TURISMO. Caldo e calo energetico: l’asse turistico si sposta verso il Golfo

112

Per i turisti che si sono recati in Europa in questi mesi estivi è stato sempre più difficile trovare temperature confortevoli. Straordinariamente, questo fatto ha aperto la porta ai Paesi del Golfo che hanno attratto i viaggiatori che tradizionalmente si recano a Parigi o a Roma.

Dei primi 10 Paesi al mondo in termini di arrivi turistici internazionali, cinque si trovano in Europa: Francia (1), Spagna (2), Italia (5), Germania (9) e Regno Unito (10), che ne fanno di gran lunga il primo continente. Il turismo dà un contributo importante all’economia europea, consentendole di finanziare ad esempio importazioni critiche dall’Asia e da altri mercati globali, oltre a creare posti di lavoro per milioni di cittadini, riporta Al Arabiya.

Essere un gigante del turismo genera anche ritorni geopolitici: ogni turista che ha la fortuna di vedere il patrimonio culturale di città come Firenze, Lisbona o Vienna se ne va con una maggiore affinità con il suo popolo, il che contribuisce a relazioni internazionali più favorevoli. Tuttavia, la falla emersa nel settore turistico europeo è stata la sua impreparazione alle alte temperature. L’estate 2022 è stata finora caratterizzata da condizioni di caldo torrido in Europa, con temperature superiori alla media e prolungate ondate di calore, causate dal cambiamento climatico.

Il disagio provato da residenti e turisti è stato aggravato da una crisi energetica che ha visto le autorità limitare l’uso dei condizionatori d’aria in Paesi come la Spagna. Entrambe le cause dell’aumento delle temperature sembrano destinate a persistere per qualche tempo.

Questi sviluppi offrono ai Paesi del Golfo l’opportunità di attrarre alcuni dei milioni di turisti che tradizionalmente si recano in Europa durante l’estate. I ritorni economici e geopolitici sono potenzialmente elevati e paesi come il Bahrein, l’Oman e gli Emirati Arabi Uniti hanno tradizionalmente posto il turismo al centro delle loro strategie economiche. Anche l’Arabia Saudita ha effettuato investimenti e riforme aggressive nel settore del turismo per cercare un’ulteriore fonte di reddito non petrolifero.

Tra i vantaggi che i Paesi del Golfo hanno cercato di sfruttare c’è il loro storico adattamento alla vita in un clima arido: l’aria condizionata è di prassi e, a differenza dell’Europa, i bassi prezzi del carburante creano condizioni favorevoli allo sfruttamento delle “comodità” turistiche.

Sfruttare l’opportunità richiede una strategia efficace, che ponga l’accento su due elementi. Il primo è la comprensione scientifica del proprio target commerciale: i turisti globali che cercano un posto dove trascorrere una o due settimane durante l’estate.

L’errore che molte autorità turistiche del Golfo stanno commettendo, avvisa il giornale, è quello di presumere che i potenziali turisti in entrata abbiano la stessa lista di desideri dei loro turisti in uscita: shopping e verde.

Al contrario, chi si reca in Paesi come la Grecia vuole molto di più che spiagge sabbiose: vuole immergersi nel profondo patrimonio culturale della civiltà greca. Ciò significa che se volete catturare lo sguardo di questi turisti, dovete offrire loro molto di più di un centro commerciale con aria condizionata.

Il primo passo per comprendere queste differenze e poterle sfruttare è uno studio professionale. Purtroppo, gli enti turistici dei Paesi del Golfo raramente dispongono di unità di ricerca. Nel migliore dei casi, si accontentano di dipartimenti di market intelligence, che danno un contributo importante alle operazioni, ma non costituiscono un sostituto soddisfacente agli studiosi esperti che studiano il turismo e consigliano i responsabili politici.

Una volta colmata questa lacuna, i Paesi del Golfo possono passare al secondo elemento critico di una strategia volta a conquistare quote di mercato turistico a spese dell’Europa: un marketing efficace.

Gli Emirati Arabi Uniti lo fanno con grande efficacia da anni, ma gli altri Paesi del Golfo hanno molto da imparare in questo senso e persino Dubai ha margini di miglioramento.

Il cambiamento climatico e la carenza di energia hanno costruito il 95% di una possibilità turistica per i Paesi del Golfo. Per il restante cinque per cento è necessaria un’astuta strategia culturale.

Maddalena Ingroia