Ankara pronta a vendere azioni TANAP

43

TURCHIA – Ankara. 09/054/15. Nel caso di un’offerta commerciale redditizia, la Turchia può vendere una parte delle sue azioni del progetto TANAP, ha detto Taner Yildiz, il ministro dell’energia e delle risorse naturali della Turchia al quotidiano Haberturk, riportato dall’agenzia Trend.az.

Yildiz ha riferito che un certo numero di Paesi hanno un interesse particolare per TANAP che trasporterà il gas dal giacimento di Shah Deniz in Azerbaijan dal confine georgiano-turco ai confini occidentali della Turchia. La capacità iniziale di TANAP dovrebbe raggiungere 16 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Circa sei miliardi di metri cubi di questo gas saranno consegnati alla Turchia e il resto per l’Europa. La Turchia riceverà il gas nel 2018, dopo che la Trans Adriatic Pipeline (TAP) sarà costruita costruito, il gas sarà consegnato in Europa nei primi mesi del 2020. BP e il consorzio TANAP hanno firmato il 13 marzo un patto parasociale, in base al quale BP diventerà uno degli azionisti di TANAP. L’accordo prevede che BP partecipi con una quota importante al progetto TANAP. A seguito del completamento di una procedura di applicazione giuridica, la lista degli azionisti di TANAP sarà il seguente: SOCAR – 58 per cento, Botas – 30 per cento e BP – 12 per cento.