#UKRAINERUSSIAWAR. BERS prevede stagflazione globale e crisi alimentare

107

La guerra in Ucraina, che dura da tre mesi, sta dominando i lavori della riunione annuale della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo a Marrakech, in Marocco. I delegati dei 73 Paesi membri hanno come tema dell’incontro annuale, il primo dopo la pandemia in persona: Rispondere alle sfide in un mondo turbolento. Come si ricorderà la Bers ha pubblicato un nuovo outlook economico per la regione, che prevede una contrazione del 30% dell’economia ucraina, un calo del 10% per la Russia e un rallentamento generale in tutta l’area di copertura della banca, l’Europa emergente, fino a una crescita di solo l’1,1% quest’anno.

Ci sarà un rallentamento economico che si propagherà con gravità decrescente dall’epicentro nella regione ucraina del Donbas, ma mentre l’Ucraina sarà ovviamente la più colpita, l’incombente crisi alimentare in Nord Africa e la possibile crisi del debito causata dall’impennata dell’inflazione potrebbero danneggiare a lungo termine i Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo, affermano gli esperti della Bers, ripresi da BneIntellinews.

«Tutti i guadagni del periodo post-Covid saranno spazzati via», ha dichiarato Beata Javorcik, capo economista della Bers, durante una tavola rotonda sulle prospettive economiche della regione a Marrakech. «Molti Paesi della regione avevano già esaurito le riserve finanziarie e ora l’alta inflazione sta facendo salire il costo dei prestiti, aggravando i loro problemi… Molti Paesi che non hanno parlato con il Fondo Monetario Internazionale per anni stanno ora aprendo i colloqui per trovare un modo per finanziarsi».

Per l’Ucraina la Bers prevede una contrazione del PIL del 30% quest’anno; oltre alla distruzione in Ucraina, un altro fattore che deprimerà la ripresa dell’Ucraina è che circa 13 milioni di persone sono state sfollate, internamente o hanno lasciato completamente il Paese, su una popolazione di circa 35 milioni.

Anche la Russia sarà duramente colpita, con una contrazione del PIL del 10%; un documento del ministero delle Finanze russo, pubblicato la scorsa settimana dalla stampa, stimava la contrazione interna per quest’anno più vicina al 12%.

Si sta già pensando alla ricostruzione: mentre la Kyiv Economic School ha stimato un danno economico totale di circa 600 miliardi di dollari, Bers stima tra i 200 e i 500 miliardi di dollari, il Piano Marshal originale è costato 160 miliardi di dollari. La Russia dovrebbe contribuire ai costi e si ipotizza una sorta di risarcimento, magari confiscando i beni russi come i circa 300 miliardi di dollari di beni della Banca Centrale di Russia sequestrati all’inizio della guerra, che sono solo congelati e tecnicamente appartengono ancora alla Russia.

Secondo le stime l’economia russa potrebbe nono riprendersi dopo la fine della guerra. Le sanzioni estreme imposte alla Russia ne impoveriranno lentamente la capacità di combattere, eliminando le entrate derivanti dall’esportazione di idrocarburi, ma anche limitando l’accesso della Russia alla tecnologia. Secondo gli esperti Bers, non può sostituire la tecnologia occidentale con quella indiana o cinese.

Gli effetti della guerra si faranno sentire anche in tutti i Paesi del Mediterraneo meridionale e orientale che sono grandi importatori di cereali, in gran parte provenienti da Russia e Ucraina. Sebbene la scomparsa del raccolto ucraino rappresenti solo pochi punti percentuali della produzione cerealicola globale, per cui dovrebbe essere possibile rifornire la regione di cibo, l’impatto dell’inflazione dei prezzi alimentari sarà di per sé estremamente distruttivo.

Alcuni governi del Nord Africa hanno già rilanciato i sussidi per il pane durante il Ramadan appena terminato, per tenere a freno il malcontento. Tuttavia, si tratta di soluzioni provvisorie e si prevede che i problemi rimarranno per il resto dell’anno.

Gli economisti iniziano a chiedersi se il mondo non stia per affrontare un periodo di stagflazione, in cui i prezzi continuano a crescere mentre la produzione diminuisce. Ciò mette le banche centrali nella posizione paradossale di aumentare i tassi di interesse che non fanno altro che deprimere ulteriormente la crescita.

Lucia Giannini