TURCHIA. Iraniani alla conquista del mercato immobiliare turco

61

Gli iraniani sono saliti in cima alla classifica dei cittadini stranieri che acquistano immobili residenziali in Turchia, secondo i dati forniti dall’Ufficio statistico turco, Turkstat, usciti il 15 marzo.

La proliferazione di acquirenti dall’Iran è dovuta principalmente alla mossa dell’amministrazione Erdogan di permettere a uno straniero che spende un minimo di 250mila dollari per una proprietà nel paese di ottenere un passaporto turco. Il valore del passaporto è apprezzato da molti iraniani della classe media. In precedenza, questi iraniani guardavano al Canada o al Regno Unito per una seconda casa, ma negli ultimi anni questi paesi hanno reso più difficile l’accesso ai viaggi e al mercato per i titolari di passaporto iraniano.

A febbraio, gli iraniani hanno comprato 477 appartamenti e ville per le vacanze in Turchia, ha detto Turkstat. In gennaio e febbraio, 936 iraniani hanno acquistato proprietà nel paese. I cittadini iracheni hanno preso il secondo posto per gli acquisti, comprando 432 residenze in Turchia a febbraio, e 817 tra gennaio e febbraio. I russi erano al terzo posto a febbraio, comprando 259 residenze. Quelli azeri hanno acquistato 77 proprietà, mentre gli investitori kazaki ne hanno acquistate 119 a febbraio, riporta BneIntellinews.

In totale, 2.964 proprietà in Turchia sono state vendute a stranieri a febbraio, segnando un calo del 26% a/a da 4.005. Le vendite di immobili nei prossimi mesi primaverili ed estivi vedranno probabilmente un’impennata con l’allentamento delle restrizioni sul coronavirus, permettendo a più viaggiatori di entrare in Turchia.

«Gli iraniani sono stati tra i primi investitori nel mercato immobiliare turco negli ultimi anni, ma dall’anno scorso sono diventati i primi acquirenti, superando gli investitori dall’Iraq e dalla Russia (…) La ragione è abbastanza ovvia, naturalmente. L’Iran ha subito un’enorme pressione economica da parte dell’amministrazione statunitense sotto Trump e l’economia è in condizioni terribili… Aggiungete l’alta inflazione e il continuo deprezzamento della valuta nazionale e avrete tutte le ragioni che cercano per emigrare (…) Con il numero limitato di opzioni per la maggior parte degli iraniani, la Turchia è una delle scelte migliori per loro. È proprio la porta accanto. Il costo della vita è più basso che in altri paesi e i due paesi condividono molti valori religiosi e culturali», riporta il giornale.

Graziella Giangiulio