UCRAINA. Incendi nucleari attorno a Chernobyl

151

Nella zona di esclusione di Chernobyl, la foresta brucia da nove giorni. Al momento, il fuoco si sta avvicinando alla città di Pripyat. 

Come riporta 112 International, «L’incendio si è propagato attraverso la strada, ha viaggiato lungo la stazione ferroviaria di Yanov e si dirige verso Pripyat», si legge sulla pagina Facebook di Yaroslav Yemelianenko, membro del consiglio pubblico dell’Agenzia statale per la gestione della zona di esclusione dell’Ucraina.

Yemelianenko ha anche specificato che l’incendio si è propagato grazie al vento, che soffia verso la centrale nucleare di Chernobyl. «La situazione è critica. La zona è in fiamme. Le autorità locali riferiscono che tutto è sotto controllo, ma in realtà il fuoco si sta rapidamente impadronendo di nuovi territori», ha scritto Yemelianenko.

L’incendio si trova a due chilometri dagli impianti di stoccaggio delle scorie radioattive di Podlesny, dove si trovano le scorie più altamente radioattive di tutta la zona di Chernobyl, e della stessa Chernobyl.

Yemelianenko ha osservato che il 13 aprile, la Guardia Nazionale ucraina è entrata nella zona di Chernobyl per spegnere un incendio.

Allo stesso tempo, l’Agenzia di Stato per la gestione della zona di esclusione ha riferito che, a partire da questa mattina, l’area degli incendi nella zona di esclusione di Chernobyl non è aumentata nelle ultime 24 ore.

L’11 aprile, a Chernobyl, le unità del Servizio di emergenza statale, insieme ai dipendenti della guardia forestale dell’Agenzia statale per la gestione della zona di esclusione, hanno continuato a spegnere gli incendi nelle foreste di Korohodsky, Kotovsky e Denysovetsky.

L’enorme incendio boschivo si trova ora a un solo chilometro dalla defunta centrale nucleare di Chernobyl e presenta il rischio di radiazioni, ha affermato Greenpeace Russia il 13 aprile.   

Il Servizio per le situazioni di emergenza ha dichiarato che i livelli di radiazione nella zona di esclusione non sono cambiati e quelli della vicina Kiev, la capitale ucraina, «non hanno superato i livelli di fondo naturale».   

Greenpeace Russia ha detto che la situazione è molto peggiore di quanto le autorità ucraine credano, e che gli incendi coprono un’area mille volte più grande di quanto affermano. Il 4 aprile le autorità ucraine hanno detto che l’incendio ha coperto un’area di 20 ettari, ma Greenpeace ha citato immagini satellitari che mostrano che all’epoca era di circa 12.000 ettari, arrivando ad appena un chilometro di distanza dalla centrale nucleare, riporta Hurriyet.   

Luigi Medici