Turchia. Nucleare nippo-francese

109

TURCHIA – Ankara. 3/5/13. Una alleanza nippo-francese formata dalla Mitsubishi Heavy Industries Ltd. e dalla società francese Areva costruirà la seconda centrale nucleare in Turchia.

Ad annunciarlo è stato il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan e dal ministro dell’Energia Taner Yildiz. Stando a quanto comunicato da Yildiz, il premier turco Recep Tayyip Erdogan e il primo ministro giapponese Shinzo Abe firmeranno un accordo sul progetto Sinop del valore di 21 miliardi dollari nel corso di una prossima visita di Abe in Turchia. Il nuovo impianto avrà una capacità di 4.500-5.000 megawatt, secondo fonti governative turche. La Mitsubishi Heavy Industries Ltd, uno dei costruttori degli impianti di Fukushima, sarà affiancata nel progetto dalla Itochu Corporation e dalla francese GDF Suez, che gestirà l’impianto. Il gruppo si è impegnato a installare un impianto nucleare di tipo  Atmea, costruito dal gruppo francese Areva. Il consorzio nippo-francese è in trattative con Ankara dalla metà del 2012, assieme a imprese provenienti da Canada, Corea del Sud e Cina. Il progetto, secondo impianto nucleare della Turchia, contribuirà a fare della Turchia una potenza energetica entro un decennio, soppiantando la Gran Bretagna. Ankara sta cercando di sviluppare il nucleare, al fine di sganciarsi dal petrolio e dal gas importato. La costruzione della prima centrale nucleare della Turchia, nella provincia meridionale di Mersin, è prevista a partire dal 2015. La russa Rostatom ha stimato che il progetto sarà completato nel 2019. Entrambi gli impianti si sono guadagnati una serie di aspre critiche da gruppi ambientalisti e una vasta gamma di analisti, che denunciano il fatto che la costruzione avverrà su terreni sismicamente instabili. Gli ambientalisti hanno anche messo in dubbio la gestione turca delle scorie ma i russi hanno detto che i rifiuti siano trasportati in Russia per lo stoccaggio. Ankara infine prevede di costruire tre centrali nucleari.