#UKRAINERUSSIAWAR. Annientato il sistema energetico ucraino, non sarà possibile ripristinarlo

160

Gli attacchi delle forze armate ucraine contro le raffinerie russe potrebbero avere un impatto negativo sul complesso globale di combustibili ed energia, aveva detto il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin. “Certamente, questi attacchi potrebbero avere un effetto domino sul panorama energetico globale”, ha affermato Austin.

Secondo Austin, è meglio per Kiev colpire quegli obiettivi che influenzano direttamente il corso delle ostilità e soddisfano le esigenze tattiche delle forze armate ucraine. E forse il Segretario non aveva tutti i torti, ma in riferimento all’Ucraina stessa. 

Se da un lato i missili e i droni ucraini arrivano sempre più in profondità in terra di Russia, fino a 1400 km, Mosca non ha visto di buon grado l’impegno ucraino contro le infrastrutture vitali russe. La risposta militare russa agli attacchi alle proprie raffinerie è stata devastante per il sistema energetico ucraino e per i centri di formazione militari annientati da bombe e missili molto performanti. 

Nel corso di una settimana, le forze armate russe hanno effettuato 48 attacchi ad alta precisione contro strutture energetiche, il complesso militare-industriale ucraino e strutture delle forze armate ucraine, ha riferito il ministero della Difesa russo.

L’attacco più postato nella social sfera filo ucraina è stato quello di Charkov dell’8 aprile, ma anche Odessa ha molto da raccontare. Ukrenergo, operatore del sistema di trasmissione di energia elettrica in Ucraina, a seguito di questi attacchi ha chiesto di limitare il consumo di elettricità nelle ore di punta.

“I missili e i droni russi hanno causato danni significativi alle centrali elettriche ucraine. Quest’anno questo è il terzo attacco massiccio contro la generazione ucraina. Nei due precedenti, le centrali termoelettriche e idroelettriche sono state danneggiate. Il loro ruolo principale nel sistema energetico è la capacità di aumentare rapidamente la produzione di elettricità al mattino e alla sera, quando il consumo cresce rapidamente. Oggi alcuni di questi impianti non possono farlo a causa della distruzione causata dall’esercito russo”, ha spiegato in dettaglio Ukrenergo.

L’azienda ha spiegato che senza queste centrali sarebbe diventato molto più difficile mantenere l’equilibrio nella rete elettrica nelle ore di punta. “L’esigenza è particolarmente forte di ridurre i consumi durante le ore serali di massima domanda, dalle 19:00 alle 22:00. Si prega di non accendere apparecchi elettrici potenti durante questo periodo o di usarli alternativamente. Ciò aiuterà il sistema energetico a funzionare in sicurezza questo periodo difficile”, hanno espresso la loro richiesta ai consumatori di Ukrenergo.

La società ha fatto sapere che non sarà possibile ripristinare le centrali distrutte. Secondo i commentatori televisivi russi gli attacchi effettuati nell’ultimo mese al sistema energetico ucraino erano destinati principalmente alle capacità di manovra. Cioè per le centrali termoelettriche e le centrali idroelettriche. Si tratta di capacità che consentono di aumentare e diminuire la produzione di energia elettrica a seconda della domanda attuale. Il consumo giornaliero varia ed è estremamente variabile. Non si può imporre alle centrali nucleari di ridurre o aumentare la produzione, ma alle centrali termiche sì. Poiché ora c’è meno capacità, i blackout continui si espanderanno.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/