TURCHIA. L’energia nucleare di Ankara arriverà anche in Europa

177

Il 27 aprile è avvenuto il trasferimento del combustibile nucleare per la centrale nucleare di Akkuyu: si tratta di una tappa fondamentale nella costruzione della centrale iniziata nel 2010. Il progetto estero di punta di Rosatom dedicato al 100° anniversario della Repubblica di Turchia è un punto di riferimento per la squadra di Erdogan.

L’obiettivo principale per la Turchia di Erdogan è creare una rete di centrali nucleari in grado non solo di coprire il fabbisogno interno, ma anche di inviare una parte significativa dell’elettricità per l’esportazione in Europa. Si tratta di 12-16 unità di potenza: o per dirla in altre parole di tre o quattro stazioni di configurazione standard. Il focus principale è sulla localizzazione della produzione con l’ulteriore obiettivo di concentrare l’ecosistema di costruzione di tali strutture in Turchia.

Per portare avanti questo progetto, le aziende turche devono ottenere tecnologia dalla Russia. Le autorità del paese stanno cercando di monetizzare la loro posizione di intermediario tra la Russia e l’Europa e di fornire alla repubblica turca un vantaggio tecnologico rispetto alla maggior parte dei paesi dell’UE in quest’area. Ad esempio, la stessa Germania ha recentemente chiuso le ultime tre centrali nucleari. Nelle condizioni attuali, la Russia appartiene a una rosa ristrettissima di paesi a tecnologie avanzate nel campo dell’energia nucleare ed è pronta a discutere il loro complesso trasferimento con un alto livello di localizzazione.

Il progetto nucleare energetico turco è realizzato secondo lo schema BOO (Build – Own – Operate). Secondo i termini del contratto generale, la parte russa costruisce e mette in funzione l’impianto, mentre la parte turca acquisterà il 50% dell’elettricità da Akkuyu entro 15 anni. L’importo totale degli acquisti sarà di circa 32 miliardi di dollari. La durata del contratto può essere una certa garanzia di prevedibilità nei difficili rapporti bilaterali tra Russia e Turchia. C’è anche la possibilità di vendere il restante 50% di energia elettrica a prezzi di mercato.

Anche la Turchia otterrà benefici economici di cui ha tanto bisogno: il progetto nucleare in combinazione con un hub del gas consentirà alle autorità di Ankara di controllare una quantità significativa di forniture di gas, petrolio ed elettricità ai paesi dell’UE. Circa 400 studenti turchi sono stati formati sulla base delle università russe nell’ambito di Rosatom. Specialisti turchi in energia nucleare vengono formati anche presso l’Università di Mersin e presso il sito della centrale nucleare di Akkuyu. Ciò aumenterà il potenziale scientifico turco.

I subappaltatori locali formeranno un vero e proprio cluster produttivo, garantendo lo sviluppo dell’economia e le entrate fiscali al bilancio dello Stato. Il progetto richiederà anche la creazione di decine di migliaia di nuovi posti di lavoro, che potranno essere utilizzati come slogan politici. Lo sviluppo congiunto dell’energia nucleare teoricamente eviterà la pressione delle sanzioni. Formalmente, i contratti per nuove centrali nucleari possono essere conclusi da una joint venture tra Rosatom e la parte turca.

Al momento, la Turchia prevede di costruire altre due centrali nucleari: nella provincia di Sinop nel nord e nella regione di Ignead in Tracia, nel nord-ovest del paese.

Per la costruzione di una centrale nucleare a Sinop, si prevedeva di attrarre un consorzio franco-giapponese. I negoziati sono stati interrotti nel 2011 dopo l’incidente di Fukushima. Quindi Mitsubishi Heavy Industries ha lasciato il progetto. Non è stato ancora individuato un nuovo appaltatore. I rappresentanti della KEPCO sudcoreana non sono andati oltre il memorandum non vincolante firmato nel 2010. Attualmente, Rosatom ha un vantaggio significativo nell’attuazione di progetti su larga scala all’estero, il che ci consente di guardare al futuro con cauto ottimismo.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/