TURISMO. Più di 275 destinazioni adottano il “timbro” WTTC Safe Travels

46

Dopo il suo lancio appena 12 mesi fa, il popolarissimo bollino Safe Travels del World Travel & Tourism Council (WTTC) è stato ora adottato da più di 275 destinazioni in tutto il mondo. Il Wttc, che ha continuamente guidato il settore privato per ricostruire la fiducia del consumatore globale e incoraggiare il ritorno dei viaggi sicuri, ha fatto storia quando ha lanciato il primo timbro di sicurezza e igiene globale al mondo, solo 12 mesi fa.

Il timbro è stato sviluppato per aiutare a ripristinare la fiducia nei viaggiatori e mira a far rivivere il settore globale dei viaggi e del turismo che è stato devastato dalla pandemia Covid 19. Ora viene utilizzato da destinazioni di tutto il mondo, con le hotspot di Thailandia, Barbados, Cipro, Abu Dhabi, Bosnia ed Erzegovina, Mongolia e Kirghizistan, tra le ultime ad unirsi alla lista in continua crescita di Wttc.

Il timbro Wttc Safe Travels e i suoi protocolli globali sono stati abbracciati da più di 200 amministratori delegati del settore viaggi e turismo e da molti dei principali gruppi turistici del mondo. I protocolli del Wttc Safe Travel stamp sono stati progettati seguendo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Oms, e del Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, Cdc, e prendendo in considerazione le migliori pratiche dei membri del Wttc.

Il World Travel & Tourism Council rappresenta il settore privato globale dei viaggi e del turismo. I membri comprendono 200 amministratori delegati, presidenti delle aziende leader mondiali nel settore dei viaggi e del turismo di tutte le aree geografiche e di tutti i settori. Da più di 30 anni, Wttc si è impegnata a sensibilizzare i governi e il pubblico sull’importanza economica e sociale del settore Travel & Tourism, riporta un comunicato Wttc.

Secondo il 2021 Economic Impact Report di Wttc, durante il 2020, anno in cui è stato devastato dalla pandemia Covid-19, il settore Travel & Tourism ha dato un contributo del 5,5% al Pil globale ed è stato responsabile per la creazione di 272 milioni di posti di lavoro.

Maddalena Ingroia