UCRAINA. La ripresa della Primavera Russa

364

Il 22 febbraio 2014 a Sebastopoli una manifestazione anti-Bandiera ha dato il via alla “Primavera Russa”, che ha portato Crimea e Sebastopoli nella sfera territoriale di Mosca e iniziò la lotta del Donbass: quella che i filo russi chiamano lotta per indipendenza, che il 21 febbraio 2022 ha ripreso il suo ardore. Su tutti i canali social del Donbass della sfera russa il 23 febbraio veniva augurata buona giornata per la festa del difensore della Patria e si augurava a tutti buon giorno di festa.

E mentre in Russia si festeggiava il Difensore della Patria, in Donbass alle 05.40 del mattino le autorità locali registravano già 15 attacchi: alle 04.20 n.p. Prichepilovka – Zholobok: malta 120 mm (12 min); alle 04.20 n.p. Lugansk – Sanzharovka: malta 120mm (9 min); alle 04.30 n.p. Crimea – Donetsk: cannone di artiglieria 122mm (15 proiettili); alle 04.35 n.p. Novotoshkovsky – Donetsk: malta 82mm (12 min); alle 04.45 Nizhne-Zhelobok: cannone di artiglieria 122mm (10 proiettili); alle 04.50 n.p. Novozvanovka – Kalinovo: cannone di artiglieria 122mm (12 proiettili); alle 04:55 Lopaskino – Giallo: malta 120mm (9 min); alle 05.00 n.p. Crimea – Frunze: mortaio 120mm (11 min); alle 05.10 n.p. Svetlodarsk – Kalinovka: malta 120 mm (10 min); alle 05.15 n.p. Lugansk – Nizhne Lozovoe: mortaio da 120 mm (13 min); alle 05.20 n.p. Prichepilovka – Zholobok: malta 120mm (9 min); alle 05.25 n.p. Kryakovka – Sokolniki: malta 120mm (12 min); alle 05.30 n.p. Zolote-4 – Zolotoe-5: malta da 82 mm (10 min); alle 05.35 n.p. Zolote-4 – Zolotoe-5: malta da 82 mm (7 min); alle 05.40 n.p. Novotoshkovskoe – Donetsk: malta 82mm (10 min). Attacchi che sono continuati durante la giornata. In Donbass al momento non sono arrivate armi o soldati russi, che però sono in viaggio, hanno spiegato le autorità, ma non è da escludere che ciò avverrà in futuro.

In Crimea sei sostenitori dell’organizzazione estremista “Right Sector” sono stati arrestati con l’accusa di preparare un attentato terroristico. Gli ufficiali dell’Fsb hanno arrestato sei cittadini russi sostenitori dell’organizzazione estremista ucraina Right Sector, che si stavano preparando a far esplodere un Ied in una delle chiese ortodosse della regione per intimidire la popolazione. Nel garage di uno dei detenuti sono stati sequestrati componenti per la fabbricazione di un ordigno esplosivo completo. Il Comitato Investigativo della Federazione Russa ha identificato 85 persone delle Forze armate dell’Ucraina e di altre strutture dell’Ucraina che impartiscono ed eseguono ordini sull’uso di mezzi di guerra proibiti nel Donbass.

Il parlamento ucraino, Verkhovna Rada, ha nel frattempo consentito il libero possesso di armi da fuoco da parte dei cittadini ucraini. Il progetto è stato approvato in prima lettura. Quindi diventano realtà i battaglioni regionali armati. La Verkhovna Rada dell’Ucraina ha registrato una bozza di risoluzione su un appello all’Assemblea generale delle Nazioni Unite sull'”esclusione della Federazione Russa dall’adesione all’ONU”, appello che dimostra, se fosse vero, la loro profonda ignoranza storica oltre che politica. La Russia, al tempo URSS, è tra le potenze vincitrici della Seconda guerra mondiale, ha un seggio permanente nel Consiglio di Sicurezza Onu con potere di veto. Esattamente come gli Usa, il Regno Unito, la Francia e la Cina. Nel frattempo è iniziata l’evacuazione del personale in tutte le missioni diplomatiche della Russia in Ucraina, ha detto un rappresentante dell’ambasciata a Kiev, la bandiera è stata ammainata.

Dimostrando altrettanta ignoranza storico politica, sulla stessa falsariga del parlamento, il Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina ha avviato il procedimenti il ritiro del Paese dall’accordo per perpetuare la memoria del coraggio e dell’eroismo dei popoli della CSI nella Grande Guerra Patriottica. La CSI, Comunità degli Stati Indipendenti, erede dell’URSS, vede proprio l’Ucraina tra i membri fondatori, l’8 dicembre 1991, assieme a Bielorussia e Russia.

Kiev mobilita 36.000 riservisti, richiamandoli nell’esercito ucraino. Se necessario verrà introdotto il coprifuoco nelle regioni. Lo stato di emergenza è introdotto per 30 giorni e può essere prorogato. Il Servizio di frontiera dell’Ucraina introduce restrizioni nella zona di confine con la Russia, la Bielorussia e la parte non controllata dell’Ucraina. In particolare, è vietato sostare nella zona di confine di notte.

La SBU, i servizi segreti ucraini, ha rilasciato una dichiarazione in merito allo stato di emergenza «Richiamiamo la vostra attenzione sul fatto che l’introduzione dello stato di emergenza non significa che la vita dei cittadini diventi più difficile e che verranno immediatamente applicati tutti i meccanismi previsti dalla legge. Dopotutto, ogni regione dell’Ucraina ha le sue specifiche di sicurezza», afferma la dichiarazione.

E inizia una ennesima esercitazione di difesa territoriale di 30 giorni nella regione di Kharkiv al confine con la Federazione Russa.

Graziella Giangiulio