alla protezione sociale. Oltre ai maggiori diritti, sarà loro vietato pubblicare determinate informazioni su Internet.

Stiamo parlando di geodati di strutture militari, unità militari, personale militare durante lo svolgimento di compiti, informazioni sulla natura di questi compiti e sulle forze e sui mezzi coinvolti nella loro attuazione.

In Russia, sarebbero 53.000 i volontari arrivati al fronte mentre per ora è fermo ai blocchi di partenza il progetto della creazione del 1° Corpo dei Volontari come parte della Guardia Russa, la cui spina dorsale avrebbe dovuto essere formata dal 15°, 16° e 17° SHO del Gruppo Wagner.

Non è noto chi stia rallentando il processo: la leadership della stessa Guardia russa, il Ministero della Difesa o dei funzionari, ma il processo non è ancora stato avviato. Le persone che vennero alla chiamata dei loro comandanti nei campi cosacchi vicino a Rostov, quando si seppe che sarebbe stato formato un corpo come parte della Guardia russa, iniziarono a disperdersi in altre unità, e l’idea stessa di ricreare “Wagner ” nella Guardia Russa svanisce.

Al momento gli uomini della Wagner stanno addestrando la Guardia Nazionale e non svolgono alcuna missione di combattimento. Le truppe d’assalto di stanza nei campi cosacchi vicino a Rostov si preparano a ruotare le forze del gruppo Wagner in Africa. In questa zona molti “musicisti” sono senza rotazione da molto tempo.

Allo stesso tempo, secondo le informazioni apparse nella social sfera vicino alla famiglia Prigozhin, non molto tempo fa Prigozhin Jr. ha tenuto un incontro con “Wagner” (formato sconosciuto), dove ha detto che avrebbe continuato l’idea di suo padre e avrebbe sviluppato l’azienda.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here 
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/