UE. Oggi vertice sulla crisi in Bielorussia

104

Il presidente Alexander Lukashenko sostiene che se le elezioni venissero rielette, ciò destabilizzerebbe la Bielorussia. Nonostante questo, il leader della Bielorussia, ha dichiarato lunedì (17 agosto) che sarà pronto a tenere nuove elezioni e a cedere il potere dopo un referendum costituzionale, un tentativo di pacificare le proteste di massa e gli scioperi che rappresentano la più grande sfida al suo governo, scrivono Andrei Makhovsky a Minsk, Vladimir Soldatkin, Maxim Rodionov e Tom Balmforth a Mosca e Kate Holton a Londra.

I sostenitori dell’opposizione portano una grande bandiera storica bianco-rosso-bianco della Bielorussia durante una protesta contro i risultati delle elezioni presidenziali a Grodno, Bielorussia, il 16 agosto 2020.

Le proteste contro i risultati delle elezioni presidenziali bielorusse hanno visto la loro decima giornata martedì.

Secondo alcuni media migliaia di manifestanti, senza l’intervento delle forze di sicurezza, hanno gridato slogan contro il presidente Alexander Lukashenko, portando le bandiere rosse e bianche usate dalla Bielorussia prima del 1995, tra cui alcune sventolate su ponti ed edifici.

In un comizio davanti a un edificio del governo, Lukashenko ha detto di essere stato eletto presidente per la prima volta negli anni ’90, quando la Bielorussia si trovava in una situazione economica difficile.

Lukashenko in una intervista ha detto: ”Lei mi ha chiesto, una persona molto giovane e inesperta, di allontanare la nazione dall’abisso”, ha detto. “L’abbiamo fatto”. Abbiamo fatto avverare i sogni di milioni di persone. Abbiamo creato uno Stato indipendente e sovrano per la prima volta nella nostra storia”.

Ha affermato che i vicini regionali Lituania, Lettonia, Polonia e Ucraina stanno spingendo per rifare le elezioni in Bielorussia, aggiungendo che se le elezioni si tenessero di nuovo come vogliono, questo destabilizzerebbe il Paese.

Dicendo che la NATO sta rafforzando la sua presenza militare sui confini occidentali della Bielorussia, ha sottolineato l’indipendenza e la sovranità del Paese.

Chiamando l’opposizione e gli altri candidati a considerare le opinioni del popolo, ha sostenuto che non è possibile manipolare le elezioni.

Con decine di migliaia di persone presenti alle manifestazioni della scorsa settimana, l’Ue ha ripetutamente esortato le autorità bielorusse a fermare la violenza contro i manifestanti pacifici.

Almeno due cittadini bielorussi sono stati uccisi durante le proteste. Secondo l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet, 6.000 persone sarebbero state arrestate.

Nei risultati ufficiali delle elezioni pubblicati venerdì, Lukashenko ha vinto con l’80,1% dei voti, mentre la leader dell’opposizione Svetlana Tikhanovskaya è arrivata seconda con solo il 10,12%.

Oramai le notizie da e per la Bielorussia passano solo sulla rete Telegram l’unica che sia riuscita a sopravvivere alla censura del governo. Anche se poi è difficile verificare i fatti.

Nel frattempo, via media tradizionali, Lukashenko ha fatto sapere nella giornata di lunedì che sono già in corso lavori su possibili modifiche alla costituzione che potrebbero ridistribuire il potere.

Sempre lunedì i giornalisti dell’AFP hanno visto i manifestanti sventolare la bandiera rossa e bianca dell’opposizione al canale televisivo e allo stabilimento di trattori gommati di Minsk (MZKT), dove il presidente Alexander Lukashenko era in visita. I lavoratori della Minsk Tractor Works (MTZ) hanno anche riferito che diverse migliaia di dipendenti avevano abbandonato il lavoro.

Maria Kolesnikova dell’opposizione si è unita alla folla e ha esortato i manifestanti a dirigersi accanto agli uffici della televisione di stato.

Oramai gli arresti non hanno più presa domenica si contavano circa 200.000mila persone

Svetlana Tikhanovskaya in un nuovo video dall’esilio in Lituania ha detto che non voleva essere un politico ma ha dichiarato: «Mi sento pronta ad assumermi la responsabilità e ad agire come leader nazionale durante questo periodo».

Oggi i leader dell’UE terranno un vertice video di emergenza per discutere della crisi in Bielorussia, dove aumentano le proteste contro la contestata rielezione del presidente Alexander Lukashenko.

Antonio Albanese