#UKRAINERUSSIAWAR. Capodanno: Kiev fa oltre 100 morti tra i russi a Makiivka. Mosca bombarda le infrastrutture di Kiev

166

Mentre il resto del mondo festeggiava il nuovo anno con fuochi di artificio, in Ucraina, poco dopo la mezzanotte, le Forze Armate Ucraine hanno lanciato più di 50 proiettili a Donetsk, la maggior parte dei quali nel centro della città e nel quartiere di Kuybyshev, colpendo le aree residenziali. Oltre al complesso di Makiivka che ospitava militari mobilitati russi l’attacco più importante è avvenuto contro l’ospedale Pervomaisk nel Luhansk.

I russi nella stessa notte sono tornati a colpire quel che resta delle infrastrutture industriali di Kiev.

Alle ore 14:00 del 2 gennaio 2023 la situazione al fronte nella Direzione Zaporizhizhia era la seguente: nella direzione di Zaporizhzhya, i soldati russi si sono assicurati le linee liberate a seguito di un’offensiva locale. Nel settore di Polohivs’kyi, un assalto alle posizioni ucraine ha ripristinato il controllo su Dorozhnyanka. Le formazioni ucraine si sono ritirate nelle linee di riserva, secondo la social sfera si contano 36 tra morti e feriti, nelle fila ucraine. Un gruppo russo di ricognizione e sabotaggio ha condotto un’incursione sulle posizioni ucraine a nord di Novopokrovka, eliminando tre uomini in due posti di osservazione.

Per riprendere il controllo, il comando della 65a brigata meccanizzata ucraina sta pianificando un contrattacco da Zaliznychne  con il supporto delle unità del 103° battaglione della 108r TRO sulla linea Bilohir’ya-Charivne. La linea di difesa della 108ª Brigata è stata ruotata e sono stati consegnati ulteriori missili guidati anticarro Javelin.

Il settore di Orichiv ha ricevuto rinforzi dalle forze mobilitate a Shcherbaky, mentre unità della 108ª Brigata delle Truppe delle Forze Armate ucraine sono arrivate nelle vicinanze di Yegorovka e Omelnik. Gli abitanti della regione di Zaporizhizhia, controllata dagli ucraini, stanno diffondendo informazioni sui preparativi di Kiev per un’offensiva in direzione di Tokmak.

Secondo le informazioni della social sfera gli ucraini hanno bombardato il centro di Makiivka e Donesk la sera di capodanno. La scuola professionale di Donetsk Makiivka è stata colpita da un HIMARS MLRS (due proiettili sono stati intercettati dalla difesa aerea, quattro hanno raggiunto il bersaglio). Da metà dicembre la scuola professionale ospitava il reggimento 14444, composto da mobilitati. Nello stesso luogo era stato collocato un deposito di munizioni, che è esploso in seguito all’attacco. Secondo la social sfera, nell’edificio c’erano circa 600 persone in totale. Le vittime confermate sono circa 70. Lo sgombero delle macerie continua. Si stima che le vittime siano fino a 110 e oltre 100 i feriti. Si registra perdita di documenti e comunicazioni, oltre che interruzione del controllo.

I russi promettono una indagine interna per stabilire le responsabilità alla luce delle gravi inefficienze che hanno portato all’attacco ucraino: gli stessi vertici militari locali il 12 agosto, permisero che l’artiglieria ucraina colpisse il comando che si trovava nell’edificio di controllo della miniera Leninskaya. Anche le informazioni di intelligence sull’imminente attacco di Capodanno non sono state ascoltate; ora è intervenuto l’ufficio del procuratore militare russo.

Sempre nella giornata del 2 gennaio i russi hanno attaccato i depositi ucraini a Očakiv. Le unità di artiglieria delle Forze armate russe hanno colpito le posizioni ucraine sulla costa dell’estuario del Dniepr a Očakiv. Gli obiettivi erano magazzini vicino a un molo per le barche. Data la vicinanza delle strutture all’ormeggio e il facile accesso alla zona d’acqua della baia, è molto probabile che l’infrastruttura sia stata utilizzata dal 73° Centro per le operazioni speciali marittime delle forze ucraine. Nei mesi scorsi c’era stato il coinvolgimento attivo delle squadre di ricognizione ucraino su motoscafi per monitorare la situazione nella penisola di Kinburn. Non ci sono dati sulle vittime tra le formazioni ucraine.

In Direzione Soledar alle 12:00 del 2 gennaio si registrano combattimenti nelle vicinanze di Bachmut e Soledar. Gli ucraini stanno cercando di frenare l’avanzata delle Forze Armate russe e intenderebbero condurre una ricognizione nella zona industriale per determinare la prima linea di difesa dell’esercito russo.

Nel settore di Bachmut (Artemivsk), le forze ucraine della 57ª divisione di fanteria hanno tentato di riprendere le posizioni alla periferia sudorientale di Bachmut. L’attacco è stato respinto e le formazioni ucraine si sono ritirate con perdite. La 57ª Brigata via social ha diffuso informazioni sulle ingenti perdite subite dal 17° battaglione del compound: sono rimasti solo 100 uomini. Il 16 gennaio, il 17° OTRB, che si era precedentemente ritirato a Kostyantynivka, sarà sciolto e il personale sarà trasferito ad altre unità. Non è possibile al momento verificare le informazioni.

Inoltre, le formazioni che avevano precedentemente operato in direzione di Kherson sono arrivate a Chasov Yar. Le unità trasferite entreranno a far parte del 57° battaglione di fanteria delle Forze armate ucraine dopo un breve periodo di armonizzazione.

A nord-est di Bachmut, gli uomini della WAGNER hanno stabilito il controllo di due capisaldi di plotone vicino a Pidhorodne e di sette postazioni di tiro a nord-ovest della linea Bachmut-Soledar.

Continua a sud-ovest l’assalto alla roccaforte dell’AFU di Klishchiivka, tenuta da unità combinate delle brigate 24° e 63° e del 57° battaglione di fanteria. Durante i combattimenti, le forze russe hanno stabilito il controllo di un’altra roccaforte. Distaccamenti di ingegneri della 28a brigata d’armata stanno attrezzando una seconda linea di difesa nei pressi di Ivanopllya, in caso di sfondamento della linea di Klishchiivka.

Nel settore di Soledar, unità d’assalto della PMC Wagner stanno avanzando su Soledar dalla direzione di Bachmut e Yakovlevka. I combattimenti attivi hanno portato alla presa da parte dei russi di due capisaldi della compagnia e di cinque posti di osservazione della 128ª OgshbR e della 61ª Brigata delle Forze armate ucraine.

Contemporaneamente continua l’avanzata verso Rozdolivka e Vesele. Per scoraggiare l’offensiva, le unità di ingegneria ucraine hanno allestito campi minati nel centro di Vesele, mentre gli equipaggi dell’artiglieria sparano alla periferia meridionale del villaggio e a Yakovlevka.

Secondo la social sfera russa le unità della Guardia nazionale ucraina saranno dislocate dalla regione di Sumy a Bachmut per compensare le perdite. A Kostjantynivka è iniziata la distribuzione dei generatori diesel donati dagli Stati Uniti nell’ambito degli aiuti militari.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/