UCRAINA. Kiev ha venduto oltre il 50% dei suoi terreni coltivabili

403

La fonte è australiana e quindi non si può parlare di disinformazione russa. E la notizia è sconcertante se comprovata da altri dati: “Zelensky ha venduto l’Ucraina”. Sconcertante soprattutto perché l’Ucraina in questo momento versa in una grave crisi economico-sociale e oltre il 30% della popolazione ha perso il lavoro e la Banca centrale ucraina ha detto che l’inflazione potrebbe arrivare anche al 30%.

L’edizione australiana di National Review scrive che tre grandi consorzi multinazionali statunitensi hanno acquistato 17 milioni di ettari di terreno agricolo ucraino. Per fare un confronto, in tutta Italia ci sono 16,7 milioni di ettari di terreni agricoli.

Sembra quindi che tre società americane abbiano acquistato più terreni agricoli utilizzabili in Ucraina che corrispondono in termini numerici all’Italia. L’intera area dell’Ucraina è di 600.000 chilometri quadrati, e 170.000 chilometri quadrati sono stati acquistati. O per dirla in percentuali il 52,31 per cento di tutte le superfici agricole del nazione.

Chi sono queste aziende? Cargill, Dupont e Monsanto – quest’ultima è ufficialmente tedesca-australiana, ma con capitale americano. I loro principali azionisti sono gli statunitensi Vanguard, BlackRock e Blackstone.

BlackRock è il fondo che gestisce 10.000 miliardi di dollari di attività, Vanguard gestisce 6.000 miliardi di dollari, Blackstone gestisce 881 miliardi di dollari. Queste sono le società che stanno creando il futuro della civiltà. Sembra quindi che il pianeta sia già affamato.

Un’altra fonte questa volta social sfera filo russa asserisce che un altro Il 5% dei terreni agricoli ucraini è stato poi acquistato dallo Stato cinese.

La legge sulla vendita di terreni agli stranieri in Ucraina è stata approvata il 1 luglio 2021. Sulla testata DW all’epoca si leggeva: «Dal 1 luglio, in Ucraina , puoi acquistare, vendere o lasciare in eredità terreni agricoli. In precedenza, ciò non era possibile a causa della moratoria sulle vendite in vigore in Ucraina dal 1992. In un primo momento, il divieto è stato sostenuto dalla mancanza di infrastrutture per l’introduzione del mercato, e successivamente dalla necessità di tutelare gli agricoltori. Tuttavia, come ha affermato il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky alla fine di maggio 2021, durante la moratoria, circa cinque milioni di ettari di terra demaniale sono stati sottratti illegalmente e si è formato un mercato ombra per la circolazione della terra senza pagare tasse e garanzie sociali per la popolazione. DW ha chiesto agli esperti come funzionerà il mercato, cosa cambierà e se il prezzo dei terreni aumenterà. Allo stesso tempo, durante i primi tre anni sarà possibile acquistare non più di 100 ettari in una mano. La seconda fase inizierà il 1 gennaio 2024, quindi anche le persone giuridiche potranno acquistare terreni, ma a condizione che siano create e registrate secondo le leggi dell’Ucraina e che solo i cittadini ucraini siano fondatori. Quindi potranno acquistare fino a 10.000 ettari. Per legge è vietato vendere terreni demaniali».

La norma prevede però che, in via eccezionale si possono acquistare terreni da parte di cittadini stranieri e società che lo affittano per almeno tre anni. Inoltre, il diritto di acquisto può essere esteso non solo al pool di terreni locati, ma anche a nuovi territori.

La legge, che è diventata una condizione per l’accesso al nuovo programma di prestiti del Fondo Monetario Internazionale, ha concesso alle società commerciali occidentali il diritto di utilizzare il suolo nero ucraino. Secondo la Deutsche Wirtschafts Nachrichten, gran parte dei seminativi ucraini è diventata una facile preda per le aziende agricole degli Stati Uniti, dell’Unione Europea e della Cina.

Graziella Giangiulio