UCRAINA. Naftogaz rischia il default e Kiev la segue a ruota

174

Rischio fallimento per la società statale ucraina del gas. Naftogaz, la società statale ucraina del petrolio e del gas, potrebbe non pagare una cedola dell’Eurobond il 19 luglio, facendo temere un default anche su un’obbligazione sovrana da 2,2 miliardi di dollari a novembre. Il possibile default mette ulteriore pressione sulle nazioni occidentali affinché accelerino i piani per estendere il sostegno di bilancio di emergenza a Kiev, che sembra stia rapidamente esaurendo i fondi per coprire le spese.

I campanelli d’allarme hanno iniziato a suonare quando Naftogaz ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che sta «attualmente valutando la propria liquidità e i propri requisiti operativi», attribuendo la colpa all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia: «Alla luce delle circostanze prolungate che interessano l’Ucraina a causa dell’invasione militare su larga scala da parte della Federazione Russa e del suo impatto sulla sicurezza energetica dell’Ucraina, la società sta valutando la propria liquidità e i propri requisiti operativi in linea con il sostegno alle priorità strategiche dell’Ucraina, anche al fine di preservare la liquidità disponibile», ha dichiarato Naftogaz in un comunicato agli investitori, riporta BneIntellinews.

Gli operatori obbligazionari hanno pensato che il commento sulla “conservazione della liquidità” significasse che l’azienda stava considerando un’opzione in cui non avrebbe rispettato i suoi obblighi questo mese: Naftogaz ha un eurobond del 7,375% 2022 da 335 milioni di dollari in scadenza il 19 luglio, oltre a 12 milioni di dollari di interessi dovuti sullo stesso strumento.

Sebbene inizialmente la società avesse segnalato l’intenzione di pagare e disponesse della liquidità in valuta estera per coprire il pagamento, molti obbligazionisti ora ritengono che Naftogaz non rispetterà l’obbligazione. Ma la società non ha ancora detto direttamente che non pagherà.

Naftogaz è una delle più grandi e importanti società statali del Paese, che ha contribuito al bilancio statale ucraino per 1,55 miliardi di dollari da gennaio a maggio. Gli investitori temono che la logica di Naftogaz si estenda al debito sovrano: l’Ucraina ha 2,25 miliardi di dollari di obbligazioni sovrane che scadono a novembre.

L’Ucraina ha detto che le sue riserve internazionali sono scese al livello più basso in più di due anni. a giugno Il valore attuale delle valute estere e dell’oro del Paese è di 22,76 miliardi di dollari, con un calo del 9% il mese scorso. All’inizio di giugno, le riserve internazionali erano pari a 25,1 miliardi di dollari.

L’Ucraina quindi è a corto di denaro. Il governo sta bruciando 8 miliardi di dollari al mese per finanziare la guerra e gli mancano 5 miliardi di dollari al mese di entrate, nonostante gli aiuti internazionali. Con la contrazione delle esportazioni e l’aumento delle spese militari, il deficit di bilancio si sta gonfiando, costringendo la banca centrale ad acquistare 225 miliardi di UAH , cioè 7,6 miliardi di dollari, di titoli di Stato.

Le tensioni sull’economia ucraina cominciano a farsi sentire. Oltre al calo delle riserve internazionali e al possibile default del bond Naftogaz, la Banca nazionale ucraina ha anche imposto un massiccio aumento dei tassi del 15%, portandoli al 25% il 2 giugno, per evitare l’inflazione e stabilizzare il tasso di cambio.

Ma l’inflazione è inevitabile e il mese scorso la Banca Mondiale ha ricalcolato l’inflazione dell’Ucraina al 20% entro la fine del 2022 , una revisione rispetto alla precedente previsione del 15% di aprile.

Una delle opzioni a disposizione dell’Ucraina per evitare il default è l’utilizzo dei 300 milioni di dollari di contanti congelati appartenenti alla Banca Centrale Russa. Se l’Ucraina non rispettasse il suo debito, si apre la possibilità che i detentori di obbligazioni portino il caso in tribunale, che può legalmente sequestrare parte del denaro della CBR se si può dimostrare che la Russia è responsabile dell’inadempienza.

Il problema legale è che i diritti di proprietà proteggono la Russia, poiché tecnicamente il denaro russo è solo congelato e appartiene ancora alla Russia. I governi occidentali possono sequestrare questo denaro solo se dichiarano guerra alla Russia, cosa che la Nato ha chiarito esplicitamente di non voler fare.

Utilizzare le riserve congelate della Russia per finanziare la ricostruzione dell’Ucraina sarebbe un processo difficile e molto lungo. Senza ulteriori fondi di salvataggio, l’Ucraina corre il rischio di andare in default, cosa che il governo vuole evitare a tutti i costi, poiché ciò la escluderebbe dai mercati internazionali dei capitali in un momento in cui avrà bisogno di ingenti finanziamenti per pagare la ricostruzione.

Antonio Albanese