I droni di Amazon e Facebook

54

REGNO UNITO – Londra 30/03/2015. La Difesa del Regno Unito ha appaltato alla francese Thales lo sviluppo di un drone teso a disinnescare mine subacquee con un contratto di 17 milioni di sterline.

Il progetto, della durata di 18 mesi, vedrà la partecipazione di un consorzio tra cui Bae Systems e Thales per creare imbarcazioni autonome sottomarine gestite in remoto dalle navi della Royal Navy. Il Regno Unito sta sviluppando altri progetti nel settore della difesa con la Francia come una imbarcazione senza equipaggio con sonar e un sottomarino, riporta il sito d’informazione Techworld. «Sia il Regno Unito che la Francia riconoscono il potenziale dei veicoli senza pilota per contrastare la minaccia delle mine» ha fatto sapere il ministero della Difesa. In caso di successo, i droni marini saranno immessi sul mercato pronti per l’esportazione, come parte del settore “Sistemi intelligenti marittimi” del Regno Unito. Altri sistemi autonomi, come lo sviluppo di auto senza conducente, robot chirurghi e sistemi automatizzati per l’agricoltura nel Regno Unito dovrebbero trasformare l’economia, se la Gran Bretagna riuscirà a spazzare la concorrenza di Stati Uniti, Corea del Sud, Cina, Giappone, Francia e Germania. Ma la stima 327milioni di sterline nel bilancio della Difesa potrebbero, avverte Techworld a battere la concorrenza internazionale. Il ministro della Difesa britannico, Philip Dunne, ha dichiarato: «Lo sviluppo di sistemi marittimi senza equipaggio è una nuova ed eccitante sfida sia per il Regno Unito che per la Francia. Lavorando insieme e disegnando una visione comune per i sistemi subacquei senza equipaggio, saremo in grado di trovarne i benefici militari, tecnologici e finanziari nonché sviluppare quelle di competenze che lo sviluppo di questa capacità potrebbe portare». Facebook e Amazon hanno annunciato poi ulteriori sviluppi dei loro programmi di droni in precedenza: Facebook ha inviato un Uav di nome Eagle nei cieli inglesi per verificare se la connessione Internet potesse essere potenziata a vantaggio degli utenti; Eagle fa parte di un progetto più ampio per fornire internet alle aree remote. Inoltre, Amazon ha avuto il via libera delle autorità aeronautiche degli Stati Uniti, per provare Air Prime, servizio che vedrà l’utilizzo di droni per consegnare merce ad un cliente nel giro di mezz’ora.