TURCHIA. Non solo moschee, a Kibyra si fa la fila per vedere Medusa

56

Mentre salgono alla ribalta della cronaca le continue trasformazioni dei musei luoghi cari ai cristiani come ai musulmani in moschee in Turchia, a Burdur c’è la fila per vedere a Kibyra, Medusa. A scriverlo è il quotidiano turco Hurriyet,.

Si tratta di una figura di “mostro di femmina dai capelli di serpente e dai denti aguzzi” di 2.000 anni, è il mosaico di Medusa, che adorna la sezione dell’orchestra dell’Odeon da 3.600 posti nell’antica città di Kibyra, nel distretto di Gölhisar, nella provincia meridionale di Burdur.

Il mosaico raffigurante Medusa, fu costruito con marmi colorati con la tecnica “Opus Sectile” nelle prime fasi del I secolo d.C. e si credeva che “trasformi in pietra i malvagi che la guardano negli occhi” nella mitologia, è l’unico esemplare e solo al mondo rimasto.

Il mosaico della Medusa al centro dell’Odeon, che nell’antichità fungeva da area per concerti, parlamento, tribunale e teatro coperto, attira l’attenzione dei visitatori con la sua gloria durante il periodo di normalizzazione.

Il mosaico, che viene chiuso con cinque diversi strati da esperti ristoratori per oltre nove mesi all’anno al fine di evitare che subisca danni dalle intemperie, può essere visitato fino alla fine di settembre nell’antica città di Kibyra, 108 chilometri dal centro di Burdur.

Parlando con l’agenzia statale Anadolu, Şükrü Özüdoğru, capo degli scavi di Kibyra e accademico della Mehmet Akif Ersoy University (MAKU), ha affermato che la struttura dell’Odeon, dove si trova Medusa, è stata portata alla luce nel 2012 dopo tre anni di scavi.

Özüdoğru ha affermato che il progetto di restauro e conservazione dell’Odeon e del mosaico di Medusa al centro è stato preparato dal Ministero della Cultura e del Turismo e che Kibyra è diventata famosa nei circoli archeologici con l’emergere della struttura e del mosaico.

Spiegando che Medusa è un pavimento a mosaico unico fatto di sottili lastre di marmo, Özüdoğru ha detto: «L’unica Medusa che conosciamo oggi è nell’Odeon di Kibyra, realizzata con Opus Sectile, una tecnica di giustapposizione di sottili placche di marmo colorate tagliate in varie forme geometriche e dimensioni. Per questo motivo, Medusa è coperta per un certo periodo di tempo ogni anno per protezione (…) Quando guardiamo la disposizione dei posti a sedere e la capienza del mosaico di Medusa nell’Odeon, possiamo dire che serviva la classe alta della città. L’antica città di Kibyra accompagna i suoi visitatori in un viaggio antico con il suo Odeon a mosaico di Medusa, uno stadio con una capacità di 10.400 persone, un teatro per 8.000 persone, un’agorà che sorge con tre terrazze e un bagno romano orientale del tardo periodo».

Maddalena Ingroia