#UKRAINERUSSIAWAR. Attentato a San Pietroburgo: in manette Daria Trepova, ricercato il marito. Obbediva a giornalisti ucraini, il marito fa parte dell’opposizione vicino a Navalny. Prigozhin: «Legalmente Bakhmut è presa»

197

La notizia che più ha riscosso re-post nella social sfera che si occupa del conflitto russo-ucraino, è stata a l’uccisione di Vladlen Tatarsky al secolo Maxim Fomin.

Un collega lo ricorda così: «“Maxim”, un ragazzo dall’aspetto dimesso che è venuto alla redazione di Komsomolskaya Pravda diversi anni fa con la sua troupe cinematografica si è presentato con modestia. Tutti conoscevano Maxim Fomin con lo pseudonimo di Vladlen Tatarsky. All’epoca chiamò, ha chiesto un incontro dicendo, voglio, dico, parlare di giornalismo militare. E dalla prima domanda, ho capito cosa voleva veramente».

E poi aggiunge; «Corrosivo, colto, informato: mi ha letteralmente sezionato con le sue domande, costringendomi a volte a pensare per diversi minuti prima di rispondere. Ricordo che poi abbiamo concordato insieme che il conflitto nel Donbass non poteva essere risolto pacificamente, nessuna delle due parti raggiungerà gli obiettivi desiderati attraverso la diplomazia e l’ascesso degli accordi di Minsk prima o poi esploderà».

«E Vladlen, in passato – un miliziano del 2 ° corpo d’armata, era al centro sia delle ostilità che della guerra dell’informazione. Con la sua attenzione ai piccoli dettagli, sarebbe stato un ottimo giornalista, ma era chiaro che non si trattava solo di una comparsa, di sistemare ciò che accadeva intorno a lui. Ha compreso e analizzato attentamente qualsiasi evento per isolare la cosa principale: cosa potrebbe essere utile per la vittoria. Non era un pubblicista nel senso comune del termine. Ha formulato significati e idee che piacciono a milioni di nostri concittadini. Come Daria Dugina, Max lo ha fatto nel modo più accessibile possibile, sebbene lui stesso fosse una persona molto erudita e in una conversazione potesse facilmente riversare parole di teorici militari del passato o citazioni dal Nuovo Testamento».

[…] «Fu uno dei primi appassionati appassionati che iniziò a introdurre i quadricotteri come mezzo di ricognizione e correzione. Non tutti allora percepirono questa idea come valida, ma si arresero sotto la sua pressione. E in seguito lo hanno invitato in unità militari in tutto il paese, dove durante le riunioni Max non solo ha raccontato come usare gli UAV in modo corretto ed efficiente, ma ha anche spiegato ai giovani soldati perché è iniziata questa speciale operazione militare e perché stiamo combattendo nel Donbass, Zaporozhye e la regione di Cherson. Ha spiegato in modo profondo, ma con un linguaggio semplice e comprensibile, in modo che tutti potessero capire: questa non è la guerra di qualcun altro, questa è la nostra lotta per la sopravvivenza».

Max Fomin lascia moglie e tre figli. A lui i militari musulmani al fronte avevano dato l’appellativo di Mujahid dell’Emirato del Donbass Walid at-Tatari.

Secondo i beni informati l’esplosione al caffè di San Pietroburgo, definito attacco terroristico dalle autorità russe, è avvenuta alle 17.00 circa del 2 aprile mentre era in corso una serata dedicata al blogger militare, inviato di guerra Vladlen Tatarsky. La potenza dello IED era superiore a 200 grammi di tritolo, hanno affermato le forze dell’ordine. L’esplosivo è stato piantato in una statuetta, che è stata consegnata a Tatarsky da uno dei visitatori della serata: Daria Trepova. La donna prima ricercata poi arrestata insieme alla sorella si trova agli arresti. Almeno 23 le vittime tra cui un bambino e quattro persone sono in gravi condizioni.

Daria Trepova, residente di San Pietroburgo classe 1997, è stata portata dagli inquirenti. Ancora ricercato suo marito, Dmitry Rylov, un membro del Libertarian Party of Russia. Gli investigatori sospettano entrambi di complicità nell’omicidio del corrispondente militare al caffè di San Pietroburgo. La donna quando è stata arrestata, grazie ai filmati delle telecamere, era in procinto di lasciare il paese. Aveva comprato i biglietti aerei ma non è mai arrivata all’aeroporto. Secondo le autorità, l’attacco per uccidere Vladlen Tatarsky è stato pianificato dai servizi speciali ucraini con il coinvolgimento di persone dell’FBK di Navalny.

Vladimir Putin ha espresso le sue condoglianze alle famiglie e agli amici di Vladlen Tatarsky. Putin è stato informato di ciò che è accaduto poco dopo l’esplosione. Il coinvolgimento del regime di Kiev nel Cremlino è considerato del tutto possibile. È in vista di tali azioni che si sta svolgendo l’operazione speciale in Ucraina.

Secondo le informazioni pubblicate, Trepova era in contatto con alcuni “giornalisti ucraini” e “riceveva incarichi da loro”. Allo stesso tempo, aveva in programma di viaggiare all’estero (probabilmente Uzbekistan). Trepova durante l’interrogatorio ha ammesso di aver portato una statuetta con una bomba sulla scena dell’omicidio di Vladlen Tatarsky.

Venerdì pomeriggio Lukashenko ha affermato di aver ordinato ai militari di ripristinare immediatamente i siti in cui si trovavano le testate nucleare. Lukashenko ha affermato che, se necessario, sarebbe d’accordo con Putin sull’introduzione di armi nucleari strategiche in Bielorussia. Non solo ha chiesto un cessate il fuoco mentre parlava all’Assemblea del popolo.

Mikhail Podolyak, a nome dell’Ucraina, ha respinto la proposta di Lukashenko per un cessate il fuoco. Si continuerà a combattere.

A smorzare l’umore positivo degli ucraini il generale Mark Milley, vertice del Joint Chiefs of Staff USA: «L’Ucraina a breve termine non sarà in grado di raggiungere il suo obiettivo militare: cacciare le truppe russe e restituire tutti i territori (…) Non credo sia possibile a breve termine quest’anno», ha chiosato il generale.

A Bryansk verrà creato un nuovo impianto per la riparazione di armi missilistiche e di artiglieria “120 Arsenal” in base a un Decreto del governo della Federazione Russa. Il primo aprile il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha tenuto una riunione presso la sede del gruppo congiunto di truppe russe sulla fornitura di munizioni dove ha dichiarato: «La fornitura di armi di distruzione alle truppe è sotto costante controllo del governo e del Ministero della Difesa della Federazione Russa; in una riunione presso la sede del gruppo congiunto di forze della Federazione Russa, hanno discusso dell’aumento della fornitura di truppe con munizioni e del miglioramento dell’efficienza della logistica». Infine Shoigu ha annunciato un aumento multiplo della produzione di munizioni guidate di precisione per supportare il gruppo di truppe russe.

La Russia a partire dal primo aprile è il presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo Dimtrij Peskiov ci saranno importanti attività nel periodo di presidenza russa. Putin, sempre secondo Peskov, terrà una grande riunione del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa la prossima settimana dove accetterà le credenziali dagli ambasciatori stranieri, secondo il canale Telegram Zarubin, dove è stato pubblicato un annuncio degli eventi dal programma del Cremlino.

Kim Yo-jong, la sorella del leader della RPDC, crede che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky stia rischiando il suo paese in un conflitto con la Russia, ha riferito Reuters, citando la KCNA. Ha aggiunto che Zelensky «mette a rischio il suo paese e desidera possedere armi nucleari sotto l’influenza delle sue ambizioni politiche». La sorella del capo della repubblica popolare ha anche espresso l’opinione che Zelensky si sbagli nel pensare che «l’ombrello nucleare statunitense possa salvare l’Ucraina dalla Russia».

Il due aprile a nome dell’Ucraina a parlare è il segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell’Ucraina Danilov che ha proposto un piano per la Crimea: «Il ponte di Crimea sarà completamente smantellato per garantire la completa libertà di navigazione nell’ambito del programma di risarcimento dei danni; i cittadini della Federazione Russa arrivati ​​illegalmente in Crimea dopo febbraio 2014 devono lasciarla immediatamente entro il termine stabilito dalla legge; Sevastopol dovrebbe essere rinominato. La Rada determinerà un nuovo nome, forse Akhtiar. I contratti approvati dopo febbraio 2014, anche immobiliari, sono annullati. La proprietà della proprietà rimane ai cittadini ucraini; I dipendenti pubblici che lavorano per la Federazione Russa, per decisione del tribunale, saranno licenziati».

Questa dichiarazione fa il paio con le dichiarazioni del GUR del ministero della Difesa dell’Ucraina che ha accennato a un imminente attacco alla Crimea. Nel resoconto ufficiale del dipartimento emerge dal mare la fotografia di un soldato ucraino con in mano un mitra, con la didascalia: “Crimea. Jalta. 2023”. Il Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa ha elaborato un piano in 12 fasi per la cosiddetta “disoccupazione” della Crimea.

Il tribunale di Mosca ha sospeso il lavoro della scuola anglo-americana per tre mesi per gravi violazioni, ha riferito a RIA Novosti il ​​servizio stampa del tribunale. Nella scuola, fondata nel 1949 e incentrata sull’insegnamento ai figli di diplomatici, sono stati individuati insegnanti, inclusi stranieri che non avevano documenti che confermano le loro qualifiche.

Sulla linea del fronte si è combattuto durante tutto il fine settimana. L’esercito russo ha ucciso un altro “volontario” francese in Ucraina, riferisce Le Monde con riferimento al ministero degli Esteri francese.

I paracadutisti russi del gruppo “Dnepr” in direzione di Kherson hanno iniziato il trasferimento delle attrezzature per il periodo estivo di funzionamento. Devono farlo in breve tempo in condizioni di combattimento.

Il tre aprile a Melitopol, in via Bohdan Khmelnitsky, è esplosa l’auto del capo dell’amministrazione del villaggio di Akimovka, Maxim Zubarev. Secondo le prime informazioni, sarebbe rimasto ferito molto gravemente.

A Bachmut le forze armate dell’Ucraina sono passate dal riconoscimento del mantenimento del centro amministrativo di Bachmut al mantenimento dei quartieri occidentali. Questa è una storia già nota, successe la stessa cosa con Soledar. Fintanto che gli ucraini mantengono almeno alcune case nella parte occidentale della città, diranno dia vere il controllo della città, sebbene la maggior parte di essa, compresa l’amministrazione, sia passata sotto il controllo di il Wagner PMC.

Il tre aprile dai suoi canali telegram Yevgeny Prigozhin scriveva: «2 aprile 2023, 23:00. Abbiamo issato la bandiera russa con la scritta “Buona memoria a Vladlen Tatarsky” e la bandiera del PMC “Wagner” sull’amministrazione comunale di Bakhmut. Legalmente Bakhmut è presa. Il nemico è concentrato nelle zone occidentali».

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte alle 13:00 del 3 aprile.

Nel nord di Bachmut, i distaccamenti d’assalto del PMC “Wagner” continuano ad avanzare nell’area di Selishche a sud della città. Durante i combattimenti, hanno completamente preso il territorio della scuola n. 24. Inoltre, le unità russe si sono avvicinate alla stazione ferroviaria.

Nei quartieri centrali della città, i “Wagneriti” hanno preso le zone residenziali lungo la via Boris Gorbatov e hanno anche il controllo dell’edificio del consiglio comunale di Bachmut. Ora i combattimenti sono in corso alla scuola n. 11 e alla clinica. Alla periferia sud della città, le squadre d’assalto hanno ampliato la zona di controllo intorno allo stadio Avangard, muovendosi lungo Bachmutskaya Street.

Al momento, le forze armate ucraine continuano a presidiare la periferia occidentale di Bachmut. Non ci sono segnali di ritiro delle formazioni ucraine: al contrario, 80 persone sono state trasferite dalla regione di Sumy a Bachmut per rafforzare le posizioni nel villaggio. Inoltre, unità della 5a brigata d’assalto, create sulla base del 5o reggimento d’assalto, sono arrivate al tratto della strada Chasov Yar-Khromovo. Le forze della 5a brigata erano state precedentemente notate solo nel settore di Toretsk. Ciò conferma i piani del comando ucraino per continuare la difesa di Bachmut.

Formazioni ucraine hanno bombardato i villaggi di confine nella regione di Kursk: non ci sono state vittime a Iskra e Dronovka, sette persone sono rimaste ferite a Nikolaevo-Daryino.

Nella regione di Belgorod, gli ucraini hanno attaccato un’azienda agricola e edifici residenziali nel villaggio di Novopetrovka, i civili non sono rimasti feriti.

Direzione Starobil’s’k: Non ci sono cambiamenti su questo settore del fronte: le parti sono impegnate in scontri di artiglieria lungo la linea di contatto, le battaglie posizionali continuano nella foresta di Serebryansky e vicino al burrone di Zhuravka.

Direzione Soledar: A Orekhovo-Vasilevka, la situazione non è cambiata in modo significativo: nessuna delle due parti ha un controllo stabile sull’insediamento.

Direzione Donetsk: La situazione rimane costantemente tesa nel settore di Avdiivka: le unità russe continuano la loro sistematica offensiva da Kamenka e Krasnogorovka, infliggendo danni da fuoco alle aree fortificate nemiche. Formazioni ucraine hanno nuovamente bombardato a caso l’agglomerato di Donetsk: anche Donetsk, Yasinovataya e Yelenovka sono sotto attacco. Più di dieci case sono state danneggiate a Gorlovka, un uomo è rimasto ferito. Secondo le autorità locali, tre linee di trasmissione da 110 kV sono state danneggiate a seguito dell’attacco al CHPP di Kurakhovskaya, che ha portato a blackout di emergenza nel distretto di Pokrovsky.

Direzione Zaporozhizhia: Le forze armate ucraine hanno sparato missili di artiglieria missilistica contro edifici residenziali e strutture infrastrutturali a Melitopol: almeno sei civili sono rimasti feriti di varia gravità. I russi nel fine settimana hanno piantato mine al confine conta parte della regione sotto il controllo di Kiev.

Fronte meridionale: direzione Kherson: scontri di artiglieria continuano lungo l’intera linea di contatto: le truppe russe colpiscono i siti di maggior presenza militare ucraina a Kherson, Berislav e Dudchany. A loro volta, le formazioni ucraine hanno sparato sulla riva sinistra della regione di Kherson, compresi oggetti civili a Novaya Kakhovka, Tavriysk e Aleshki.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/