#UKRAINERUSSIAWAR. 70% dell’area portuale di Mariupol sotto il controllo russo

333

Continua l’offensiva su Mariupol con una lenta presa del controllo del territorio da parte delle milizie ucraine – russe che combattono contro le milizie Azov e militari ucraini a Mariupol. 

Dalla mappa riprodotta nell’articolo si riscontra un controllo territoriale nei quartieri Centrale e Kalmius della città. Mentre i siti di Azovmash sono un calderone dove ancora si combatte. Gli scontri locali non raggiungono l’intensità delle battaglie per Azovstal. La montagna di scorie (“Azovmash B”) è stata abbandonata dagli ucraini, nell’area del secondo ponte dietro la discarica, le unità russe avanzavano da nord, ovest ed est unite. 

Il calderone di Primorsky nella parte della sponda destra della città continua a essere sotto pressione russa. Le battaglie per il 7° microdistretto sono terminate. Il porto è in fase di sgombero, il 70% dell’area marittima secondo fonti stampa embedded con l’esercito russo e con le milizie del Donbass è stato liberato dai nazionalisti. La difesa dell’Ucraina resta su edifici amministrativi a ovest della “caldaia” e grattacieli lungo Lunin Street.

I combattimenti, inoltre, continuano nella parte della sponda sinistra della città. L’elicottero del reggimento nazionale Azov ha preso prima il ponte e poi lo ha fatto saltare dalla riva destra all’Azovstal. La comunicazione tra le  aree dette in gergo “caldaie” è raggiungibile solo a nuoto.

Un altro versante caldo è quello di Charkiv dove i combattimenti per strada inizieranno a breve: gli abitanti hanno sentito di nuovo i suoni dell’aviazione russa che operava nella periferia nord-orientale. Veicoli da combattimento sono stati avvistati nel distretto di Kievskiy, secondo la descrizione di testimoni locali sembra un lanciatore SAM S-300. 

I veicoli militari sono stati avvistati all’ Istituto di aviazione di Kharkiv, giardino pubblico, all’istituto di aviazione di Kharkov, stadio. Centro commerciale “Posad”. E infine  all’aeroporto Kharkiv-Severny. 

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here

Redazione