TURCHIA. Per gli USA Halkbank può andare a processo

134

Il 19 aprile la Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso una sentenza contrastante sulla richiesta di Halkbank, istituto di credito di proprietà del governo turco, di essere considerato immune da un’accusa penale in un tribunale federale di Manhattan per presunta violazione delle sanzioni economiche imposte all’Iran da Washington.

Il tribunale ha stabilito che Halkbank non è immune in base al Foreign Sovereign Immunities Act, Fsia, del 1976. Tuttavia, ha rinviato a una corte d’appello federale la questione se Halkbank possa ancora rivendicare l’immunità sovrana da azioni penali secondo il diritto comune, riporta BneIntelliNews.

La Corte Suprema ha incaricato la Corte d’Appello del 2° Circuito degli Stati Uniti di riconsiderare la richiesta di Halkbank di annullare l’azione penale. L’istruzione significa che la Corte Suprema potrebbe, dopo il riesame, essere nuovamente chiamata a pronunciarsi sulla legalità dell’accusa.

L’accusa sostiene che funzionari governativi turchi e iraniani di alto livello hanno partecipato a uno schema di evasione delle sanzioni con Halkbank e i suoi funzionari. Sono state sollevate domande su cosa il presidente turco Recep Tayyip Erdogan – che in più di un’occasione ha fatto pressioni sull’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump per cercare di organizzare il lancio del caso – sapesse della presunta cospirazione, sebbene abbia sempre negato qualsiasi illecito. Alla fine del 2019 Erdogan si è lamentato con i giornalisti del fatto che il perseguimento di Halkbank da parte delle forze dell’ordine statunitensi nel caso fosse “illegale, brutto”.

«Secondo il punto di vista di Halkbank, un’azienda puramente commerciale che è direttamente e in maggioranza di proprietà di uno Stato straniero potrebbe impegnarsi in una condotta criminale che colpisce i cittadini statunitensi e minaccia la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, pur non affrontando alcuna responsabilità penale nei tribunali statunitensi», ha scritto il giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh nell’opinione di maggioranza sul caso, a cui si sono uniti altri sei giudici. «Nulla nella FSIA supporta questo risultato», ha scritto Kavanaugh.

In precedenza, la Corte Suprema aveva riconosciuto che una causa civile non disciplinata dalla legge FSIA poteva essere bloccata dall’immunità sovrana straniera secondo il diritto comune.

Il governo degli Stati Uniti, tuttavia, ha sostenuto che tale divieto non si applicherebbe a un’azione penale contro un’entità commerciale come Halkbank.

Halkbank è stata incriminata nell’ottobre 2019 da un gran giurì della corte federale di Manhattan. È accusata di aver cospirato per anni per eludere le sanzioni economiche statunitensi imposte all’Iran. La presunta evasione si è concretizzata nel riciclaggio di miliardi di dollari di petrolio e gas iraniani.

La banca è stata considerata “latitante” dalla giustizia dai procuratori di Manhattan nell’ottobre 2019 dopo che non ha inviato nessuno a un’udienza iniziale.

Nell’ottobre 2017, il commerciante d’oro turco-iraniano Reza Zarrab, che è diventato testimone di Stato, si è dichiarato colpevole in un tribunale di New York di sette capi d’accusa relativi allo schema.

Nel gennaio 2018, l’ex vice direttore generale di Halkbank Mehmet Hakan Atilla è stato condannato in un processo a New York per cinque dei sei capi d’accusa che gli erano stati contestati in relazione al caso.

Dopo aver scontato la pena detentiva ed essere tornato in Turchia nel 2019, Atilla è stato nominato direttore della Borsa di Istanbul, in quella che è stata considerata una sfida da parte dell’amministrazione Erdogan nei confronti delle azioni degli Stati Uniti contro la Halkbank e le persone che si dice siano state coinvolte nell’elusione delle sanzioni.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/