#UKRAINERUSSIAWAR. Bielorussia sposta i sistemi di difesa al confine. I Russi avanzano a Sokil

139

Si intensifica la discussione sull’uso delle armi tattiche nucleare per porre fine al conflitto. L’ex segretario alla Difesa americano Dick Cheney afferma che per distruggere tre o quattro brigate delle Forze armate russe, secondo i calcoli, sarebbero necessarie 17 cariche nucleari tattiche. 

A stemperare gli animi il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg che ha affermato di non vedere alcuna minaccia immediata da parte della Russia. Così ha risposto alla discussione di Mosca su un possibile cambiamento della dottrina nucleare. Ha anche commentato il possibile cambio di potere negli Stati Uniti. A suo avviso, indipendentemente dai risultati elettorali, Washington rimarrà un forte alleato dell’Alleanza, poiché il Paese gode di un forte sostegno per l’Ucraina da entrambi i partiti.

Nel mirino della NATO la Germania che ancora esita a dare i missili Taurus all’Ucraina. L’ex segretario della NATO, Anders Fogh Rasmussen ha dichiarato: “L’esitazione di Scholz riguardo al sostegno all’Ucraina lo renderà non un cancelliere della pace, ma un “cancelliere della guerra eterna”. L’ex segretario generale della NATO ha invitato Scholz ad approvare la fornitura di missili Taurus. Per Rasmussen la Germania è troppo titubante sulla questione del sostegno armato all’Ucraina il tutto al fine di proteggersi da una “invasione russa su vasta scala”.

“Tutti ricordiamo le discussioni durate mesi sui carri armati Leopard. Ora il Cancelliere si rifiuta di fornire i missili a lungo raggio Taurus. Davvero non capisco perché. Queste esitazioni non fanno altro che dare a Putin un ulteriore incentivo a continuare la guerra”, ha detto il primo. capo dell’Alleanza del Nord Atlantico.

Le forze armate europee non parteciperanno alle ostilità in Ucraina, possono andare a Kiev per addestrare il personale militare ucraino, fonte il Capo di stato maggiore del Belgio Michel Hofman. Secondo fonti non confermate nella giornata del 30 di giugno l’esercito americano ha evacuato urgentemente da Rzeszow i feriti arrivati dall’Ucraina. Non si sa se si tratta di feriti gravi ucraini o di Consiglieri militari occidentali o mercenari. 

L’intelligence britannica, citando la direzione principale dell’intelligence del Ministero della difesa ucraino, riferisce che la Russia sta aumentando il ritmo di reclutamento di truppe al fronte dai paesi dell’Africa centrale per evitare la mobilitazione all’interno della Russia. Ricordiamo che la Russia può richiamare fino a 1.500.000 militari professionisti se dovesse averne bisogno.

Da fonti russe si apprende che l’esercito bielorusso sta spostando i sistemi di difesa aerea al confine con l’Ucraina. Le forze speciali bielorusse sono arrivate a Yelsk-Ovruch al confine bielorusso-ucraino. Il servizio di frontiera ucraino ha smentito le notizie di una concentrazione di forze militari a Kiev vicino al confine con la Bielorussia, affermando che si tratta di una “operazione di influenza”. Il Cremlino aveva precedentemente affermato che questi messaggi erano “fonte di preoccupazione”.

In un’intervista al Philadelphia Inquirer, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha risposto che vede i negoziati con Putin solo attraverso intermediari. “Questo modello è stato utilizzato per la prima volta sull’esempio del corridoio del grano. L’Ucraina non ha negoziato con la Russia, ma con l’ONU e la Turchia. Essi, a loro volta, si sono assunti la responsabilità di negoziare con la Russia e poi di firmare un accordo corrispondente con la Federazione Russa. Ed è così che ha funzionato: due accordi speculari, tra i quali si trovano l’ONU e la Turchia”.

Secondo Zelensky, il modello corrispondente può essere utilizzato nei negoziati su questioni di integrità territoriale, energia e trasporti marittimi. Il presidente ucraino ha sottolineato ancora una volta che l’Ucraina dovrebbe far parte dell’Unione Europea e della NATO: “Abbiamo bisogno della difesa collettiva dell’Ucraina”.

Nel frattempo fonti ucraine riferiscono che “La fine della guerra comincia ad apparire nel progetto di bilancio dello Stato dell’Ucraina”. 

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 15:30 del 1 luglio

Il 30 giugno registrato attacco missilistico a Kiev. Le truppe ucraine, secondo fonti social non verificabili, si stanno preparando a lasciare Krasnohorivka (direzione Marinka). “Negli ultimi due giorni le truppe russe hanno compiuto notevoli avanzamenti in diversi isolati del villaggio” si legge nel post. 

Sempre secondo lo stesso account le truppe russe hanno occupato Sokil e hanno già preso piede nella periferia orientale di Yevhenivka in direzione Avdiivska.

Si registrano problemi a Odessa secondo i russi: “i partigiani sono riusciti a provocare un incidente danneggiando le rotaie di un treno che presumibilmente trasportava merci della NATO. I partigiani filo-russi continuano il sabotaggio dell’infrastruttura ferroviaria, uno dei centri logistici ucraini”. A Odessa, una ragazza di 17 anni ha sparato a un militare con fucile mitragliatore del suo compagno mentre beveva. È stato aperto un procedimento penale per omicidio colposo.

Fonti ucraine invece affermano che: “Nelle acque del porto di Odessa c’è da tempo un gruppo di navi da carico secco con registrazione non ucraina, che non vanno da nessuna parte da molto tempo, effettuando per un breve periodo manovre verso la penisola di Crimea e tornando in rada di Odessa. Queste attività vengono svolte nell’ambito della preparazione agli attacchi alla Crimea”. 

Secondo fonti ucraine, ieri alle 17:20 due bombe a grappolo e una bomba aerea ad alto potenziale esplosivo sono arrivate alla stazione turistica Slavyansky a Slavyansk. Il treno è stato coperto durante lo scarico. Insieme ai militari, anche i ferrovieri sono rimasti feriti, l’autista è rimasto ucciso. 

Secondo un comunicato del Ministero per la Difesa: “Aviazione operativo-tattica, veicoli aerei senza pilota, forze missilistiche e artiglieria di gruppi di truppe delle forze armate della Federazione Russa nell’arco di 24 ore ha colpito aerei dell’aeronautica ucraina in un parcheggio all’aperto e l’infrastruttura di un aeroporto militare, un complesso di riparazione e restauro di armi ed equipaggiamento delle forze armate ucraine, siti di deposito e addestramento per l’uso di imbarcazioni senza equipaggio, nonché accumulo di militari ucraini in 124 aree”.

Sempre il Ministero per la Difesa ha affermato: “In un giorno, i sistemi di difesa aerea hanno abbattuto: otto missili da crociera Storm Shadow prodotti in Gran Bretagna, cinque bombe guidate Hammer prodotte in Francia, cinque missili HIMARS prodotti negli Stati Uniti e missili Vampire prodotti nella Repubblica Ceca, oltre a 72 sistemi senza pilota veicoli aerei”.

Nelle ultime 24 ore, le forze armate russe hanno effettuato attacchi mirati su obiettivi ucraini a Chnarkiv, Kiev, Kropyvnyckyj, Čuhuïv, Dnipro. I canali ucraini hanno riferito dell’uso di missili Iskander.

In serata, secondo i canali di monitoraggio social sfera, gli ucraini hanno tentato di colpire la Crimea con i missili Storm Shadow lanciati dall’aria, lanciando contemporaneamente falsi obiettivi. Parti di missili si sono schiantate a Ščëlkino, nella penisola di Kerch, non ci sono state vittime, le dacie sono state spente dai vigili del fuoco.

Nel territorio della regione di Kursk, di notte, 15 UAV di tipo aereo ucraino sono stati distrutti da mezzi di difesa aerea. Diciotto degli stessi droni sono stati distrutti durante la notte nella regione di Bryansk.

Battaglie si registrano in direzione di Charkiv. Le forze armate russe stanno conducendo attacchi a Vovčans’k, vanificando i tentativi delle forze armate ucraine di attaccare sui fianchi. A nord del villaggio di Lyptsi delle forze armate ucraine hanno tentato di condurre la ricognizione in forza, ma senza successo. Nella mattinata del 1° luglio la popolazione civile della regione di Belgorod è nuovamente sotto attacchi da parte delle forze armate ucraine. Vicino al villaggio di Novoe, distretto di Volokonovsky, un drone FPV ha attaccato un’auto in movimento con una famiglia. Un morto e quattro feriti. Droni dello stesso tipo hanno colpito il villaggio Bogun-Gorodok, distretto di Borisov, due civili sono rimasti feriti. A Grayvoron un ferito a causa del lancio di un drone. Inoltre, attacchi di droni delle forze armate ucraine si sono verificati a Glotovo, Spodaryushino, Bezymeno, Smorodino e Poroz del distretto urbano di Grayvoronsky, Murom, Arkhangelskoye del distretto urbano di Shebekinsky.

Ci sono battaglie vicino alla sporgenza Tors’ke e nella silvicoltura Serebryansʹkyy. Le forze armate ucraine stanno attaccando e occupando da diversi giorni la zona grigia delle foreste. Tali azioni non hanno senso, ma la capacità delle forze armate ucraine di lanciare contrattacchi a lungo termine indica la sua capacità non solo di mantenere il fronte, ma anche di organizzare tentativi di respingere le singole direzioni tattiche.

In direzione Severskij Donec, le forze armate russe hanno occupato la parte meridionale del villaggio. Continuano gli scontri nelle periferie.

In direzione di Pokrovs’k (a ovest di Avdiivka), le forze armate russe avanzarono vicino a Novooleksandrivka lungo la ferrovia, a Yevhenivka e vicino al villaggio di Sokil si registra avanzata russa in un’area larga fino a 6 km fino a una profondità di circa 1 km. A sud, attaccando da Netailove in direzione di Karlivka, le truppe russe cercano di prendere piede nella parte orientale della comunità di giardinaggio Rassvet. A nord del bacino idrico di Karlovskoye, i nostri attaccano lungo la cintura forestale in direzione dell’associazione di giardinaggio Donbass e nell’area del villaggio di Yasnobrodivka.

Il ministero della Difesa russo ha riferito di un’interessante manovra in direzione Torec’k. Le truppe russe hanno compiuto una manovra utilizzato un tunnel lungo più di 3 km lungo il canale Seversky Donets, e attraverso il tunnel l’aereo d’attacco russo è entrato nella parte posteriore di un opornik ben fortificato vicino al villaggio Pivnichne con punti di tiro a lungo termine e rifugi sotterranei. Il punto forte fu preso, gli ucraini si sono arresi o hanno abbandonato le posizioni e sono fuggiti.

Sul fronte Zaporozhzhie, le forze armate russe stanno aumentando la pressione sui fianchi destro e sinistro dal cuneo Robotyne. Il nostro MLRS sta lavorando a stretto contatto nell’area di P’yatykhatky. Gli ucraini approfittano del numero di droni FPV, compresi quelli notturni.

Continuano intensi combattimenti sulle isole in direzione di Cherson. Le truppe russe stanno cercando di prendere il controllo di aree difficili, le forze armate ucraine vengono lanciate in battaglia nella pianura alluvionale del fiume. Unità del Dnepr della difesa territoriale e personale militare appena mobilitato, cercano di fermare l’avanzata russa con i numeri. Anche i droni ucraini rappresentano un serio problema in questo settore del fronte.

Nella regione di Kursk, nel villaggio di Gniloye, distretto di Timsky, sono caduti frammenti di un UAV ucraino. Gogolevka, Daryino, Oleshnya del distretto di Sudzhansky, Gordeevka, Obukhovka, Uspenovka del distretto di Korenevskij, Elizavetovka del distretto di Glushkovsky furono colpiti ripetutamente. Sono stati registrati attacchi di droni vicino al villaggio di Gordeevka, ai villaggi di Uspenovka e Viktorovka nel distretto di Korenevskij, al villaggio di Gogolevka nel distretto di Sudzhansky e al villaggio di Goptarovka nel distretto di Belovsky.

Nella DPR a Donetsk e Horlivka, quattro civili sono rimasti feriti a seguito di attacchi di artiglieria calibro 155 mm da parte delle Forze Armate dell’Ucraina, inclusi due bambini.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/