UCRAINA. Piani FMI e WB per la ripresa di Kiev

115

Il Fondo monetario internazionale ha detto che continuerà i colloqui con l’Ucraina su un nuovo programma di sostegno nelle prossime settimane dopo i significativi progressi nelle discussioni con Kiev. La missione del FMI è stata in Ucraina per una settimana come parte dei colloqui tra Kiev e il Fondo per sostituire un accordo stand-by da 3,9 miliardi di dollari che scade a gennaio. 

«Il team del personale del Fmi ha avuto discussioni costruttive e produttive con le autorità ucraine e le ha elogiato per i notevoli progressi compiuti negli ultimi mesi nel portare avanti le riforme e proseguire con politiche economiche sane», si legge in una dichiarazione del Fondo ripresa da Reuters. L’Ucraina vuole assicurarsi un accordo Fmi del valore di circa 5-6 miliardi di dollari in tre anni per sostenere la sua economia e segnalare agli investitori che il nuovo governo del Presidente Volodymyr Zelenskiy è impegnato nelle riforme.

«Le discussioni continueranno nelle prossime settimane», ha detto il Fmi. La missione del Fondo Monetario Internazionale era arrivata a Kiev giovedì 14 novembre, per continuare la discussione di un nuovo programma con i funzionari ucraini, riporta Ukrinform.

La Banca Nazionale ha dichiarato che l’Ucraina dovrebbe concludere un nuovo programma di cooperazione a lungo termine con il Fondo Monetario Internazionale per un totale di 5-10 miliardi di dollari. Secondo le previsioni della Banca, la prima tranche di questo programma potrebbe essere ricevuta entro la fine del 2019. La Banca nazionale prevede un importo di circa 2 miliardi di dollari.

Un altra istituzione finanziaria internazionale si sta occupando poi dell’Ucraina e della sua complessa situazione interna. La Banca mondiale ha iniziato a lavorare per ripristinare l’economia del Donbas.

Satu Kahkonen, direttore nazionale della Banca mondiale per la Bielorussia, la Moldavia e l’Ucraina, ha detto: «La Banca Mondiale ha iniziato a sviluppare un modello per la ripresa economica del Donbas. Vogliamo capire meglio quali percorsi di sviluppo sono adatti alle diverse regioni di Donbas-Donetsk e Luhansk. Speriamo che i risultati del nostro lavoro diventeranno la base della strategia di sviluppo di Donbas, che sarà elaborata dal governo dell’Ucraina», ha detto Kahkonen in un’intervista comparsa su Dzerkalo Tyzhnia.

Secondo il Direttore, l’esperienza della Banca Mondiale in altri paesi con crisi postbelliche indica che, oltre alle infrastrutture, è necessario fornire servizi pubblici di qualità, migliorare il lavoro delle autorità locali e creare un ambiente sociale sano.

Anna Lotti