Ucraina: c’è una regia occulta?

78

UCRAINA – Donestk. 02/05/14. Sembra esserci una regia occulta dietro le rivolte dell’Ucraina Orientale. Quasi da film giallo o da reparti speciali. Quali? Dopo il tira e molla delle dichiarazioni da parte del governo ucraino, il presidente ucraino Turchinov ha infine riconosciuto che le forze di sicurezza ucraine non possono cambiare la situazione. Fonte Fedpress.ru.

 

La regia occulta vede in Ucraina orientale, una rivoluzione militare che assalta in un’unica giornata, il 30 aprile, diversi palazzi governativi e gli edifici amministrativi di tutta l’area orientale dell’Ucraina.

Lugansk:  il 30 aprile i sostenitori della federazione hanno preso il controllo della società concessionaria di stato della regione. In precedenza, i manifestanti avevano sequestrato il palazzo del ministero dell’Interno, la SBU, l’Amministrazione dello Stato e il Comune. Inoltre, gli attivisti filo-russi hanno eletto  il “capo della polizia del popolo”, Anatoly Naumenko.

La presa degli edifici arriva allo scadere dell’ultimatum proposto alle autorità. Tra le richieste avanzate dalle milizie: l’amnistia, il referendum sulla costituzione dell’Ucraina, l’abolizione del rincaro dei prezzi e delle tariffe, lo status ufficiale della lingua russa, la creazione della “Repubblica Popolare di Lugansk.”

Donetsk: il 30 aprile i sostenitori della federazione hanno occupato il consiglio del distretto di Kirov a Donetsk. 200 persone mascherate hanno dato l’assalto al palazzo. Hanno tolto la bandiera ucraina dal pennone, e al suo posto issato quella della Repubblica popolare di Donetsk. Inoltre, il governatore della città, Serhiy Taruta ha detto che i manifestanti hanno saccheggiato i dipartimenti di polizia del distretto di Leninsky. Ciò è avvenuto dopo i disordini del 28 aprile. «Durante la protesta pacifica a sostegno dell’unità dell’Ucraina si è rischiato un massacro. Questo è inaccettabile» ha detto il funzionario. 15 persone sono rimaste ferite gravemente di cui due ferite alla testa lottano tra la vita e la morte.

Gorlivka: il 30 aprile, a circa 40 km a nord di Donetsk, i sostenitori della federazione occupano il consiglio comunale e il dipartimento di polizia di quartiere.

Slovyansk: il 30 aprile il Ministero delI’Interno ucraino ha annunciato la conquista di tre posti di blocco a Slovyansk da parte dei sostenitori della federazione con l’Ucraina. Il dipartimento della polizia Ucraina in un primo momento ha sostenuto che questi posti di blocco erano sono controllati di agenti delle forze dell’ordine. Poi le milizie hanno detto di averli catturati. Come riportato da FederalPress, nei giorni scorsi, il presidente ad interim dell’Ucraina, Aleksandr Turchynov ha ammesso che le forze di sicurezza oggi non sono in grado di affrontare le milizie nelle regioni di Lugansk e Donetsk. In precedenza,  a marzo, in Ucraina orientale, cioè a Donetsk, Kharkiv e Lugansk, si erano tenuti i raduni dei sostenitori filo- russi; successivamente, le proteste si sono diffuse in diverse città della regione di Donetsk.