UCRAINA: Diario di guerra dal Donbass

517

Più di 70.000 residenti di LNR e DNR sono stati evacuati in Russia – Capo ad interim del Ministero per le situazioni di emergenza della Federazione Russa Alexander Chupriyan, nel frattempo continua l’esodo dal Donbass. Anche il 21 febbraio la gente ha lasciato Lugansk con le lacrime agli occhi. Sono costretti a lasciare le loro case, a salutare parenti e amici per sopravvivere e salvare i loro figli. Quarantatre regioni della Russia sono pronte ad accogliere rifugiati dal Donbass, quasi 400 centri di accoglienza temporanea sono preparati per l’accoglienza e altri 149 sono in riserva: a darne notizia il servizio stampa del Ministero per le situazioni di emergenza della Federazione Russa.

Nel frattempo si apprende dal rappresentante ufficiale della Milizia popolare dell’LPR Ivan Filiponenko che più di 400 volontari russi si sono uniti alle forze dell’LPR a febbraio, ci sono anche volontari delle repubbliche dell’ex URSS. Il capo del DPR Denis Pushilin il 21 febbraio ha invitato l’intera popolazione maschile della Repubblica a difendere la Patria e a presentarsi agli uffici di registrazione e arruolamento militare. La comunicazione avviene tramite megafoni mentre la popolazione, donne e bambini e anziani si dirigono verso i bus o le stazioni ferroviarie per lasciare il Donbass.

Il capo della DPR Denis Pushilin, il 21 febbraio, ha annunciato la battaglia tra i militari della repubblica e le forze ucraine avveniva vicino al confine con la Federazione Russa. «La situazione nella direzione di Mariupol è fortemente peggiorata. I militanti della 36a brigata hanno attaccato le posizioni delle unità della Milizia popolare nell’area di Kominternovo. C’è una battaglia vicino al confine con la Federazione Russa», ha scritto Pushilin in una nota.

L’amministrazione di Luhansk ha pubblicato un elenco di luoghi consigliati per un ricovero temporaneo della popolazione della capitale, si tratta per lo più di seminterrati, ospedali, scuole nel comunicato dell’amministrazione si legge: «Tutti questi seminterrati e seminterrati di ospedali, scuole ed edifici residenziali sono adattati solo per un riparo temporaneo, poiché mancano parzialmente di approvvigionamento idrico, fognario, illuminazione e aria forzata», afferma il rapporto.

E mentre sulla social sfera scorrono le immagini dei conflitti in Europa, le notizie ufficiali sottolineano che non ci sono conflitti in Donbass. Josep Borrell, l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza ha chiamato false segnalazioni di crimini contro la popolazione del Donbass: «I media statali russi continuano a diffondere storie false su presunte atrocità commesse contro la popolazione del Donbass. Il Cremlino sta chiaramente fabbricando pretesti per invadere l’Ucraina», ha affermato Borrel.

Le fonti locali del Donbass informano: «A causa dei bombardamenti a Skochinsky nella miniera del Donetsk, 266 persone sono rimaste sottoterra; per fortuna nessuna vittima». L’amministrazione del DPR in un comunicato ha detto: «La ventola principale di ventilazione è stata temporaneamente fermata oggi nella miniera intitolata a Skochinsky nel distretto Kirovsky di Donetsk a causa dei bombardamenti delle forze armate ucraine. C’erano 266 persone sottoterra, sono state prontamente portate in superficie, non ci sono vittime. I soccorritori stanno lavorando», afferma il rapporto. E ancora si apprende che i villaggi in prima linea di Donetsk e Golubovskoye nella LPR rimangono senza elettricità per il secondo giorno a causa dei danni causati dai bombardamenti dalla parte ucraina di una linea elettrica ad alta tensione – ha spiegato Viktoria Sergeeva, capo dell’amministrazione di Kirovsk. «Per ripristinare la linea di trasmissione dell’energia, è necessario un corridoio di di sicurezza, che ovviamente nessuno ci fornisce», ha detto Sergeeva.

Infine, come c’era da aspettarsi, le autorità del Donbass si sono rivolte alla Russia, il rappresentante ufficiale della Milizia popolare del DPR Eduard Basurin ha detto che le Repubbliche del Donbass hanno bisogno dell’assistenza finanziaria, militare e morale della Federazione Russa. «Prima di tutto, dopo tutto, morale (assistenza), finanziaria, non rifiuterei nemmeno io, è necessaria anche l’assistenza militare, in diversi settori», ha detto Basurin. Il capo della LPR Leonid Pasechnik ha chiesto al presidente russo Vladimir Putin di riconoscere la Repubblica popolare di Luhansk come stato indipendente. Chiede inoltre di considerare la possibilità di considerare un accordo di amicizia e cooperazione tra la Federazione Russa e la LPR, compresa la cooperazione nel campo della difesa. E infine Il presidente del Consiglio popolare della LPR Denis Miroshnichenko ha chiesto al presidente russo Vladimir Putin di riconoscere la Repubblica come stato sovrano e indipendente.

Il numero di bombardamenti giornalieri del territorio della LPR da parte dell’esercito ucraino è aumentato di otto volte dal 17 febbraio – l’ufficio di rappresentanza della Repubblica nel JCCC. Secondo l’ufficio di rappresentanza, dal 17 febbraio 2022 sono stati registrati 183 attacchi al territorio della LPR della repubblica da parte dell’esercito ucraino, di cui 102 utilizzavano armi pesanti. «In totale, 1.773 munizioni (268 proiettili, 915 mine, 584 granate, 6 missili guidati anticarro) sono state sparate sul territorio della LPR», ha affermato il ministero.

Dal 17 febbraio al 21 febbraio, 2 civili sono stati uccisi nel villaggio di Pionerskoye, 3 civili sono rimasti feriti nei villaggi: Prishib, Znamenka. 3 costruzioni abitative sono state distrutte negli insediamenti: Pionerskoe, Lozovoye, Prishib, 18 edifici residenziali e annessi negli insediamenti: Nikolaevka, Molochny, Raevka, Znamenka, Krasny Yar sono stati danneggiati, 4 infrastrutture sono state danneggiate negli insediamenti di Nikolaevka e Donetsk – Ufficio di rappresentanza LPR presso il JCCC. Secondo l’agenzia, durante il periodo di cui sopra, gruppi di sabotaggio di militanti ucraini hanno compiuto 2 atti di sabotaggio, minando i gasdotti nel villaggio di Malaya Vergunka e nel distretto di Kamennobrodsky della città si Lugansk. È stato impedito un atto terroristico sull’autostrada Lugansk-Krasnodo.

Due veicoli da combattimento di fanteria (IFV) delle forze armate ucraine sono entrati nel territorio della Russia per l’evacuazione di emergenza di un gruppo di sabotaggio ucraino, entrambi i veicoli sono stati distrutti dal fuoco delle armi anticarro russe scrive il servizio stampa del distretto militare meridionale. “Durante lo scontro per l’evacuazione di emergenza di un gruppo di sabotaggio dal territorio dell’Ucraina attraverso il confine di stato con la Federazione Russa, sono entrati due veicoli da combattimento di fanteria delle Forze armate ucraine”, ha detto il distretto.

Graziella Giangiulio