Ucraina: richiameremo i caschi blu

64

UCRAINA – Kiev. 31/05/14. Lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell’Ucraina non esclude il ritorno in patria di peacekeepers ucraini coinvolti in missioni ONU, per farli partecipare all’operazione antiterrorismo, se vi è un ulteriore escalation in Ucraina orientale. 

«La necessità fondamentale è restituire l’unità all’Ucraina. Siamo pronti e abbiamo sviluppato un piano di ritorno (dei peacekeeper), se è necessario» ha detto il vice capo della direzione principale della cooperazione militare e delle operazioni di mantenimento della pace del General Staff MAT, il colonnello Andrei Ordinovich in un briefing a Kiev ieri, 30 maggio, fonte eizvestia.com.

Egli ha anche osservato che la decisione di tornare in patria di peacekeepers ucraini è di competenza del Ministro della difesa, e del parlamento, Verkhovna Rada.

«Se la situazione diventa più allarmante, con una nuova escalation sarà compito della leadership politica farli tornare, noi adempiamo a questo compito a seconda di come si arriva ad un accordo con le Nazioni Unite» ha detto A.Ordinovich. Il rientro delle truppe NATO è da concordare con le Nazioni Unite. La Russia ha detto che è pronta a entrare in Ucraina con i caschi blu.