TURCHIA. Senza F-35, jet russi o cinesi? Ankara deve scegliere cosa comprare

165

La Turchia sta cercando alternative all’F-35 dopo le sanzioni statunitensi e il suo allontanamento dal programma F-35. La Turchia aveva precedentemente annunciato piani per acquisire 100 jet F-35, ma gli Stati Uniti hanno eliminato Ankara dal programma nel 2019 dopo che aveva acquistato sistemi S-400 dalla Russia.

La Turchia ha sempre detto di essersi rivolta alla Russia dopo aver fallito nel raggiungere un accordo con gli Stati Uniti sull’acquisizione dei sistemi Patriot, e che gli S-400 non rappresentano un rischio per gli F-35, riporta AT. Tuttavia, i funzionari statunitensi hanno avvertito che operare l’S-400 vicino all’F-35 potrebbe permettere ai servizi segreti russi di conoscere le sue capacità, aiutando la Russia e altri operatori di S-400 a sviluppare contromisure adatte.

Nonostante le sanzioni statunitensi, l’anno scorso la Turchia ha fatto una richiesta formale agli Stati Uniti per 40 caccia F-16 e 80 kit di modernizzazione per le sue unità esistenti. Se gli Stati Uniti scegliessero di accettare la richiesta della Turchia, i legami tra i due attori potrebbero essere riparati. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno riserve significative nell’approvare la richiesta della Turchia, tra cui la questione dei diritti umani in Turchia e la lobby americana pro-Grecia.

La Turchia ha anche intrapreso un programma di jet da combattimento indigeno che mira a produrre un aereo funzionante entro il 2025 per essere messo in servizio entro il 2029. Il programma di caccia TF-X della Turchia è stato avviato nel 2016 e mira a sostituire la vecchia flotta di F-16 del paese.

Il caccia TF-X, aereo bimotore multiruolo, sarà caratterizzato da tecnologie sia statunitensi che russe. È previsto che sia alimentato da un motore a reazione General Electric F110 prodotto su licenza. Tuttavia, gli analisti dicono che questa scelta è troppo ottimista, poiché il Congresso degli Stati Uniti bloccherà molto probabilmente i trasferimenti di tecnologia dei motori a reazione alla Turchia. La Turchia sta anche guardando alla Russia come fonte alternativa di tecnologie chiave per i caccia, come motori a reazione, avionica, sistemi di propulsione, radar, sensori, sedili a espulsione e sistemi di collegamento dati.

In linea con lo sviluppo di un proprio caccia, la Turchia sta già producendo un proprio aereo d’addestramento per caccia leggeri. Il mese scorso, la Turchia ha annunciato che stava iniziando la produzione di massa del suo addestratore a getto supersonico TAI Hürjet, un avanzato jet addestratore e aereo da attacco leggero nella classe del Boeing T-7, il KAI T-50 e lo Yakovlev Yak-130.

La Turchia ha anche offerto questo tipo di jet d’addestramento al programma di aerei da combattimento leggero della Malesia. Un’altra opzione per la Turchia è quella di acquistare jet russi. Dopo che gli Stati Uniti hanno rimosso la Turchia dal programma F35, la Turchia ha minacciato di comprare il Su-35 ed eventualmente i più recenti Su-57 dalla Russia.

La Russia ha già detto di essere disposta a vendere il suo caccia Su-35 se la Turchia volesse comprarlo.

Tuttavia, la Turchia potrebbe affrontare problemi di interoperabilità e di costi se decidesse di acquistare i caccia russi. Le forze aeree della Turchia sono costruite intorno al jet F-16 e passare a un altro tipo comporterebbe la sostituzione di interi programmi di addestramento, catene di fornitura e logistica e regimi di manutenzione.

Oltre all’acquisto di jet russi, la Turchia potrebbe anche guardare all’acquisizione di caccia cinesi. La Turchia potrebbe cercare di acquisire il caccia cinese J-10C Firebird, che il Pakistan ha precedentemente ordinato. Inoltre, la Turchia e la Cina hanno già una sostanziale relazione di difesa, con la Turchia che sviluppa il suo missile Bora basato sul missile balistico B-611 della Cina.

Tuttavia, l’acquisto di caccia cinesi presenterebbe gli stessi problemi di interoperabilità, costi e sanzioni con gli aerei russi, anche se il J-10C costerebbe sostanzialmente meno delle cellule russe. Gli analisti occidentali hanno speculato sull’acquisizione turca di caccia cinesi per qualche tempo.

Tommaso Dal Passo