Ankara presta a Islamabad

44

TURCHIA – Istanbul 20/09/2013. La turca Eximbank, banca controllata dallo stato istituita per sostenere le esportazioni, ha firmato un accordo di 300 milioni di dollari con il governo pakistano il 17 settembre per fornire aiuti finanziari a progetti infrastrutturali e di urbanizzazione in Pakistan.

Alla riunione, organizzata dalla Confederazione turca di imprenditori e industriali (Tuskon), il ministro dell’Economia turco Zafer Çağlayan, il primo ministro pakistano Nawaz Sharif e Rızanur Meral, Presidente Tuskon hanno parlato del miglioramento delle relazioni commerciali tra i due paesi. Sharif, visti gli sviluppi economici e politici compiuti in Pakistan, ha invitato gli uomini d’affari turchi ad aumentare i loro investimenti nel paese: «Il Pakistan ha un futuro migliore davanti a sé e il nostro ordine del giorno, come governo, è aumentare la prosperità dei cittadini del paese iniziando con lo sviluppo dell’economia, fornendo la sicurezza dell’approvvigionamento energetico e la diminuzione della disoccupazione. Abbiamo anche in programma di costruire 500mila nuove case sui modelli messe a disposizione dall’Amministrazione per lo sviluppo edilizio della Turchia (Toki). Chiediamo ai costruttori turchi di attuare i progetti immobiliari del paese, nonché delle infrastrutture». Çağlayan ha lumeggiato i miglioramenti economici in corso in Pakistan, aggiungendo che l’arricchimento del Pakistan potrebbe rendere la Turchia più prospera . «Il volume degli scambi tra i paesi è costantemente intorno ai 175 milioni dollari da 10 anni, ma il volume commerciale ha tocca un miliardo di dollari l’anno scorso. Crediamo che le opportunità commerciali non potranno che aumentare in futuro».