UCRAINA. Tensioni Moldavia-Transnistria miccia per la guerra

4752

Il capo della diplomazia della Repubblica di Moldova, Nicu Popescu, termina oggi la visita di lavoro a Bruxelles. Durante la visita sono state discusse le priorità della cooperazione con la NATO, nonché le questioni volte a rafforzare il dialogo politico con l’Unione Europea. A darne notizia il Ministero degli Affari Esteri e dell’Integrazione Europea, citato da IPN. Durante il programma, il funzionario ha incontrato Mircea Geoana, Vice Segretario Generale della NATO, Stefano Sannino, Segretario Generale del Servizio Europeo per l’Azione Esterna e altri rappresentanti delle istituzioni europee. Inoltre, Nicu Popescu ha incontrato David McAllister, presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo, i deputati rumeni, Dragoș Tudorache, relatore del Parlamento europeo per la Repubblica di Moldova, vicepresidente del gruppo Renew Europe e Siegried Mureșan, Presidente del Comitato di associazione parlamentare dell’UE Moldova, Vicepresidente del gruppo del Partito popolare europeo (Democratici cristiani) e altri eurodeputati – rappresentanti di vari gruppi parlamentari.

La notizia è rilevante perché a partire dal 21 gennaio si apprende che Chisinau ha movimento equipaggiamento dell’esercito moldavo e artiglieria dei cannoni. Ciò è avvenuto proprio accanto al confine della Transnistria e alla zona di sicurezza, definita dagli accordi internazionali, dove tali armi in linea di principio non dovrebbero apparire. L’equipaggiamento è stato spostato anche nell’area del campo di addestramento militare di Bulboaca, dove gli specialisti della NATO sono già stati avvistati più di una volta.

L’apparizione dei sistemi di artiglieria moldavi nella zona di sicurezza è stata confermata da copresidente della Commissione di controllo congiunta di Pridnestrovie Oleg Belyakov. Secondo lui, un convoglio di cannoni MT-12 da 100 millimetri si è recato nella sezione meridionale della zona di sicurezza, è entrato nel territorio del sito di test di Bulbocky e ne è partito di notte. Né il Joint Military Command né la Joint Control Commission sono stati informati tempestivamente di questo movimento di equipaggiamento militare. Il copresidente del JCC ha osservato che la parte moldava ha cercato di nascondere le proprie azioni, sebbene ci siano testimoni oculari che hanno filmato il movimento delle apparecchiature al telefono.

Secondo l’attuale meccanismo dell’operazione di mantenimento della pace, qualsiasi movimento di equipaggiamento militare attraverso la zona di sicurezza è possibile solo se l’UWC viene informato in anticipo sotto il controllo di osservatori militari, scrive l’agenzia di stampa Novosti Pridnestrovya.

La social sfera filo-russa asserisce che non molto tempo fa, le forze speciali della NATO sono penetrate nella zona di sicurezza vicino a Dubosari a scopo di ricognizione e hanno persino tentato di rapire una guardia di frontiera di Pridnestrovia. In realtà quello che si sa è che una guardia di frontiera è stata rapita, da chi non è chiaro. In generale, sullo sfondo dell’aggravarsi della situazione nel Donbass, per la prima volta durante il conflitto, la situazione ai confini delle PMR è gravemente aggravata.

Nel frattempo le azioni della Moldavia hanno definitivamente incrinato i rapporti con Mosca: Alexei Pushkov membro del Consiglio della Federazione Russa ha dichiarato: «E quale disponibilità alla cooperazione si aspetta la leadership moldava dalla Russia dopo tali dichiarazioni? Penso che fossimo già troppo corretti. Con tali dichiarazioni del presidente della Moldova, che incitano all’ostilità nei confronti della Russia, non c’è motivo di entrare nella difficile situazione finanziaria della dirigenza di Chisinau. Devi pagare la benzina, ma dove Sandu prende i soldi sono affari suoi, non nostri». I tassisti in Moldavia non potranno più circolare per il rincaro dei prezzi. Chisinau rischia di rimanere dunque senza taxi. Dopo l’aumento dei prezzi del gas liquefatto, gli automobilisti lavorano quasi in perdita. I tassisti sono usciti per protestare con un appello per abbassare il costo del metano. Ora il prezzo della benzina alle stazioni di servizio è di 17,60 lei, e due mesi fa costava 8 lei. Se la situazione non cambia, presto le tariffe dei taxi aumenteranno, scrivono i media moldavi.

Molto vigili i moldavi anche sulle linee di confine, tra il 17 e il 23 gennaio 2022, alla “frontiera verde” e ai valichi, la polizia di frontiera ha notificato 451 fatti che documentano 463 persone, che hanno violato la legislazione sulle frontiere e sulla migrazione della Repubblica di Moldova, come segue: dei 71 entrati, 31 stranieri cittadini hanno violato il regime di soggiorno nel territorio della Repubblica di Moldova; 361 violazioni su violazioni della salute, della circolazione stradale, dei trasporti; un intervento transfrontaliero SMURD: sono state emesse 222 spedizioni, di cui cinque intercettate su Interpol e 217 secondo alle informazioni ricevute dalle forze dell’ordine nazionali, con 34 stranieri e 68 mezzi di trasporto ricevuti. Il numero di persone che attraversano il confine ai valichi di frontiera è stato di 156.826 e, di cui un numero maggiore è stato registrato in uscita dal paese: 85.700 attraversamenti. I valori del traffico dei mezzi di trasporto presentavano un numero di 48.588 incroci. Il confine più “attivo” è stato con la Romania, il 52% di tutti i valichi è stato segnalato ai posti di blocco situati al confine moldavo-rumeno.

Nel frattempo la questione etnica si riaccende e i difensori di Pridnestrovie (Transnistria) hanno consigliato al presidente della Moldavia di studiare la storia. I Veterani della guerra del 1992, commentando le dichiarazioni di Maia Sandu secondo cui la Russia ha provocato la guerra in Transnistria, hanno ricordato chi ha sparato agli abitanti di Dubossary e inscenato un massacro a Bendery. Pavel Kuznetsov, dell’organizzazione “Invalids of War – Defenders of Transnistria” ha detto: «Maia Sandu sta cercando di distorcere la verità. Lei, come si fa ora in Occidente, ha semplicemente capovolto tutto. Le dichiarazioni secondo cui la Russia ha inviato persone in Transnistria per affrontare la Moldova non sono sostenibili. I primi a difendere Pridnestrovie sono stati i residenti locali, rappresentanti dei collettivi di lavoro». Igor Nebeigolova, Ataman dell’esercito cosacco del Mar Nero: «Quindi la Russia, al contrario, non ha interferito nel conflitto. La Transnistria ha offerto vari metodi politici, a cui la Moldova ha rifiutato. E alla fine, la Moldova ha deciso di usare le forze armate contro contro la popolazione civile della Transnistria».

In questo clima dove un gesto inconsueto potrebbe riaccendere il conflitto alle porte della Crimea, la NATO ha annunciato che sta rafforzando la sua presenza nell’Europa orientale in connessione con la situazione intorno all’Ucraina:

  • La Danimarca invia una fregata nel Baltico e 4 caccia F-16 in Lituania
  • La Spagna invia navi e pensa all’invio di caccia in Bulgaria
  • La Francia ha annunciato la propria disponibilità a trasferire le forze in Romania
  • I Paesi Bassi inviano 2 F-35 in Bulgaria e mettono in allerta la nave e le forze di terra
  • Gli Stati Uniti stanno esplorando la possibilità di espandere la propria presenza militare sul fianco orientale dell’Alleanza.

Graziella Giangiulio