TURCHIA. Nuovo sistema Jamming per sostenere gli sciami di droni

47

L’azienda della Difesa turca Aselsan ha consegnato un sistema di contromisure elettroniche di nuova generazione alle forze armate turche.

«Abbiamo consegnato il sistema di attacco elettronico di prossima generazione Sancak alle forze armate turche, Tag, che fornirà un vantaggio significativo sul campo neutralizzando i sistemi di comunicazione strategici”, ha annunciato Ismail Demir su Twitter.

Aselsan ha precedentemente introdotto un sistema di guerra elettronica radar terrestre, Koral, che supporta la soppressione delle operazioni di difesa aerea nemica.

Sancak, riporta C4Isr è il soprannome del sistema di disturbo, jamming, ad alta frequenza Milkar-4A2 di Aselsan. È stato sviluppato per operazioni di attacco elettronico contro i sistemi di comunicazione in banda ad alta frequenza, cioè la parte dello spettro elettromagnetico tra le frequenze 3 e 30 MHz, situati su diverse piattaforme sul campo. Il sistema mira a danneggiare o bloccare completamente le comunicazioni HF del bersaglio e/o causare una trasmissione di dati errata, garantendo un vantaggio alle truppe amiche sul campo tattico.

Secondo l’azienda, il sistema può applicare un jamming efficace contro i bersagli che comunicano attraverso l’onda di terra, l’onda di cielo e l’onda di cielo a incidenza quasi verticale, o Nvis, nella banda di comunicazione HF. Per queste capacità, il sistema include antenne di disturbo a onde terrestri e a onde celesti/Nvis.

Sancak ha una capacità di supporto elettronico di base per sostenere le operazioni di attacco elettronico e utilizza ricevitori ad alta sensibilità per rilevare e analizzare i segnali deboli. Inoltre, il sistema ha uno strumento che aiuta l’operatore a pianificare i dettagli di una prossima missione. Lo strumento di pianificazione offre anche l’analisi della propagazione RF sul terreno.

I componenti del sistema di contromisura elettronica Sancak, il generatore a doppia potenza, i condizionatori d’aria, l’antenna a onde di terra e lo shelter del sistema sono integrati su una piattaforma di veicolo a 10 toni ad alta mobilità. Poiché tutta l’attrezzatura del sistema è stata portata su un unico veicolo, il sistema ha un’alta mobilità su un’area tattica accidentata. Il sistema potrebbe essere schierato su diverse piattaforme.

Sancak è considerato una risorsa importante per distorcere e interrompere le comunicazioni avversarie sul campo di battaglia per la Taf che ha usato intensamente la guerra elettronica durante le operazioni in Siria e Libia. La Taf, che ha operato attivamente con Uav armati in queste operazioni, deve il suo successo in questo settore al coordinamento dei veicoli aerei da combattimento senza equipaggio e dei sistemi di guerra elettronica. Se aggiunto alle attuali capacità Ew della Taf, Sancak colma una lacuna per attaccare i sistemi di comunicazione a lungo raggio dell’avversario in un ambiente network-centrico.

Lucia Giannini