TURCHIA. Kilicdaroglu ha il vento in poppa per battere Erdogan

238

Il Think Tank Tepav di Ankara afferma che Kemal Kilicdaroglu è in grado di sconfiggere il presidente uscente Recep Tayyip Erdogan alle prossime elezioni di metà maggio. Kilicdaroglu, noto come “Gandhi Kemal” per la sua somiglianza con lo storico leader indiano, è stato scelto il 6 marzo come candidato della coalizione di opposizione per la prova di forza del 14 maggio, nonostante le preoccupazioni per il fatto che l’economista 74enne dalla parlantina pacata non abbia mai vinto un’elezione importante nella sua lunga carriera politica e sia ampiamente descritto come privo di carisma.

Tuttavia, la coalizione di sei partiti, nota come Alleanza Nazionale o “Tavola dei Sei”, sta presentando la sua sfida a Erdogan come un pacchetto che include Kilicdaroglu e i popolari sindaci di Istanbul e Ankara – rispettivamente Akrem Imamoglu e Mansur Yavas – che diventerebbero vicepresidenti nel caso in cui l’autoritario Erdogan venisse mandato via, riporta BneIntelliNews.

Il Tepav, ripreso dal Financial Times, ha ammesso che, in netto contrasto con Erdogan, Kilicdaroglu è conosciuto come un oratore noioso ma Kilicdaroglu si è comportato meglio in pubblico negli ultimi tempi, compreso il suo vittorioso discorso al Parlamento di questa settimana, dopo la sua scelta come sfidante di Erdogan, che “è entrato in contatto con la gente”. Ora c’è “molta energia nei circoli dell’opposizione”.

Kilicdaroglu, membro della setta minoritaria degli Alevi in un Paese a maggioranza musulmana sunnita, ha guidato per 13 anni il principale partito di opposizione della Turchia, il Partito Popolare Repubblicano, Chp. La Tavola dei Sei è una coalizione ingombrante. Comprende islamisti, nazionalisti e membri di orientamento più liberale. Per mantenere tutti uniti e a bordo per la campagna elettorale, Kilicdaroglu ha deciso che non solo Imamoglu e Yavas del Chp sarebbero diventati vicepresidenti, ma anche i leader degli altri cinque partiti della coalizione.

Il Tavolo dei Sei ha “ora maggiori probabilità di vittoria” dopo aver coinvolto i popolari sindaci delle città, ma formare un messaggio unitario con sette candidati vicepresidenti dalle ideologie molto diverse sarebbe “estremamente difficile”, riporta il giornale online.

L’artefice delle elezioni parlamentari e presidenziali potrebbe essere il Partito Democratico dei Popoli, Hdp, minoranza filo-curda, terzo partito in parlamento. Dato che il blocco dell’opposizione comprende il partito nazionalista IYI (Partito del Bene) e il partito Saadet (Partito della Felicità), c’è il timore che una stretta collaborazione con l’Hdp possa allontanare alcuni elettori dal Tavolo dei Sei, ma il 9 marzo i due partiti dell’alleanza di opposizione hanno dichiarato che sosterranno i colloqui con l’Hdp se il partito appoggerà Kilicdaroglu come sfidante di Erdogan.

Una vittoria al primo turno delle elezioni presidenziali, che richiederebbe più del 50% dei voti espressi, sembra irraggiungibile senza il sostegno dell’Hdp. Se questa soglia non viene raggiunta, si andrà al ballottaggio tra i due candidati più votati. Il 6 marzo, il co-leader dell’Hdp, Mithat Sancar, ha chiesto un colloquio con il Tavolo dei Sei “sui principi” che potrebbero aprire la strada al sostegno del partito a Kilicdaroglu.

Birol Aydin, portavoce del partito Saadet, ha dichiarato ad Haberturk che Kilicdaroglu dovrebbe parlare con l’Hdp. La leader del partito IYI, Meral Aksener, ha dichiarato che non si opporrebbe alla formazione di un dialogo con l’Hdp da parte di altri partiti, ma non si unirebbe a tali discussioni.

Anche altri due partiti dell’alleanza, il Partito Deva il Partito del Futuro, sarebbero favorevoli a colloqui con l’Hdp, afferma Reuters. In precedenza, l’Hdp aveva detto che avrebbe schierato un proprio candidato contro Erdogan insieme a un’altra alleanza di partiti di sinistra e filo-curdi, ma ora sta rivalutando questo approccio.

La Corte costituzionale turca sta esaminando un caso volto a chiudere l’Hdp per presunti legami con i militanti curdi, che il partito nega. Un grande problema per Erdogan nelle prossime elezioni è la rabbia in Turchia per il fatto che un enorme numero di edifici scadenti – considerati in genere come costruiti a causa della corruzione, dell’inettitudine o dell’incompetenza dei funzionari nel corso di molti anni – sono stati “schiacciati” dal disastro sismico del 6 febbraio, il che significa che il bilancio turco delle vittime dei terremoti si sta dirigendo verso i 50.000 morti e potrebbe salire molto di più.

Diversi media hanno evidenziato come Erdogan e il suo Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, Akp, si rendano sempre più conto di non poter dare per scontati i voti del passato, vista la furia e lo sgomento per l’enorme numero di vittime causate dal disastro.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/