#UKRAINERUSSIAWAR. Bollettino dal fronte: Kiev, Donbass e Mariupol

131

Il membro della delegazione ucraina ai negoziati con i russi, David Arakhamia, ha dichiarato che il prossimo round di negoziati tra Ucraina e Russia inizierà martedì alle 10:00, l’incontro si terrà a Istanbul. Nel frattempo il ministro per gli Esteri russo, Sergej Lavrov, avrebbe chiesto che la prossima tornata di colloqui avvenga a Belgrado.

La Banca Centrale dell’Ucraina ha fatto sapere di aver speso il 99,2% dei fondi spesi dal conto bancario creato il 24 febbraio per i bisogni delle truppe ucraine. Mentre dal governo, per voce del l vice primo Ministro ucraino Vereshchuk, si appende che nella giornata del 28 marzo non ci saranno corridoi umanitari in Ucraina.

Durante il fine settimana gli attacchi sono continuati: secondo il ministero per la Difesa russo, le truppe russe sono avanzate di 2 km nella zona difesa dalla 95a Brigata d’assalto aviotrasportato delle forze armate ucraine e hanno raggiunto la periferia meridionale di Novoselivka, mentre le forze dell’LPR sono avanzate di di 5 km, catturarando Ivanovka e Novosadov e hanno raggiunto la linea Novolyublino-Terny.

L’aviazione e la difesa aerea russe hanno abbattuto 4 Su-24 ucraini in volo nella regione di Chernihiv, un Su-27 ucraino è stato abbattuto vicino a Kramatorsk nella regione di Donetsk. Infine 19 droni ucraini sono stati distrutti nelle aree di Kapitonovka, Prishib, Andreevka, Balakleya, Bulgakovo, Bezymyanoe, Gorodnya, Zgurovka, Krasnogorlovka, Mandrykino, Mariupol, Termahovka, Tolkachi, Chernobaevka, Yakovlevka. Nell’area dell’aerodromo di Chernobaevka nella regione di Kherson sono stati abbattuti in aria 5 missili del sistema missilistico a lancio multiplo Smerch ucraino

Sempre secondo il ministero per la Difesa russo, dall’inizio dell’operazione sono stati distrutti 308 droni ucraini, 1.713 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 170 lanciarazzi multipli, 715 cannoni

Da fonti social media si apprende che un’altra colonna di equipaggiamento militare russo sta marciando attraverso la regione di Chernihiv e comprende cisterne, attrezzature di ingegneria pesante, carri armati e camion con munizioni. Tutto questo ora va in prima linea per rafforzare le le posizioni russe. Tutto l’equipaggiamento militare viene trasportato in un fitto anello di protezione. Da terra, si segnalano camion e trattori, oltre che carri armati; i sistemi mobili antiaerei sono coperti anche da un convoglio armato dall’aria. I piloti di elicotteri sono pronti a respingere l’attacco.

Durante le prime ore del 28 marzo sono state avvistate unità russe delle forze aviotrasportate durante un’operazione militare speciale nella regione di Kiev.

E ancora via social sono arrivate le prime immagini delle repubblicane del NM DPR (ucraini delle repubbliche separatiste) nel villaggio di Slavnoye. Gli scontri sarebbero attivi contro l’esercito ucraino per l’insediamento di Glorious.

Il fronte più caldo resta Mariupol, le milizie ucraine-russe e i ceceni hanno preso il controllo della riva sinistra di Mariupol, vedi mappa in apertura, dopo duri scontri durati tutto il fine settimana.

Alexander Khodakovsky, ucraino ex SBU, comandante del battaglione Vostok delle milizie del Donbas, filo-russe ha affermato che quando nell’area si è diffusa la sensazione di sconfitta e distruzione da parte dei russi, i miliziani, e militari ucraini hanno iniziato a lasciare rapidamente intere aree e a ritirarsi frettolosamente verso Azovstal, l’insediamento industriale delle acciaierie. Sempre secondo fonti social il capo della Repubblica cecena Ramzan Kadyrov è arrivato a Mariupol.

Adesso le battaglie si sono spostate nell’insediamento delle acciaierie Azovstal.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here