TURCHIA. Scarcerato il leader uiguro: la Cina insorge contro Ankara

157

La Cina ha espresso la sua forte obiezione al rifiuto della Turchia di estradare Abudukadir Yapuquan, importante attivista uiguro ritenuto dalle autorità di Pechino un terrorista alla gioia del movimento indipendentista del Xinjiang.

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha detto che la Cina ha chiesto alla Turchia di accettare il fatto che Abudukadir è un terrorista e di ribaltare la sua “decisione errata” per evitare di avere una grave influenza negativa sulle relazioni Cina-Turchia.

«L’Etim, il Movimento Islamico del Turkestan Orientale, è un’organizzazione terroristica elencata dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu ed è riconosciuta come tale dalla Turchia», ha detto Zhao, aggiungendo che Abudukadir è stato uno dei fondatori dell’Etim ed è stato accusato più volte di organizzare attività terroristiche sul territorio cinese. Zhao ha detto che le prove sono definitive, riporta Xinhua.

Le autorità turche hanno tolto le misure di controllo giudiziario e le restrizioni sull’uscita su Abudukadir Yapuquan. La Cina è fortemente insoddisfatta e si oppone fermamente alla decisione presa dal tribunale turco, ha detto Zhao.

Nel 2019, l’inizio del processo al leader Etim aveva avuto grande rilevanza. Yapuquan era apparso in tribunale in collegamento video dal centro di detenzione dove è stato tenuto già da tre anni. Lui e i suoi sostenitori hanno sempre detto di non aver mai usato la violenza e che era stato preso di mira per il suo attivismo politico.

Il suo caso è diventato un punto focale nella condanna internazionale della Cina per la sua brutale repressione degli Uiguri, la cui fede islamica e l’eredità culturale turca sono viste con sospetto dal governo.

Fuori dall’aula, centinaia di sostenitori di Yapuquan sventolavano le bandiere blu e bianche del Turkestan orientale e mostravano cartelli con la scritta “Non farti fregare, Turchia”.

La Turchia, che ha legami culturali e storici con gli uiguri, di solito è stata solidale con loro anche se ha intensificato gli sforzi per corteggiare ulteriori investimenti cinesi.

Yapuquan ha lasciato la Cina nel 1997 usando un passaporto falso e ha viaggiato in Arabia Saudita e Pakistan, dove si è unito a un piccolo, ma attivo gruppo di dissidenti uiguri. Si è trasferito in Turchia nel 2002 e ha vissuto liberamente fino a quando il governo, rispondendo alle pressioni della Cina, lo ha arrestato nell’agosto 2016.

Yapuquan era un ospite regolare di Istiqlal TV, un canale televisivo internet uiguro con sede a Istanbul, dove le sue interviste spesso si estendevano in ore di filippiche contro la Cina. Nel 2003, la Cina ha pubblicato una lista di 11 uiguri ricercati, tra cui Yapuquan.

Antonio Albanese