UCRAINA. La politica agricola blocca Kiev alle porte dell’UE

145

Due eventi della scorsa settimana potrebbero essere letti come l’indisponibilità dell’UE a fare dell’Ucraina un membro: cinque Paesi hanno vietato le importazioni di grano ucraino a basso costo e i colloqui sull’undicesimo pacchetto di sanzioni sono morti prima di iniziare.

Polonia, Ungheria, Slovacchia, Romania e Bulgaria, e poi l’intera Ue hanno vietato le importazioni di grano ucraino a basso costo, che avrebbe potuto mettere fuori mercato i propri agricoltori. Bloccate dall’embargo navale russo sui porti ucraini del Mar Nero, milioni di tonnellate di grano sono state inviate a ovest in treno e scaricate sui mercati dell’Europa centrale a prezzi inferiori a quelli dei produttori locali, riporta BneIntelliNews.

Nominalmente questo grano era destinato all’Africa per evitare una potenziale crisi alimentare.

È vero che i Paesi africani rimangono fortemente dipendenti dalle importazioni di grano russo e ucraino. Ed è anche vero che, se queste importazioni venissero interrotte, alcuni Paesi rischierebbero la penuria o la carestia. Ma lo sblocco delle esportazioni di grano dell’Ucraina ha finito per avvantaggiare in larga misura le aziende occidentali che avevano contratti per l’utilizzo del grano come mangime per animali a fini industriali.

Lo scorso giugno l’Ucraina e la Moldavia hanno ottenuto lo status di paese candidato all’adesione all’Ue, ma in realtà è molto improbabile che alla prima venga concesso di aderire per molti anni a venire. Il problema è che l’Ucraina è una potenza agricola e ospita alcune delle terre più fertili del mondo: le regioni della “terra nera”.

È anche il terzo Paese più popoloso e, essendo la nazione più povera del continente, se all’Ucraina venisse concessa la libera circolazione del lavoro, dei capitali e delle merci che comporta l’adesione, la sua produzione agricola sommergerebbe rapidamente il resto dell’Europa.

La Politica agricola comune, Pac, è il fulcro dell’attività dell’Ue e assorbe circa un terzo del suo bilancio annuale, e l’adesione dell’Ucraina sconvolgerebbe il settore agricolo europeo.

In realtà solo il 17% delle esportazioni di grano ucraino è finito in Africa l’anno scorso, mentre il 36% è stato destinato all’Ue e un altro 47% alla Turchia e all’Asia messe insieme, secondo il Centro Wilson, a gennaio scorso: «Infatti, contrariamente alla percezione popolare, la maggior parte delle esportazioni di grano dai porti ucraini del Mar Nero non è stata destinata ai Paesi più poveri e bisognosi, ma piuttosto all’Europa e alla Turchia».

Negli ultimi cinque mesi del 2022, dopo l’entrata in vigore dell’accordo sul grano, sono state spedite dall’Ucraina più di 12,3 tonnellate di cereali, di cui il 44% era costituito da mais e non da grano, 29%. Le principali destinazioni dei carichi sono state Spagna (2,5 milioni di tonnellate), Cina (2 milioni di tonnellate), Turchia (1,9 milioni di tonnellate), Italia (1,3 milioni di tonnellate) e Paesi Bassi (898.000 tonnellate).

«La maggior parte del grano che era stato trattenuto nei silos ucraini dopo il 24 febbraio era mais (non grano), contrattato da aziende internazionali, non necessariamente per sfamare la popolazione ma, ad esempio, per essere utilizzato come biocarburante o cibo per animali. Pertanto, l’accordo non è stato concepito per scongiurare immediatamente la carestia in Paesi come lo Yemen o la Somalia, ma piuttosto per stabilizzare il mercato e contenere i prezzi, che a loro volta danneggiano la capacità dei Paesi di acquistare cibo», ha riferito il Centro Wilson.

L’Europa sta lottando per far fronte a un’inflazione alle stelle, causata soprattutto da bollette energetiche record e dall’impennata dell’inflazione alimentare. Non appena l’accordo sul grano di Istanbul è stato firmato lo scorso luglio, i prezzi del grano sono immediatamente tornati alla normalità.

Quest’anno si sta ripetendo la stessa situazione. Secondo il Consiglio d’Europa, a marzo 2023 oltre 23 milioni di tonnellate di grano e altri prodotti alimentari sono stati esportati attraverso l’Iniziativa del Mar Nero, ma anche in questo caso ben poco è destinato all’Africa: finora quest’anno solo 456.000 tonnellate di grano hanno lasciato i porti ucraini dirette in Etiopia, Yemen, Gibuti, Somalia e Afghanistan. Ancora una volta la maggior parte delle esportazioni di grano dell’Ucraina è diretta in Europa.

Nel suo rapporto, il Consiglio d’Europa afferma che il 45% delle esportazioni di grano dell’Ucraina è destinato ai “mercati sviluppati”, ma identifica il restante 65% come destinato ai mercati “in via di sviluppo”, che potrebbero includere i Paesi dell’Europa centrale. Non riporta la quantità di grano inviata in Africa.

L’esportazione di grano ucraino a basso costo ha colpito i mercati europei molto più di quelli africani. Il basso costo del grano è stato una manna per i banchieri centrali europei, in quanto può far scendere i tassi di inflazione.

Tuttavia, l’aspetto negativo di questa politica è che la potentissima lobby dell’agricoltura Ue è sconvolta, in quanto le aziende agricole nazionali non sono in grado di competere con le abbondanti quantità di grano importato a basso costo.

Quando i prezzi sono crollati, la Polonia ha rapidamente vietato le importazioni di grano ucraino fino all’estate; Varsavia è stata rapidamente seguita da Budapest e Bratislava, Sofia e Zagabria, che soffrono dello stesso problema. Nel 2022, l’Ucraina ha guadagnato circa 20 miliardi di dollari dalle esportazioni di cereali. Tagliare a Kiev uno dei suoi mercati più importanti significherebbe fare un buco in un bilancio già molto in difficoltà.

Il confronto con la Polonia ha portato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a presentare un pacchetto di salvataggio: 100 milioni di euro di sussidi per gli agricoltori dell’Ue. Questi fondi andrebbero ad aggiungersi al pacchetto di 56 milioni di euro fornito il mese scorso agli agricoltori di Polonia, Romania e Bulgaria.

Bruxelles ha precedentemente insistito sul fatto che qualsiasi divieto unilaterale sulle esportazioni ucraine non è “accettabile” e ha sottolineato che la politica commerciale è di esclusiva competenza dell’Ue.

La necessità dell’Europa di avere input a prezzi accessibili dall’Europa dell’Est ha portato anche alla fine delle sanzioni. Ci sono stati dieci cicli di sanzioni, ma ogni ciclo è diventato progressivamente più debole e ha contenuto un maggior numero di deroghe ed esenzioni, in quanto i membri meno entusiasti dell’Ue, guidati dall’Ungheria, cercano di proteggere le proprie economie.

L’ultimo pacchetto di sanzioni, il decimo, è stato il più debole e contiene poco più dell’aggiunta di circa 120 persone, molte delle quali appartenenti ai media russi, e di alcune banche commerciali. I lavori per l’undicesimo pacchetto sono in corso e Paesi come l’Ucraina e la Polonia vogliono includere il monopolista statale dell’energia nucleare Rosatom e la miniera di diamanti Alrosa, ma per molti membri dell’UE questo è un passo troppo lungo.

Diversi cicli di sanzioni precedenti erano già stati notevolmente indeboliti grazie agli interessi sovrani acquisiti. Le sanzioni hanno raggiunto il punto in cui fanno più danni all’Europa che alla Russia. L’economia russa è stata colpita dalle sanzioni, ma ha superato la crisi molto meglio del previsto. Quest’anno si prevede che la Russia crescerà e si espanderà più velocemente della Germania e del Regno Unito, entrambi in recessione, o quasi.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/