TURCHIA. Operativi i patriot homemade di Erdogan

135

Il sistema di difesa missilistica HISAR O+, che ha raggiunto la fase di produzione di massa nel mese di luglio, ha colpito con successo aerei bersaglio nei primi test effettuati a fine dicembre, stando al ministero della Difesa turco.

In una dichiarazione pubblicata su Twitter, riporta Daily Sabah, il ministero ha detto che il tiro di prova è stato effettuato presso il poligono di Aksaray il 24 dicembre 2021, da un sistema autonomo di lancio di missili. inoltre, il ministero della Difesa ha anche detto che l’HISAR O+ è pronto per l’uso.

Il sistema di difesa aerea a corto raggio Hisar-O+ ha una capacità di difesa a 360 gradi e sarebbe ingrato secondo Ankara di sparare simultaneamente contro almeno nove obiettivi diversi. Sarebbe quindi efficace contro aerei da guerra, elicotteri, missili aria-terra e veicoli aerei senza equipaggio, può anche intercettare obiettivi a una distanza di 25 chilometri con un raggio di 360 gradi.

Il progetto Hisar ha importanti aziende del settore difesa turche come azioniste, in particolare Aselsan e Roketsan, che hanno collaborato allo sviluppo del sistema di difesa aerea.

Oltre a questo progetto, è in corso anche lo sviluppo del sistema di difesa missilistica a lungo raggio SIPER che dovrebbe essere pronto entro il 2023.

All’inizio del 2021, precisamente a marzo, il sistema di difesa aerea a medio raggio Hisar-O+ aveva completato un’altro test di tiro, che era stato il più lungo e il più alto test di altitudine condotto nel paese fino alla fine del 2021, riporta Sputnik.

Il sottosegretario alla Difesa e capo del consorzio delle industrie della difesa, Ssb, Ismail Demir ha detto: «Il nostro sistema missilistico nazionale di difesa aerea ha colpito il bersaglio ad alta velocità ad alta quota nell’ultimo test di accettazione prima di entrare nelle disponibilità delle forze armate”, ha twittato Demir, ripreso dall’agenzia Anadolu.

Maddalena Ingrao